Sunday, October 31, 2010

Rivoluzioni culturali

山楂树之恋 (The Love of the Hawthorn Tree) è l’ultimo film di Zhang Yimou. Storia d’amore tra due giovani cinesi, nel pieno della rivoluzione culturale. Anche stavolta si vanno a toccare tematiche scomode e sensibili, delle quali ai cinesi (ufficialmente) non piace parlare. Se dicono che Zhang Yimou ha un pubblico soprattutto di occidentali un motivo ci sarà…

http://v.youku.com/v_show/id_XMjE4MjI5NzE2.html

(in cinese con sottotitoli in inglese e cinese)


高考1977 (Turning Point 1977), di Jiang Haiyang. Anno 1977, il presidente Mao è morto da poco e con lui stanno finendo gli eccessi della rivoluzione culturale. La Banda dei quattro sarà a breve processata e giustiziata, Deng Xiaoping prepara la scalata al potere. In questo clima di cambiamento radicale, dei giovani studenti di arte osservano il procedere degli eventi politici per inseguire un riscatto personale e la possibilità di entrare all’università.

http://www.youku.com/show_page/id_zcc156618962411de83b1.html

(in cinese, senza sottotitoli)


11度青春系列电影. È una serie televisiva che illustra la realtà e le contraddizioni della gioventù cinese negli ultimi anni del boom economico e cambiamento negli usi e costumi della società. Storie stupide e bizzarre, dal sapore fastidiosamente coreano o hongkonghino, ma iper-realista è l’immagine che ne esce dei giovani cinesi e la parodia di una società in transizione.

http://v.youku.com/v_show/id_XMjE4MDU1MDE2.html

(in cinese, con sottotitoli in cinese ed inglese)

Saturday, October 30, 2010

Unsafe sex rife among college students

"GUANGZHOU - Chinese college students are developing increasingly open attitudes toward sex but do not have a strong awareness of safe sex, a survey released on Friday has suggested.

Some 48 percent of students polled in the survey accepted premarital sex, the survey said.

The study was conducted by the Guangdong provincial population and family planning commission and Guangdong provincial sexology association between Oct 9-15. The survey consulted 1,000 students at 10 universities in Guangzhou, the capital of Guangdong province.

Only 34 percent of respondents said they used condoms. Nearly 30 percent of respondents said they did not think it was necessary to use condoms."


Read all the article: China Daily
http://www.chinadaily.com.cn/china/2010-10/30/content_11479855.htm

Greenpeace accuses Walmart in Beijing of selling tainted produce

" "Profit over people," read the banner held by Greenpeace members at the Dajiaoting branch of Walmart in Beijing Thursday at 11 am, when the environmental protection organization gave the retail giant its Golden Scales Award for allegedly selling tainted produce.

"The scale has two trays. The lower one holds the dollar, while people's health and the laws are in the higher one," said Wang Weikang, chief director of the food and agriculture program of Greenpeace China. "Walmart ignores the health of the Chinese people and Chinese laws."

According to the report issued by Greenpeace China on October 21, residue from highly toxic farm chemicals, including the pesticide carbofuran and the insecticide parathion, both banned by the Ministry of Agriculture, were found on fruits and vegetables sold by Walmart."


Read all the article: Global Times
http://china.globaltimes.cn/society/2010-10/587587.html

Friday, October 29, 2010

Questione di strisce

A Pechino un pedone ha la precedenza solo quando non passa nessuno...

Thursday, October 28, 2010

聚会和女孩

"聚会和女孩,莫拉和费德遭司法调查
辩护律师:总理与摩洛哥未成年少女事件无关

米兰——意大利司法当局以协助及教唆他人卖淫的罪名,对米兰影视界巨亨达里奥•“莱莱”•莫拉以及贝卢斯科尼的铁杆支持者、Mediaset传媒公司下属的Tg4电视台台长艾米里奥•费德展开司法调查。之所以会对以上两人进行调查,是因几个月前,一名原籍为摩洛哥的未成年少女宣称自己曾多次参加意大利总理西尔维奥•贝卢斯科尼官邸举行的狂欢,并与其有过不一般的关系。据报道,这名叫鲁比的少女是一个问题女孩,曾多次从位于西西里的家庭或未成年法庭委托的家庭中出逃。

这起米兰检察院的调查没有涉及个人隐私,也没有权力却审查寻欢作乐的类型,以及那些参加聚会的女孩们是否选择在那里过夜。该司法调查的目的是为了查证这些参加聚会的女孩们是否卖淫,以及事后是否试图勒索。从这个角度而言,该调查试图弄清楚这名摩洛哥女孩证词的可信度。无独有偶的是,因两件表面上毫无关联的事件,导致该女孩的发言引发了一场针对他人的带有偏见性的司法调查。第一件事件发生在5个月前,该女孩曾暂居前贝卢斯科尼牙医、 Colorado Cafè电视节目舞女妮克拉•米内迪的家中。米内迪在今年3月份曾“空降”贝卢斯科尼在伦巴第大区主席竞选的成员名单。第二件事件发生在今年6月中旬,米兰影视 界巨亨达里奥•“莱莱”•莫拉之女曾向米兰未成年法庭提出要求收养这名摩洛哥少女,但法院驳回了莫拉女儿的请求,并将该女孩委托一名叫卢卡•朱利安特的律师收养。有意思的是,此人不仅是莫拉的辩护律师,同时还是由贝卢斯科尼领导的自由人民党伦巴第大区党部秘书兼前意大利力量党的财务负责人。此外,他还是帮助被拒绝的福尔格尼竞选名单进行上诉的主要辩护律师之一。

或许只有贝卢斯科尼总理的“御用律师”兼自由人民党议员尼克洛•戈蒂尼对此事有着比较清晰的看法,他通过法律授予的调查初期的防守调查权力(就如以前发生过的《日报》报道法西诺遭监听事件那样),对一些涉及此事件的人员进行询问。他与皮耶罗•隆葛律师发表声明称,“此前鲁比所宣称的在贝卢斯科尼总理官邸发生的事件报道是毫无根据的”。昨天,米兰检察院的检察长艾德蒙托•布鲁迪安排警员,阻止闻讯而来的记者进入他和负责该案件统筹工作的皮耶特罗•佛尔诺副检察官的办公室。戈蒂尼律师还表示称,“米兰检察院也已一再表示没有这方面的调查。通过对众多知情人士的查证可发现,这是一件毫无根据的、蓄意捏造的新闻报道而已 ”。

莫拉在过去就与其辩护律师娜蒂亚•阿莱奇证明过,被司法调查不意味就会遭起诉或被判刑。在2007年7月,罗马法院驳回有关他向弗朗西斯科•托蒂勒索5万欧元的起诉。此外,米兰检察官弗兰克•迪马约曾以蓄意勒索摩托车车手马克•梅兰德里、阿涅利家族家族继承人拉普•艾尔坎恩、前国米球星阿德里亚诺和科科的罪名,要求起诉莫拉和摄影师法布利乔•科罗纳,但在2008年3月,初审法官恩里克•曼茨却宣判以上两人无罪。在2008年7月,波坦扎地方检察院检察官伍德科克向法庭提出不予受理莫拉涉嫌教唆他人卖淫的申请。

如今,艾米里奥•费德也期望能通过这个方式获得无罪,事实上从刑法角度而言,他也从未涉及过总理的“桃色新闻”。在2009年,在发生了贝卢斯科尼在那不勒斯参加18岁少女莱蒂茨亚的生日聚会的事件后,费德就曾解释称,莱蒂茨亚曾参加过一次由Tg4电视台组织的试镜活动。当时莱蒂茨亚在其母亲的陪伴下参加了“meteorina”电视节目的试镜,不过在她朗诵了一段文章后,费德当即表示她未过关,并建议其多参加一些相关培训。之后,莱蒂茨亚的前男友曾坚称,贝卢斯科尼在一次午餐或晚餐中,通过一本由费德放在台子上的画像册看到了莱蒂茨亚的照片。此外,莱蒂茨亚的前男友还表示曾听到费德和贝卢斯科尼打电话给莱蒂茨亚。但费德强烈否认了以上两种说法,宣称这是“虚造的”,并认为这只是“一个年轻的那不勒斯工人的失望不满的记忆而已”。“

Luigi Ferrarella, Giuseppe Guastella
28 ottobre 2010

路易吉•费拉瑞拉

乔塞佩•瓜斯特拉

2010年10月28日

翻译 钱姚俊

来源:Corriere della Sera
http://www.corriere.it/International/chinese/articoli/2010/10/28/Lele-Mora-Emilio-Fede-suspected-complicity-prostitution.shtml

La religione degli intellettuali

"La stragrande maggioranza degli intellettuali non crede nella religione cristiana, ma in pubblico lo nasconde perché teme di perdere la sua fonte di reddito"

Bertrand Russell

Men deflated by sex lives says survey

"Only 0.5 percent of Chinese men are consistently satisfied with their sexual experiences and the amount of sex they are getting is "far less" than people enjoy in Western countries, according to a new survey.

The survey says that almost 70 percent of Chinese men have sex between two and five times a month.

"The frequency for men in Western countries is between two and five times a week," said Zhang Yilan, an official from the Chinese Medical Development Research Council who was among the experts involved in the survey.

The research, which took five months to complete and involved 33,000 men, was conducted jointly by the council and Beijing Dawn Hospital. It included an online questionnaire, Beijing-based street interviews and analysis of hospital records.

The findings were released earlier this week.

Zhang said the survey set 100 as the maximum for satisfaction from sex.

"Seventy percent of men rated their satisfaction under 60. If we take 60 as a pass score, it means that 70 percent of men failed. I was surprised by that," she said.

In addition to discovering that Chinese men who took part in the survey have less frequent and less rewarding sex lives than men in the West, the survey found that only 1 percent of respondents underwent sexual health checkups once a year. And nearly 70 percent of respondents said they would not even talk to doctors about problems with their sex lives.

Wang Xiaofeng, a doctor from Peking University People's Hospital, said that, nationwide, one in three men display some symptoms of erectile dysfunction (ED) and the rate among men who were older than 40 was 40 percent.

"ED will surely decrease the satisfaction from sex for both men and women and it has became a problem among Chinese men," said Wang.

Men aged between 30 and 50 are the largest group with ED in China but, in the US, the problem is most common among men who are older than 75."



Read all the article: China Daily
http://www.chinadaily.com.cn/china/2010-10/28/content_11469258.htm

Wednesday, October 27, 2010

归途列车 Last Train Home

归途列车 (titolo inglese "Last Train Home") è un documentario realizzato dal regista cinese Fan Lixin. Segue una famiglia contadina del Sichuan nella sua quotidianità di migranti nelle fabbriche del Guangdong. La visione è vivamente consigliata:

http://www.tudou.com/programs/view/k072YeesiJg/

(in dialetto cinese con sottotitoli in inglese)

Beijing Lecture Group

From Freire and Ferrer, over Kant, to Bourdieu
From Chomsky, over Kropotkin, to Bakunin
From Hegel, over Marx and Lenin, to Mao
even Friedman will probably be present
and many more.

Goals:
To attract as many (interested) people as possible.
To enhance our capacity of critical- and reflective thinking about society, political theories and humanity.
To strengthen emancipatory education.
To strengthen the anti-capitalistic and anti-neoliberal movement worldwide.
To spread following ideas communism, anarchism, socialism, humanism and other similar ideas.
To strengthen the motivation, the believe and the focus, that as an active group we – the people! – can change the world.

Strategy:
find core people in the first ~4 meetings (I. Stage)
then attract a large number of people (II. Stage)
then grass-root movement (GRM) style (?) (III. Stage)
[smash neoliberalism, the TNCs and change the world positively for the people (IV. Stage) ]

Contact datas:
beijing.lecture.group@gmail.com
15910764622 (send a text, we will turn on this number less then once a day)

A Red Guard Apology

" “You set a good example:” A Red Guard apology
By Wang Youqin (王友琴), translation by Timothy Hathaway

I’ve seen a few letters recently that have to do with things which happened 44 years ago. Several middle school students who were Red Guards in 1966 wrote them to apologize to the teachers they “struggled against” at the time. Since I am a researcher of history, I thought it would be a good idea to write about it and let the world know.

One side of the story concerns the teacher Cheng Bi (程璧) who is 86 this year. She was in charge of Beijing Foreign Languages School during the Cultural Revolution, and just like so many others in education, Ms. Cheng first had her responsibilities revoked and later was imprisoned in the school. She suffered insults and was savagely beaten. They shaved half of her scalp to give a “yin-yang head.”

I conducted an investigation on this. In August of 1966, the Red Guards from Beijing Foreign Languages School beat to death a kindergarten worker named Liu Guilan (刘桂兰) in the auditorium with wooden sticks, belts, and water pipes. Those under persecution were called “demons and monsters” [牛鬼蛇神] back then and were the ones forced to carry her body away. Ms. Cheng and Director of Instruction Yao Shuxi (姚淑禧) each grabbed a leg and dragged her away. Yao Shuxi was beaten many times herself. One night five different groups of Red Guards attacked her. She was found in the ladies latrine with a rope around her neck as she dangled from a sewer pipe after “having committed suicide.”

Another side of the story concerns eight Red Guards from Beijing Foreign Languages School in 1966. They were teenagers 44 years ago, so now they are all about 60. They have apologized to Ms. Cheng Bi and repented of the violence and persecution they perpetrated that year.

A massive wave of violence started by the Red Guards in Beijing swept throughout the country in August of 1966. They beat 1772 people to death in in Beijing alone (according to a December 20, 1980 report in Beijing Daily). The number of people who suffered and the savagery which was used was unprecedented. The victims were [politically] rehabilitated around 1979 and families of the deceased received 420 yuan in “compensation.” What are those perpetrators of the violence from that year thinking now? Do they admit to their failures? Are they willing to apologize to the victims? Can they repent? Many people aren’t so sure.

I have not investigated these people myself, so I have no way of knowing how representative the eight who apologized are in comparison to the whole population of Red Guards. However, I am convinced that this action is worthy of praise."


Read all the article here:
http://tim.z.infzm.com/2010/10/27/文章翻译:“you-set-a-good-example”-a-red-guard-apology/

Tutti ad Oslo!

"Intanto Liu Xia, che aveva rivelato ai giornali di essere fiduciosa sul rilascio del marito qualora fosse stato insignito del prestigioso riconoscimento, ormai consapevole dell’impossibilità di liberare quello che per il governo cinese è un pericoloso “criminale”, ha reso nota una lettera aperta in cui invita 100 fra dissidenti, avvocati e professori cinesi a volare ad Oslo per ritirare il Nobel in vece del marito, un gesto simbolico di grande importanza, avendo Liu dedicato il premio – secondo alcune indiscrezioni trapelate dal carcere – alle vittime della repressione di piazza Tian’anmen del 1989. Molti nomi noti comparirebbero nella lista, fra questi Bao Tong, l’ex funzionario governativo e sostenitore di Zhao Ziyang ormai dal 1989 ai domiciliari, e poi ancora Shang Baojun, avvocato difensore di Liu nel processo che lo ha condannato a 11 anni di reclusione, Zhang Zuhua, co-redattore della Charta 08, il blogger tibetano Woeser, Cui Weiping, professore presso la Beijing Film Academy e molti altri."

dal post "CHI RITIRERÀ IL NOBEL DI LIU?" di Veronica Scarozza
http://www.agichina24.it/repository/categorie/in-primo-piano/politica-interna2

《地中海的婚房》 "La camera nuziale sul Mediterraneo"

Presentazione del libro "la Camera Nuziale sul Mediterraneo"
Autore: Liu Guopeng
29 ottobre, ore 18.00
Teatro dell'Istituto Italiano di Cultura
Ingresso libero

Questo diario di viaggio in Italia vuole essere l'omaggio di Liu Guopeng (ricercatore presso l'Istituto delle Religioni Mondiali dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali) al Milione di Marco Polo. Una raccolta di saggi, già pubblicati singolarmente nella rivista cinese WORLD VISION dal 2003 al 2005, che presentano le osservazioni dell'autore su città, paesaggi, monumenti, e mille altri aspetti della religione, dell'arte e della vita quotidiana. Testimonianze personali raccolte durante il suo dottorato di ricerca all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

《地中海的婚房》是一本由中国人书写的有关意大利的文化旅游随笔,可谓对马可•波罗游记的致敬和回赠。作者刘国鹏以自己在意大利游学四年期间的真实所感所历,对意大利的诸多城市、风景名胜、历史、文化、宗教、艺术和日常生活进行了几乎全方位的扫描。这些随笔曾陆续发表在国内著名刊物《世界博览》上面,此次结集,方便读者一窥这些个性化随笔的全貌。

刘国鹏1972年出生于陕西省富平县。目前任职于中国社会科学院世界宗教研究所。
1991-1996年,就读于北京大学哲学系;1996年7月毕业,获哲学学士学位,毕业论文题目:《马丁•海德格尔及其诗化哲学》。
1996-1999年,就读于中国社会科学院研究生院世界宗教系;1999年7月毕业,获哲学硕士学位,硕士论文题目:《孔汉思及其后现代主义神学》。
1999年7月入中国社会科学院世界宗教研究所工作,从事基督宗教文化方面的研究。
2001年受意大利米兰圣心天主教大学现当代历史研究所之邀,前往进修;2002-2006年于意大利米兰圣心天主教大学历史学系攻读博士学位。
2006年1月毕业,获哲学博士学位 。博士论文题目:L'indigenizzazione della Chiesa in Cina nel periodo in cui Celso Costantini fu Delegato Apostolico (1922-1933)(《刚恒毅任宗座代表期间天主教在中国的本地化(1922-1933)》)


日期: 2010年10月29日
时间: 18:00
地点: 意大利文化处剧场
组织者: 意大利文化处
免费入场

Tuesday, October 26, 2010

在性方面,西方人是否有中国人想象的那么开放?

"在性方面,西方人是否有中国人想象的那么开放?

没有或具有低度与西方人的接触的中国大学生关于西方人性价值观的结论以及具有中度或高度与西方人接触的中国大学生关于西方人性价值观的的结论之间具有很大的分歧。前者推测,西方人性价值观是:只要“有感觉”或“双方相互有感觉”才会与别人发生性关系、对于单身朋友找妓女/男娼以及对于非单身朋友找妓女/男娼都会表现为开放,然而,后者推测西方人性价值观在关于何时与别人发生性关系的问题上以及对于单身朋友找妓女/男娼会表现为开放,同时推测他们对于非单身朋友找妓女/男娼会表现为保守。更接近主流西方大学生性价值观实际的情况的结论则是根据调查结果表现为具有中度或高度与西方人接触的中国大学生的结论。就在关于何时与别人发生性关系的问题上而言,西方大学生确实很开放,很多西方人只要‘双方相互有关系’就会与别人发生性关系。此外,很多西方人也可以接受单身朋友找妓女。
与没有或具有低度与西方人的接触的大学生想象的不一样,虽然西方人的性价值观对于单身找妓女/男娼表现为开放,但是其对于非单身朋友找妓女/男娼表现为保守,以至于中国大学生此方面的性价值观表现为比西大学生的保守。同时,具有中度或高度与西方人的接触的中国大学生能对于非单身朋友找妓女/男娼表现为保守,有可能她们此方面性价值观受到了西方人的影响。

值得一提的是,本次调查大部分的中国男性参与者对于“您会等到什么时候与别人发生性关系”之问题也表现为与西方人一样的如此开放,但是这些中国男生的性价值观与大部分的中国女生的性价值观不相匹配而已。相反,西大学生在此方面没有如此男女分歧。
就主流的西大学生价值观而言,西方人价值观仅仅在关于何时与别人发生性关系上以及对于单身朋友找妓女/男娼方面有中国人想象的那么开放。然而,由于西方大学生对于非单身身份的人有另外性价值观的整套,西方人在对于非单身朋友找妓女/男娼的立场远远没有中国人想象的那么开放。另外,调查结果表明,表现为生活选择高度受到宗教信仰的西方大学生不仅会对于非单身朋友找妓女/男娼表现为保守,而且,也会对于单身朋友找妓女/男娼表现为保守以及足足会等到结婚了以后才与别人发生性关系。因此,具有很强烈的宗教信仰的西方大学生整套的性价值观绝对没有中国人想象的那么开放,而其的保守程度等于或多于中国最保守的性价值观的保守程度。

最后,值得一提的是,所谓的西方世界包括各种各样的国家,俗语说:“林子大了什么鸟都有”。可想而知,来自不同的西方的国家的人之间的性价值观也有分歧,有的是非常开放的,有的是非常保守的,亦即,来自西方国家的人们之间总是会有中国人想象的那么开放的西方人。比如,虽然大部分的不同的国别的西方大学生对于非单身朋友的立场表现保守,但是例外的意大利以及俄罗斯的学生对此表现为开放。同时,虽然参与调查十六位其中有代表七个不同的西方国家的三位女性、三位男性的大学生只要“双方相互有感觉”才会与别人发生性关系,但是气还有三位代表两个不同的国家的女性大学生选择了“有一个月至三个月”才会与别人发生性关系。
总而言之,有的西方人性价值观确实有中国人想象的那么开放,同时,有的西方人的性价值观还比中国人的保守,尤其是具有强烈的宗教信仰的。因此,不能把所有的西方人视为开放,不能一概而论。"


来源:
中国人民大学
社会与人口学院
性与社会性别研究
李傲(汉)/ Leo Simon Stachnik (英)

Communism that is eating for free

"Referring to Kang Youwei, Mao Zedong is quoted that he defined in the summer of 1958 communism as the “three no” (sanwu): no government, no state and no nationalities. The family would be a product of history and would one day disappear. Despite the fact that few references to “The Great Unity” were made in public, in August 1958, Chen Zhengren from the editorial broad of the “Red Flag” brought “The critics of the Gothaer program” of Marx and “The Book of the Great Unity” as gifts when he visited the model People’s Commune Xushui in Hebei province. Another source of inspiration for Mao Zedong was the official biography from the “History of the Three Kingdoms” of the Daoist reformer Zhang Lu who lived around AD 200. On the final day of the 6th plenum of the 8th CCP Central Committee in 1958, Mao wrote a comment on Zhang Lu. He praised him for the establishment of “Homes of the Righteousness” which provided food for free to travelers. The principle of free food would be forerunner of the People’s Communes. Mao went even further, when he said: “Communism that is eating for free.
During this pre-Marxist period of his life, Mao Zedong was influenced by Anarchism and the “New Village Movement” (xincun) which was very popular among Chinese intellectuals around 1919/1920. In 1919, Mao listed the institutions he believed the “new villages” should establish: “Public childcare centres, public nursing homes, public schools, public libraries, public banks, public farms, public factories, public consumer’s association, public theatres, public hospitals, public parks, museums, and autonomous association”. Despite the fact the public dining halls were not explicitly included, the similarities to the planned People’s Commune in 1958 were striking."

by Felix Wemheuer

Monday, October 25, 2010

La prima volta

La prima volta che persi il ciuccio

Ero a casa e avevo quei tre quattro anni. Forse più forse meno. A casa dei miei c'era gente che sei piccolo e te ne freghi assai di chi sia quella gente. Una festa, forse. Finito di bere e dire cazzate quegli adulti hanno preso la via della porta di casa e poi dell'ascensore. Ricordo che ero in braccio a mio padre. Mio padre accompagnò gli ospiti in ascensore. Fu in ascensore che vidi cadere il mio ciuccio (anche detto "succhiotto") in quel minuscolo spazio nero che passa tra il piano del palazzo e l'ascensore di ferro in sé. Cadde e non dissi nulla. Probabilmente non sapevo neanche parlare. Con me in braccio mio padre accompagnò gli ospiti in ascensore al primo piano per poi risalire. Risaliti guardai in faccia mio padre come a dire "E il mio ciuccio?!". Lui non disse nulla, sorrise. Io reagii come ogni altro bimbo al mondo avrebbe reagito al mio posto: piansi. Ero molto affezionato al mio ciuccio, E non lo vidi mai più.

La prima volta che Pedro mi disse di avere un tumore

Ero a Roma, matricola universitaria in affitto in un appartamento vicino piazza Bologna. Nessun contratto, in casa eravamo una decina di persone in gran parte sudamericani, più una decina di ospiti, quasi tutti sudamericani. C'era un certo Pedro, colombiano, cinquantenne, era sempre in cucina, sposato, molte amanti, gran ballerino, magro, capelli corti e sigaretta. Si chiamava Pedro. Portavo le mie colleghe di università in casa a far finta di studiare. Lui le intratteneva con whisky e ritmi latino-americani. Un giorno l'ho visto in cucina con la solita sigaretta in bocca e il solito bicchiere di whisky. "Tutto ok?" chiedo. "Abbastanza. Ho un tumore" risponde Pedro. "Cazzo!" penso e probabilmente esclamo. "No!" si alza Pedro e mi abbraccia. "Tu sei giovane e non capisci. E' la vita soltanto" mi dice stringendomi tra le sue braccia.
Non ho mai più visto Pedro.

La prima volta che mi è caduta della cenere nella manica del maglione

Ero a Pechino, in una delle tante università. Il dormitorio degli studenti stranieri. Io, un malese, un coreano, un giapponese, un indonesiano. Giù duri a birra discutendo di politica e di sport. Il coreano era appena stato mollato dalla tipa, portò una bottiglia di cognac. Un cognac "made in China", falso come le Converse che indosso. Troppo ubriachi per ammettere il fatto, alzarsi ed andare a dormire. Siamo rimasti lì a consolare il coreano e scolare duri quel cognac di merda fino a tarda notte, fumando come proletari in cassa integrazione. E' stata l'ultima sigaretta, la sua cenere, pendente in cima a due dita traballanti, a cadermi nella manica della maglione. E' successo proprio così. Ho poi rivisto il coreano.

La prima volta che ho incontrato la morte

Questa ve la racconto un'altra volta.


E come dice quella canzone cinese "你突然哭了。哭了的时候笑了[...] 不要忘记我。 我们的生活。这里的生活。离开我"


E' tutto, per stavolta.

Tibetan protest at Minzu University

"FRIDAY, OCTOBER 22, 2010

Tibetan Students in Beijing Protest for Tibetan Language; Tibetan Netizens Show Support Online
High Peaks Pure Earth has noticed a lot of online activity by Tibetans over the last few days related to Tibetan language. As reported by international media, Tibetan students in Rebkong and Chabcha in Amdo (Qinghai province) and Tawu in Kham (Sichuan province) have been protesting over plans to restrict the use of Tibetan language in classrooms.

Now the protests have spread to Beijing where over 400 Tibetan students from the Tibetan Studies department of Minzu University of China (formerly known as the Central University for Nationalities) held a protest on the campus today (October 22, 2010) at noon. Tibetans on popular social networking sites such as RenRen and MyBudala have been posting photos and status updates about the protests."


Source: http://www.highpeakspureearth.com/2010/10/tibetan-students-in-beijing-protest-for.html

Explosion in Dongzhimen

"American suffers leg injury in Beijing explosion
By Stephen Chen

A explosion on a footpath injured an American pedestrian in one of the busiest business districts in Beijing yesterday, state media reported. The explosion took place near a newsstand at Dongzhimen, site of an ancient city gate but now a bustling spot with office buildings, restaurants and shopping centres, at about 3.20pm, Xinhua reported."

Source: South China Morning Post
http://www.scmp.com/portal/site/SCMP/menuitem.2af62ecb329d3d7733492d9253a0a0a0/?vgnextoid=1da61da043fcb210VgnVCM100000360a0a0aRCRD&ss=China&s=News

PRC-Taiwan sovereignty issue far to be solved

"China has pulled out of the 23rd Tokyo International Film Festival due to a sovereignty issue over Taiwan and announced it will boycott other festival-related events.

The head of the Chinese delegation, Jiang Ping, told festival organizers that the Taiwanese delegation must not attend the festival under the name Taiwan, but as "Chinese Taipei," which Taiwan used while participating in the Olympic Games, shortly before celebrities began to walk down a green carpet to mark the start of the festival.

Jiang, also deputy director-general of the Film Bureau of the State Administration of Radio, Film and TV (SARFT), told reporters, "We protested against the organizers introducing the two delegations as 'China and Taiwan.' And our request to introduce Taiwan as "Chinese Taipei or China's Taiwan" was rejected by the organizers." "


Source: Global Times
http://china.globaltimes.cn/diplomacy/2010-10/585192.html

我爸叫李刚 My Father is Li Gang!

视频:李刚痛哭流涕数度哽咽 俯身鞠躬30秒致歉
21日下午,河北大学校园交通肇事案犯罪嫌疑人李启铭(又名李一帆)的父亲李刚接受央视独家采访,向受害人及家属表示诚恳道歉,并深深鞠躬。采访中李刚多次哽咽,不能自已。
http://news.qq.com/a/20101022/001282.htm

视频:“官二代撞人案”嫌疑人李启铭流泪道歉
制造了河北大学内撞人案的犯罪嫌疑人李启铭现在被关押在保定市看守所内,据报道,李启铭在铁窗后接受了央视记者的采访时痛哭,称“对不起受害者,给受害者家庭带来了痛苦”。
http://news.qq.com/a/20101022/001281.htm



" “My Father is Li Gang!” has become the most popular catchphrase in the Chinese Internet in the past few days.

First of all, you may ask, who is Li Gang? Li Gang is the deputy director of the police department in the northern district of Baoding city, Hebei province.

On October 16, a car accident took place in Hebei University, which led to the death of a female student. According to eyewitnesses, the car knocked down two girls who were riding roller on the school campus, but the driver did not stop and continued to drive to the female dormitory to drop off his girl friend. In the end, the school security guards and students blocked the entrance of the school gate and demanded the driver to get off the car. Instead of showing any sign of remorse, the driver, Li Qiming, yelled out to the angry crowd, “Go ahead and sue me, my father is Li Gang!”.

What is the underlying meaning of the sentence: “My Father is Li Gang!”? Many netizens believe it reflects the arrogance of the offsprings of government officials (the so-called G2-official) that they could easily get away with any mistake or crime that they have committed. They are outraged by such inherited corruption and expressed their anger online."

Source: Global Voices
http://globalvoicesonline.org/2010/10/22/china-my-father-is-li-gang/


"Li Gang è il direttore del dipartimento di polizia nel distretto settentrionale di Baoding nella provincia dello Hebei. Suo figlio Li Qiming, lo scorso 16 ottobre ha investito e ucciso una giovane studentessa della Hebei University. Non si è fermato a soccorrerla. Alla folla di studenti che gli bloccava la strada mentre cercava di proseguire per riaccompagnare al campus la fidanzata ha gridato “Avanti, fatemi causa se volete! Mio padre è Li Gang!”. L’intervento della polizia ha evitato il linciaggio."

Tratto da un post di Tommaso Facchin:
http://www.cineresie.info/vignetta-mio-padre-li-gang-niubi/

Sistema Italia in Cina

"Piazza Italia, il megaprogetto del “Sistema Italia” per la distribuzione del cibo italiano in Cina, è definitivamente fallito e il responsabile italiano non potrà lasciare la Cina finché tutti i debiti non saranno stati pagati. Il progetto era una iniziativa pubblico-privato di rilevanti ambizioni. Come molti altri tentativi commerciali collettivi è fallito per una chiara mancanza di approfondimento delle caratteristiche vere del mercato locale e di una conseguente intelligente strategia. Ambizione, approssimazione, superficialità, mancanza di professionalità hanno sempre contraddistinto l’operare del cosiddetto “Sistema Italia” in Cina (ma anche in altri paesi esteri).

Francesco Sisci ricordava, alcuni giorni fa su La Stampa, che la prima centrale nucleare cinese fu data e costruita dall’Italia (merito di Vittorino Colombo) e che il Governo Italiano (merito – se ben ricordo – di Gianni de Michelis), prima di altri, aveva capito l’importanza dell’operazione Pudong promettendo importanti fondi per il suo raddoppio. Poi il Governo successivo cancellò questo impegno. L’Italia che con la Montedison era – anche negli anni più chiusi del regime maoista – uno dei pochi partner commerciali della Cina, ha sempre avuto una particolare capacità di intuire l’importanza di questo straordinario Paese (Matteo Ricci docet), poi il “Sistema Italia” è stato sempre incapace, per pura incompetenza, di tramutare le intuizioni negli straordinari risultati che avrebbero potuto essere."

Tratto da un articolo di Paolo Borzatta
http://www.agichina24.it/repository/canali/la-parola-allesperto

Sunday, October 24, 2010

中国人民大学,国际文化节 Renmin University of China, International Culture Festival





















Chinese Baby Punk

Gay is good

Un ragazzo olandese mi parlava l'altra sera di questo suo amico cinese gay che ha deciso di restare a vivere nei Paesi Bassi perché, a suo parere, gli omosessuali non hanno vita facile in Cina.
Eppure, mi diceva l'olandese, l'omosessualità andrebbe promossa ed incoraggiata in Cina: potrebbe infatti sostituire la politica del figlio unico. Vero che i cinesi sono troppi, ma invece di costringere le famiglie ad avere un solo figlio, basterebbe far venire i gay allo scoperto e dar loro la possibilità di vivere la vita come tutti gli altri. Si avrebbero così meno coppie eterosessuali e, di conseguenza, meno figli.
Ve lo immaginate? Un mega poster di propaganda socialista a piazza Tiananmen, al posto del faccione di Mao, che tuona: "Servi il popolo! Gay is good!".

Socialismo sovietico illustrato

Il socialismo alla sovietica è molto semplice ed efficiente. Se si decide di piantare un albero basta organizzare tre operai: il primo giorno il primo operaio va e scava una buca; il secondo giorno il secondo operaio è troppo ubriaco per andare a lavorare, così nessuno va ad infilare la piantina nella buca; il terzo giorno il terzo operaio arriva puntuale e chiude la buca.
Eccellente...

Il paese delle donne

LIBRERIA DELLE DONNE - MILANO - via Pietro Calvi. 29

sabato 27 novembre, ore 18,00

BENVENUTE NEL PAESE DELLE DONNE

Silvia Baratella e Laura Modini, affascinate dal popolo matrilineare dei Moso che vive sulle sponde del lago Lugu tra lo Yunnan e il Sichuan, invitano a un incontro Francesca Rosati Freeman, di ritorno dalla sua ultima visita ai Moso, autrice di Benvenuti nel paese delle donne, (ed. XL, 2010), resoconto dei suoi viaggi e dei suoi contatti con una società che non pratica il matrimonio, affida alle donne la funzione di capofamiglia, non riconosce alcun ruolo alla paternità ma coinvolge gli zii materni nell´educazione dei bambini, stigmatizza la gelosia e rispetta la libertà sessuale, a partire da quella femminile. Un modo di vivere fuori dal patriarcato sperimentato da secoli e ancora felicemente praticato.

Saturday, October 23, 2010

Kimjongilia

"KIMJONGILIA, The Flower of Kim Jong Il, is the first film to fully expose the disaster through a tapestry of defectors' stories, North Korean propaganda, and original performance. This feature documentary shows why the defectors fled, describes their hair-raising escapes, and recounts the dangers they face in China, hunted by Chinese as well as North Korean police. These refugees are from every walk of life, from child concentration camp inmates to an elite concert pianist. But their stories all speak of body-and-soul killing repression and paint a picture of a country so far off the rails it defies belief. Ultimately, these humble heroes are inspiring, for despite their suffering, they hold out hope for a better future."

http://kimjongiliathemovie.com/?page=home

Eredità

"Come sei diventato poeta è un mistero
Dove cavolo hai preso il tuo talento?
Dico: Avevo due zii, Jack e Harry –
uno era muto, l’altro balbuziente."

Tony Harrison

tratto da "V. e altre poesie", a cura di Massimo Bacigalupo (Einaudi 1996).

Prostitution, neverending business

"After the crackdowns

"My parents put me into prostitution when I was 17," Li Zhou said. "As a girl, I was a burden to them. For my parents, the only valuable part of me was my body, so they used it to pay for my brother's education."

After attempting to leave her job in the sex trade twice, Zhou has twice had to return to using sex to make enough money to feed herself and send money back home to her family. Having received only one year of schooling, she has no formal education or work experience to allow her to succeed in anything except prostitution."

Read all the article: Global Times
http://special.globaltimes.cn/2010-10/584507.html

By Katie McGowan

Thursday, October 21, 2010

In memory of Jia Hongsheng (1967-2010)

贾宏声电影《极度寒冷》放映及乐队演出@两个好朋友酒吧

演出时间:2010年10月22日 星期五 20:00

演出地点:两个好朋友酒吧 2kolegas

演出乐队:今日立秋,两面国,surprise

10月22日星期五在两个好朋友酒吧,由今日立秋乐队主办,回忆贾宏声。8点半开始放映贾宏声电影《极度寒冷》,电影结束后演出开始。

工人当家 (The Take)

地区: 加拿大
导演: Avi Lewis
类型: 纪录片

简介:  在布宜诺斯艾利斯的郊区,三十位失业的汽车零件工人走进他们闲置的工厂打地铺,并且拒绝离开;他们唯一想要的是让尘封的机具重新恢复运作;这简单的工人自发行动却引发了全球化的论战。Forja 汽车零件厂在员工的手中从停工到恢复生产,这代表了部份的新工人运动:占据破产的工厂,从失败体系的废墟中再造工作。 曾是拉丁美洲最强大中产阶级所在地的阿根廷,在 2001 年惊动世界的经济崩盘过后,发现自己身处于废弃工厂林立、大量失业愁云惨雾的鬼域。

http://v.youku.com/v_show/id_XOTQ0NjcyMDg=.html

... e noi c'eravamo!

"I predict a riot

The mosh pit is just starting to get going, but it's not your standard mosh pit. A bevy of scantily-clad young ladies are hopping up and down excitedly, pausing only momentarily to try to rearrange their clothing which had come askew in the melee. On stage, the lead singer gears up: "This song is called 'Fish Supper,' and it's kind of disgusting, it's about…" Thankfully he never finishes the sentence; the bassist, in his hurry to dive for the toilets, knocks over his guitar and several empty whisky bottles causing a blast of sound as he falls off stage in tight plastic trousers."

by Matthew Jukes


Source: Global Times
http://www.globaltimes.cn/www/english/metro-beijing/people/profile/2010-10/583452.html

Una persona che in tanti stimiamo...

"FEDERICO MASINI
Preside della Facolta' di Studi Orientali, ha ricevuto il "Premio dell'Amicizia" dal Premier Wen Jiabao

Roma, 15 ott. - Abbiamo intervistato Federico Masini, dal 2001 Preside della Facolta' di Studi Orientali dell'Universita La Sapienza di Roma, insignito del "Premio dell'Amicizia" per l'anno 2010, consegnatogli dal Premier Wen Jiabao."

Leggi tutto l'articolo: AgiChina24
http://www.agichina24.it/l-intervista/notizie/dal-2001-presidente-della-facolta39-di-studi-orientali-dell39universita39-la-sapienza-di-roma-insignito-del-premio-dell39amicizia-per-l39anno-2010-consegnatogli-dal-premier-wen-jiabaobr-

Communes in Sichuan

"A Commune in Sichuan? Reflections on Endicott’s Red Earth", by Husunzi

"Stephen Endicott’s Red Earth: Revolution in a Sichuan Village (New York: New Amsterdam Books, 1991) is one of the few enjoyable village studies that provide carefully documented, detailed accounts of the system of agrarian “people’s communes” that dramatically transformed rural and urban China from the late 1950s to the early 1980s. As such, it provides important insights to students of modern Chinese history, researchers on “development” in general, and even to social activists concerned with how to create a better post-capitalist world. To those who recognize the unsustainability and injustice of capitalism but think no better alternative is possible, that “communism is a good idea in theory but will never work in practice,” pointing to China as an example of its failure, Red Earth demonstrates that, while the PRC was never communist (and never claimed to be), some of the communistic arrangements it experimented with did work despite unfavorable circumstances, and it was not any inherent impracticality that led to their abandonment."

http://chinaleftreview.org/?p=294

Sono pazzi questi cinesi

"Kafka nei manicomi cinesi"
un gran bello pezzo di Ivan Franceschini

http://www.cineresie.info/kafka-nei-manicomi-cinesi/

Wednesday, October 20, 2010

ThinkIN China, second meeting

“From comrade to consumer: people, relationships and social attitudes since the 1980s"
by Zhang Lijia
26th October at 7PM
The Bridge Cafe
Rm 8, Bldg 12, Chengfu Lu
成府路五道口华清嘉园12号楼8号 - 010-82867026

Zhang Lijia is the author of the best-seller ‘Socialism is Great', an interesting portrait of social change in contemporary China. Now a writer, journalist, social commentator and TV show host; Zhang Lijia spent the 1980s in a factory in Nanjing that produced inter-continental missiles capable of reaching North America. To escape the oppressive routine, she taught herself English. Her journey from being a disillusioned worker to an organizer in support of the Tiananmen Square demonstrations in 1989 illustrates the sea-change sweeping China in the reform era. Lijia will discuss her book, her personal experience of change in China over the past three decades and her thoughts on China’s position in the world.
Looking forward to seeing you there

http://www.china-files.com/thinkinchina/

Tuesday, October 19, 2010

Shaming sex workers a media obscenity

"A big burly plainclothes policeman with a shaved head kicked open a locked door. A group of riot police stormed into the room through the broken door, followed by a group of TV cameramen and photographers.
A naked couple was trapped on the bed. The first policeman shouted questions at the terrified man, who was now standing exposed in front of the camera with his hands covering his private parts tightly, "What's your name? What's the name of your work unit?"
"It's so shameful, so shameful," the man said. His voice was barely heard and his body shaking with fear.
"Did you have sex with him?" the policeman shouted at the young woman.
The girl did not answer but lowered her head, her shoulder-length hair covering her face. The policeman grabbed her long hair, pulling her head back and forcing her to look into the camera, stark-naked in front of a group of hungry journalists.
This was a scene from the recent nationwide crackdown on the sex industry, shown on a local TV news channel.
If you search Baidu for "pictures of sex workers caught in the act," you will come up with almost one million pictures and videos showing terrified handcuffed young girls being dragged out of night clubs and spas. Some of the girls were paraded on the streets in front of laughing local residents, forced to wear humiliating signs.
These pictures and videos showing sex workers being treated like animals have spread like a virus through the Internet."

Read all the article: GlobalTimes
http://opinion.globaltimes.cn/commentary/2010-10/583263.html

Monday, October 18, 2010

Vaglielo a spiegare...

Succede spesso e non volentieri che qui a Pechino tra studenti di origine e cultura diversa ci si offenda senza volerlo. Succede cioè che a me italiano venga dato del mafioso, al russo dell'alcolizzato o al musulmano del terrorista. Succede. E non succede solo qui, purtroppo.
A causa di media e film del cazzo gli stranieri sono portati a pensare che essere mafiosi sia fico. Vagli a spiegare che non tutti gli italiani sono mafiosi (nonostante Berlusconi al governo). Che non tutti i mongoli sono bifolchi allevatori di cavalli. Che non tutti i coreani sono divoratori di kimchi (verza piccante). Che non tutti i giapponesi vanno pazzi per il pesce fresco. Che non tutti i palestinesi sono terroristi. Che non tutti i nordcoreani gironzolano con una bomba atomica in tasca. Che non tutti gli olandesi fumano marijuana. Che non tutti gli africani vivono nel deserto. Che non tutte le occidentali la danno via facile. Che non tutti i cinesi sono comunisti (pressoché nessuno, direi). Che non tutti gli americani sono imperialisti guerrafondai. Che non tutti gli australiani vanno a letto con un canguro.

Vaglielo a spiegare. Colpa di media e film. E ignoranza, soprattutto. Ignoranza come moda. Ignoranza come regime della cattiva maestra.

"IF YOU THINK EDUCATION IS EXPENSIVE, TRY IGNORANCE"
"Se pensi che studiare sia costoso, prova [il costo del] l'ignoranza"

China and Hunger

Hunger and Socialism

The Politicization of Hunger: Discourses of Food and State-Peasant Relationships in Socialist China and Soviet Union

a blog by Felix Wemheuer, Department for East Asian Studies, University of Vienna

http://public.univie.ac.at/index.php?id=29496

Minatori cileni, minatori cinesi, metalmeccanici italiani...

Qui sotto un commento che una studentessa cinese mi ha scritto riguardo agli incidenti nelle miniere in Cina dopo aver visto le immagini della manifestazione dei metalmeccanici FIOM a Roma qualche giorno fa. Lo voglio condividere con voi, la traduzione è fatta di fretta e male, ma è meglio di niente.


"意大利发生了工人抗议游行,然后智利发生矿难,让我联想到中国的矿难和中国的政治,以及国人对政治的态度。在中国,矿难时有发生,几乎每次都会有人员伤亡,可是矿难还是一再地发生。在矿难中去世地这些民众都是我们普通老百姓,他们也一定程度上代表了我们普通民众地利益,不光我们非矿工职业的人,就是从事矿工职业地人及遇难家属在每一次矿难之后又做了什么呢?我做为一名大四的学生,被一个欧洲公民问起你又做了什么呢?让我不仅感慨东西方民众对政治态度的不同。我对他的回答是我现在没有能力没有钱没有权利去改变这个,我们不是没有社会良心没有正义感,不懂得维护自己利益,不是这样子的。中国人莫管国事的思想控制了我们好多年,这样真的对吗?我们自己的利益单靠政府的改良要多久呢?我们普通民众的权利还需要我们自己不来维护,单靠政党阶级要多久?单靠人大代表在每年人民代表大会提意见这些就够了吗?这并不是一个人的事,也不是矿工以及矿工家属的事,而是我们所有人的事。我相信中国是个奋起的民族,我也是中国的一份子,好好学习域外的一些东西,改变从一点一滴做起,我也不是狭隘的民族主义者,改变需要你我共同的努力。希望中国的明天世界的明天以及世界上任何一个角落更适宜人居住,更适合物种生存。

In Italia c’è stata una manifestazione operaia di protesta, in Cile un incidente in miniera, tutto questo mi ha fatto pensare agli incidenti in miniera e alla politica in Cina, nonché all’atteggiamento dei cinesi nei confronti della politica. Quando in Cina si verificano incidenti in miniera, quasi ogni volta si registrano morti e feriti, ma gli incidenti non smettono di accadere. Le vittime di questi incidenti sono tutti comuni cittadini, per estensione rappresentano i benefici di noi tutti comuni cittadini, non solo dei non minatori ma anche di tutti i minatori e delle loro famiglie, [ma] ogni volta che accade un incidente che cosa facciamo? Io sono una studentessa al quarto anno di università, un europeo mi ha chiesto che cosa ho fatto io? Ciò mi ha fatto sospirare e pensare alla differenza di atteggiamento nei confronti della politica che c’è tra occidentali e orientali. Ho risposto all’europeo che io al momento non ho la capacità, né i soldi, né i diritti per cambiare questo. Non è che noi [cinesi] non abbiamo coscienza sociale o senso di giustizia, [non è che] non capiamo che dobbiamo proteggere i nostri benefici. Non è così. L’idea che i cinesi non debbano occuparsi degli affari di Stato ha dominato per lungo tempo, [ma] è veramente così? Per quanto ancora i nostri benefici si appoggeranno sul governo? Per quanto tempo ancora i diritti di noi comuni cittadini non potranno essere difesi da soli ma dovranno appoggiarsi alla classe politica? Appoggiarsi ai rappresentanti dell’assemblea nazionale del popolo, che ogni anno si riunisce per discutere delle idee. Basta questo? Questo non è un affare personale, non è neanche un affare dei minatori e delle loro famiglie ma un affare che riguarda tutti noi. Io credo che quello cinese sia un popolo di lottatori, anche io sono una cinese, studio cose che riguardano paesi stranieri, il cambiamento inizia lentamente, non mi chiudo nel nazionalismo, il cambiamento ha bisogno di sforzi uniti e collettivi. Spero che il futuro della Cina e del mondo sia più adeguato all’esistenza del genere umano in ogni angolo del pianeta, più adatto alla sopravvivenza della specie."

(non è firmato, il nome non importa)

Saturday, October 16, 2010

Quando si suicida una tredicenne...

"Shandong Schoolgirl Sent Home For Long Hair, Commits Suicide
A girl with long hair is a crime? A young girl whose hair was not in compliance with school rules was forced to suicide by school"

Read all: ChinaSmack
http://www.chinasmack.com/2010/stories/shandong-schoolgirl-sent-home-for-long-hair-commits-suicide.html

"女生长发也有罪?发型不符花季女生竟被学校逼死
2010年10月9日早上9点,家住临沂市罗庄区双月湖办事处王三岗村一个13岁花季少女因“头发长”被临沂市第六中学西校区“无德老师”周某及教导处先后三次赶回家,因受不了打击喝农药自杀!走上绝路!
学校要求头发不过眉毛。但是学校太多头发长的学生,不管,但是这位同学却让他回家3次。然后家长送回学校,也不收留。
现在当事人家人及亲属痛不欲生!要给孩子讨回一个公道!! "

来源:http://tt.mop.com/read_5016427_1_0.html

Solidarietà ad Annozero

"La libertà non è star sopra un albero,
non è neanche il volo di moscone.
La libertà non è uno spazio libero,
libertà è PARTECIPAZIONE"

Giorgio Gaber, "La libertà"

Friday, October 15, 2010

Il giornalismo che vogliamo...

"Se uno ha il coraggio di farlo come vuole, fare giornalismo ha ancora senso. Oggi siamo ingozzati di notizie, ma tornerà a mancare la partecipazione di uno che va per conto suo portando i suoi occhi, ma guardando per te, delle realtà lontane. Oggi si ha l´impressione di capire tutto, perché c´è la televisione. Bisogna avere il coraggio di rinunciare a fare carriera nel senso classico, per fare un lavoro genuino di scoperta ed esplorazione. Rinunciando alla pretesa di essere obiettivo: non si è mai obiettivi."
Tiziano Terzani

Il giornalismo che vogliamo. E che tentiamo di fare con ChinaFiles.

Thursday, October 14, 2010

A casa delle migranti di Pechino

Allora da qualche tempo mi frequento con questa ragazza cinese, tale Xiao Wang. Neo laureata, molto più giovane di me, abbastanza squattrinata, viene dalle campagne della Cina centrale, a Pechino in cerca di fortuna. Avida divoratrice di libri, viene spesso nel mio campus. Stasera invece le chiedo “Mi porti dove vivi tu?”. Una ragazza cinese standard avrebbe risposto “Non posso”, Xiao Wang invece è più pazza e disadattata di me e senza battere ciglio risponde “Andiamo”.
Xiao Wang non vive lontano dal mio campus universitario, ha preso in affitto un letto in una stanza in un palazzone decrepito anni settanta nella zona nord ovest della grande Pechino. Mi aveva detto che divideva la stanza con un'altra cinese di trent'anni , lavoratrice, e di avere delle vicine con le quali è diventata amica. Spende 500 yuan (55 euro circa) di affitto al mese. Che per un cinese non sono tantissimo. Ma un occidentale a Pechino non spende meno di 1500-2000 yuan. Già solo da questo sai cosa aspettarti.

Prima di entrare in casa mi fa “La stanza è piccola, sporca e disordinata”. Ovviamente lo dai per scontato e non sono certo un tipo che si formalizza: a me stanno simpatici i topi e la polvere non mi ha mai infastidito. Tuttavia lo spettacolo è peggio di come mi aspettassi. In un mini “appartamento” c'è un ingresso pieno di cianfrusaglie, uno stanzino per lavare e stirare i panni e due stanze. In una vivono Xiao Wang e la trentenne, nell'altra vivono otto (ripeto, otto) ragazze migranti. Le ragazze nella stanza da otto pagano 320 yuan di affitto al mese. Se la matematica non è culturalmente relativa allora il padrone di casa (o l'agenzia o l'intermediario o l'intermediario dell'intermediario) si porta via 3560 yuan (circa 400 euro) al mese. Per una porcilaia anni settanta la speculazione edilizia pechinese ruba a queste ragazze 400 euro al mese. Ricordo che lo stipendio medio di queste ragazze è di 1000-1500 yuan al mese. Nell'appartamento porcilaia dove dieci ragazze ventenni delle campagne cinesi vivono, non c'è neanche il bagno dove lavarsi, che è esterno (ma interno all'edificio). Questi stessi appartamenti porcilaie anni settanta vengono spesso rimessi a nuovo e affittati a cinesi benestanti ed occidentali per circa 500 euro al mese. Ma per viverci soli o in coppia. Non in dieci. Nella stanza di Wang Xiao (che è la stanza più borghese della porcilaia) c'è solo un armadio e un letto a castello. Se entri e svieni, inevitabilmente andrai a schiantarti contro l'armadio o contro il letto a castello. Non c'è posto neanche per stendersi a terra.

A Pechino ci sono dodici milioni di residenti più nove milioni di migranti. Molti di questi sono giovani e molte sono ragazze. Parliamo di centinaia di migliaia di ragazze che vivono in queste condizioni. E non sto parlando di rozze contadine analfabete che vengono da villaggi di paglia e terra: tutte le ragazze nell'appartamento porcilaia di Xiao Wang sono laureate e lavorano in ufficio. Una è sposata con figli, un'altra si sposerà a breve.
E questa è una realtà. E neanche la più misera che puoi trovare nella metropoli di Pechino. Per quelle più misere devi andare in periferia e trovare baracche di fango e lamiere senza acqua corrente dove i figli dei migranti giocano con le oche mentre i genitori sono a costruire le case dei ricchi durante tutto il giorno. Almeno Xiao Wang e coinquiline hanno riscaldamento ed elettricità, la possibilità di lavarsi gli indumenti e farsi una doccia. E poi ci sono i figli della classe medio alta pechinese che in un venerdì sera spendono quanto Xiao Wang guadagna in un mese. E poi ci sono gli inviati delle più importanti testate giornalistiche occidentali che per scrivere un articolo come questo dove raccontano la miseria dei migranti prendono quanto un mese di affitto all'appartamento porcilaia di Xiao Wang.

Non mi chiedo come possa esistere tutto questo. Mi chiedo come possa la gente fregarsene. Evidentemente abbiamo cose più importanti di cui occuparci. Corro anche io a cercarne una.

Non fare in tempo a dire "Arrivederci!"

爱上一个天使的缺点
用一种魔鬼的语言
上帝在云端
只眨了一眨眼
最后眉一皱 头一点
爱上一个认真的消遣
用一朵花开的时间
你在我旁边
只打了个照面
五月的晴天 闪了电
有生之年 狭路相逢
终不能幸免
手心忽然长出纠缠的曲线
懂事之前 情动以后
长不过一天
留不住 算不出 流年
遇见一场烟火的表演
用一场轮回的时间
紫微星流过
来不及说再见
已经远离我 一光年

味精:la sindrome del ristorante cinese

C'era venuto un dubbio...

"Fin dagli anni '60 è stata descritta in letteratura una sindrome (nota come "Sindrome del ristorante cinese"), provocata dall'assunzione di glutammato monosodico e caratterizzata da cefalea, vasodilatazione cutanea, talvolta orticaria ed esacerbazioni in soggetti asmatici"

Fonte: Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Glutammato_monosodico

Chinese elders call for free press

"Twenty-three senior members of the Chinese Communist Party have called on the government to lift the restrictions on freedom of speech in China.

In an open letter dated October 1, the members who earlier held senior positions either in the party or in government apparatus, pointed out that though the country's constitution guarantees freedom of speech, it is not allowed to be exercised.

The letter circulated online on October 11 comes days after Liu Xiaobo, an imprisoned Chinese dissident, was awarded this year's Nobel Peace Prize."

Read all: AlJazeera
http://english.aljazeera.net/news/asia-pacific/2010/10/20101013125048141291.html

11度青春系列电影

Una serie di cortometraggi sulla gioventù pechinese. C'è molta realtà cinese dentro... amori, lavoro, pressioni sociali, il dio denaro, paure, piccole soddisfazioni, due pesci rossi ed un vaso di vetro.
Li trovate qui, in cinese con sottotitoli in inglese.

11度青春系列电影
http://v.youku.com/v_show/id_XMjE0NDE3NzUy.html

Tuesday, October 12, 2010

Working as a foreign correspondent in China...

What was it like working as a foreign correspondent in China in the 1940s? Or the 1970s?
Mike Chinoy has put together two short video histories of foreign correspondents reporting in China as part of a series called "Assignment China" produced by the U.S.-China Institute at the University of Southern California.

The first piece (45 mins) looks at correspondents who covered the Chinese civil war in the 1940s. The second (35 mins) interviews American correspondents of the 1970s and '80s who arrived after China-US diplomatic relations were normalized, including Fox Butterfield (author of China, Alive in the Bitter Sea) and others.

Join Mike, who is visiting Beijing, for a chat after the screening.

DATE: Oct 13
TIME: 19:00-21:00
VENUE: 1st floor, Building inside China MOMA North Section, T4, 1 Xiangheyuan Lu, Dongcheng District - 东城区东城区东直门香河园路1号北区当代MOMA内, 4座, 库布里克
REGISTRATION: Please register at fcccadmin@gmail.com.

ABOUT THE FILM-MAKER:
Mike Chinoy was a foreign correspondent for CNN for 24 years, doing stints as a roving reporter based in London, Bureau Chief in Beijing and Hong Kong. From 2001-2006, as Senior Asia Correspondent, he was responsible for coverage throughout the Asia-Pacific. He started out working for CBS News and NBC News in Hong Kong in the 1970s.
He is also the author of China Live: People Power and the Television Revolution and Meltdown: The Inside Story of the North Korean Nuclear Crisis.

Those interviewed in the video include:
- Roy Rowan, Life magazine Shanghai correspondent from 1947-49
- Seymour Topping, Associated Press correspondent in China from 1946-49
- Robert Elegant, Newsweek/LA Times Hong Kong correspondent, late ’50s-early ‘70s
- Stanley Karnow, Washington Post Hong Kong correspondent, 1959-70, who covered the 1972 Nixon visit
- Ted Koppel, ABC News Hong Kong bureau chief, 1969-71, who covered the Nixon visit
- Robert Keatley, Wall St. Journal Hong Kong bureau chief, 1964-68, who covered the Nixon visit
- Ron Walker, White House media advance man for Nixon visit
- Bernard Kalb, New York Times/ CBS News Asia correspondent, ‘50s and ‘60s
- Richard Bernstein, the first Time Beijing correspondent after normalization
- Jay Mathews, the first Washington Post Beijing correspondent after normalization
- Fox Butterfield, the first New York Times Beijing correspondent after normalization
- Melinda Liu, Newsweek’s first Beijing correspondent after normalization
- Jim Laurie, the first ABC News Beijing correspondent after normalization
- Frank Ching, the first Wall St. Journal Beijing correspondent after normalization
- Linda Mathews, the first LA Times Beijing correspondent after normalization
- Sandy Gilmour, the first NBC News Beijing correspondent after normalization
- Liu Heung-shing, Pulitzer Prize-winning Associated Press photographer
- Yao Wei, Chinese Foreign Ministry Information Department, ‘60s and ‘70s

Canton, inferno degli animalisti

"Shocking, the entire process of how Guangzhou restaurants make boiled alive cat

Cat restaurants hidden on the outskirts of town, “boiled alive cat” attract people’s attention
Cat meat 10 yuan/500g, cat brain 30 yuan/500g, cat intestines 50 yuan/500g
What is “boiled alive cat”?
Cook: “[The cat] cannot be completely beaten to death, [because] it also needs to be boiled a little, this is what ‘live cooked cat’ is.”
Why do so many people like eating cat?
Cat eater: Eating cat meat can cure asthma, is a health supplement [something eaten for health benefits].
A stray cat wholesale market has over a thousand cats packed into metal cages."


Pictures and more: ChinaSmack
www.chinasmack.com/2010/pictures/boiled-alive-cat-prepared-served-in-guangzhou-restaurants.html

惊爆广州餐馆水煮活猫制作全过程
http://bbs.tiexue.net/post_4503895_1.html

Sunday, October 10, 2010

Alemanno alla Tsinghua University

The mayor of Roma is coming to visit Tsinghua and deliver a lecture. Please forward the lecture information to relevant faculty and students to welcome their attendence.

Lecture Topic:
LE FUTURE SFIDE DI ROMA: CONIUGARE SVILUPPO E INNOVAZIONE CON LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE

Time: 9:50-11:00, Oct.12
Avenue: Reception Hall, Main Building, Tsinghua

Saturday, October 09, 2010

Media cinesi sul Nobel a Liu Xiaobo

"He Xing, a lecturer at the University of Shanghai for Science and Technology, told the Global Times that what Liu advocated is something that Chinese people do not care about too much and think it makes no difference whether they have it or not. "I will ask my students at tomorrow's lecture to see how many of them know about Liu or know what he has written. I think these foreign panels (that award prizes) are too opinionated," he said.

Shi Yinhong, a professor with the School of International Studies at Renmin University of China, told the Global Times Friday, "The Nobel committee claims to be independent, but its decision to award the peace prize to Liu strategically caters to anti-China forces." "The decision is aimed at humiliating China.Such a decision will not only draw the ire of the Chinese public, but also damage the reputation of the prize," he said."

Source: Global Times
http://china.globaltimes.cn/chinanews/2010-10/580125.html

Come ho scritto oggi in una e-mail inviata:

Ora tutti i leader occidentali a chiedere il rilascio, poi alla prima visita ufficiale in Cina verranno col berretto in mano e diranno a Hu Jintao "Oh! E dai! Su Liu Xiaobo scherzavamo! Era solo per la campagna elettorale... ci comprate un po' di titoli di Stato che stiamo col culo a terra?!

Uomini che uccidono le donne

"Ogni anno ventimila donne sono assassinate da uomini che le accusano di aver disonorato la famiglia. In molti paesi questi crimini restano impuniti. Un’inchiesta di Robert Fisk.

In Giordania l’articolo 340 del codice penale stabilisce che chi uccide o ferisce una donna della sua famiglia che abbia commesso adulterio non viene condannato a nessuna pena. L’articolo 98 prevede delle attenuanti per l’assassino che abbia agito “in preda a un impeto di rabbia”. Nel 2003 il governo giordano non è riuscito a far approvare dal parlamento una legge più dura sui delitti d’onore. In Turchia chi commette questi crimini è condannato all’ergastolo. L’articolo 418 del codice penale del Marocco prevede un’attenuante per chi uccide la moglie scoperta in lagrante adulterio. Nel 2000 in Pakistan il capo di stato Pervez Musharraf ha condannato i delitti d’onore e ha invitato il governo pachistano ad adottare misure più severe contro questi crimini. Per legge i delitti d’onore sono puniti come gli altri omicidi, ma di fatto spesso restano impuniti. In Egitto l’articolo 18 del codice penale dà ai giudici la facoltà di concedere delle riduzioni di pena. La lesione dell’onore è in molti casi una circostanza attenuante. In Italia l’articolo 587 del codice penale prevedeva che nei casi di omicidi commessi per difendere “l’onor suo o della famiglia”, l’assassino ottenesse una riduzione della pena. Le disposizione sul delitto d’onore sono state abrogate con la legge 442 del 5 agosto 1981.

[...] La verità è che noi occidentali non possiamo convincere gli anziani dei villaggi afgani ad accettare l’uguaglianza tra i sessi"


Da Internazionale di questa settimana

Friday, October 08, 2010

Il Nobel per la pace a Liu Xiaobo 刘晓波的诺贝尔奖

La notizia è fresca fresca. Ed è su tutte le principali testate mondiali. Cinesi escluse, ovviamente.

Sono davvero curioso di sapere quali saranno in questi giorni le reazioni (ufficiali o meno) della Cina. Al popolo cinese non credi freghi molto né di Liu Xiaobo né tanto meno del Nobel. Sarebbe interessante fare un sondaggio per vedere quanti cinesi sanno cosa sia un premio Nobel.

Reazioni... la Cina bloccherà l'import dai paesi scandinavi? Arresteranno il primo svedese beccato a fumare erba nei bar di Pechino e lo condanneranno all'ergastolo nelle patrie galere? Censureranno (per l'ennesima volta) Wikipedia? Si lamenteranno con Barack Obama? Traslocheranno la sede dell'ambasciata norvegese fuori dal sesto anello? Definiranno il premio Nobel uno strumento dell'imperialismo borghese occidentale? Non so... ma sono curioso davvero.

Innanzitutto il nome "Nobel" lo dobbiamo all'omonimo chimico svedese inventore della dinamite: "Nobel per la pace" è un ossimoro cazzo!

Mi chiedo quanto uno come Liu Xiaobo meriti un titolo del genere. Non è stato abbastanza ridicolo dare il premio a Barack Obama l'anno scorso!? Uno che lavora per la pace e ad essa dedica la vita, non gironzola molto per televisioni, salotti e prime pagine. Probabilmente guadagna anche meno di un dollaro al giorno...
Liu Xiaobo è uno che fondamentalmente rompe il cazzo al governo cinese. Molto più di altri dissidenti cinesi. Infatti lui è in carcere ed altri no. Ieri mi hanno inviato una e-mail con un link ad un sito in cinese ed inglese dove altri dissidenti cinesi che vivono all'estero manifestavano la loro opposizione alla candidatura di Liu Xiaobo come eventuale vincitore del premio: troppo vicino al Partito comunista cinese, scrivevano. Non ci si capisce più nulla...

Tuttavia credo che Liu Xiaobo non abbia fatto molto per la "pace nel mondo". Ammiro infinitamente il suo coraggio e lo vorrei fuori dalla galera subito. Ma affidargli il Nobel per la pace non lo capisco proprio. O meglio, lo capisco solo se immagino la commissione scandinava voler dare un pesante schiaffo morale al governo cinese. Forse pensano ancora di stare ai tempi della Guerra fredda, questi.

La (non) vita sessuale dei migranti in Cina

"农民为中国的多次工业化起步付出了高昂的代价。尽管中国经济高速增长,农民工的收入在过去20年几乎没有变化,他们支撑着出口产品维持低价。相对收入越来越低,他们的家庭受到冲击。许多人把妻小留在家乡,他们在城市几乎没有性生活。"

来源:news.qq.com/a/20100623/000715.htm

Thursday, October 07, 2010

Guardate. Se riuscite.

Afghanistan, dopo nove anni di guerra
7 ottobre 2001 - 7 ottobre 2010: testimonianza di Matteo Dell'Aira dall'ospedale di Emergency a Lashkargah

Video da: Peace Reporter
http://it.peacereporter.net/videogallery/video/12277

Terremoti



唐山大地震 (titolo inglese “After shock) è un film cinese uscito nel luglio 2010, del regista Feng Xiaogang. In italiano significa “Il grande terremoto di Tangshan”. Tangshan è una metropoli non troppo distante da Pechino, nella provincia dello Hebei, Cina settentrionale. Nella notte tra il 27 e il 28 luglio 1976 (due mesi prima della morte del presidente Mao) un disastroso terremoto uccise più di 240.000 persone, un quarto della popolazione di Tangshan. È stato uno dei terremoti più forti mai registrati.

Il film non è documentario sul terremoto di Tangshan. Si ambienta solo in parte a Tangshan. È piuttosto la storia di una famiglia separata e riunita a distanza di trentadue anni da circostanze decisamente assurde.

Solitamente detesto i film “main-stream”, quelli per il grande schermo. Ma devo ammettere che questo film mi ha decisamente appassionato. Ripercorre, attraverso questa famiglia, la storia e le immagini della Cina dal 1976 al 2008, anno di un altro grande terremoto, quello del Sichuan. In mezzo a queste due catastrofi, ci sono le storie di vita di gente comune, di giovani, di cinesi.

Al di là del carico emotivo che il film ha di per sé anche solo per la scelta del tema trattato, la narrazione va a toccare elementi sociali decisamente poco “delicati” per un pubblico cinese.

Una madre costretta a scegliere tra la vita del figlio maschio o della figlia femmina. E qui è evidente la scelta obbligata da una tradizione che vede nel maschio l'erede di una famiglia e non nella femmina.
Il sesso prematrimoniale, restare incinta, scegliere di non abortire e diventare ragazze madri... tutte cose non esattamente ben viste, neanche nella Cina del 2010.
Infine lo sposarsi con uno straniero. Altra sorta di “tabù” tra molte fasce della popolazione.

La narrazione sceglie di toccare tematiche sociali della Cina di oggi così come quella di ieri, in modo non provocatorio o di denuncia, credo lo faccia perché consapevole di come effettivamente vanno le cose nella società cinese. E non sempre è giusto o opportuno voltarsi dall'altra parte e far finta di niente.

Se capite il cinese, trovate qui il film in stream. Gratis.

http://v.youku.com/v_show/id_XMjA0OTA5NTUy.html

Wednesday, October 06, 2010

China Files su SentireAscoltare

"China Underground #0

Comincia la collaborazione di SA con il sito China Files. Comincia l'esplorazione del mercato indie potenzialmente più grande del mondo...

La Cina è vicina? Sì, no, per certi versi. Titoli di giornali, servizi televisivi. Miracoli economici e prodotti di qualità scadente, dittatura e violazione dei diritti umani, il fascino del dragone. Poi pensi un attimo e capisci che queste immagini-stereotipi potrebbero anche non esaurire la complessità di un paese. Ti capita di viverci per qualche anno e ti rendi conto che la Cina, come qualunque altro luogo, è più eterogenea di come te la presentano i media. Vedi una tradizione forte e una modernità in via di costruzione, il che significa che c’è un modo tutto cinese di vivere la contemporaneità. Al di là dell’ideologia e dello sviluppo economico. E poi c’è la cultura cinese, di cui non sappiamo nulla perché da noi non fa notizia, su cui molti cinesi sono disposti a investire le proprie passioni e la propria vita al prezzo di rifiutare vie più facili di sopravvivenza."

Il resto qui:
http://sentireascoltare.com/articolo/1277/cui-jian---zhang-yuan---jia-zhangke-china-undergro.html



"#1: Il mercato della musica indipendente in Cina

Modern Sky, Pilot Records, 13 Moth, Areadeath, Miniless. Le indie label tra auto-organizzazione, localismo e slanci industriali...

“In Cina non c’è un mercato di musica indipendente”. È questo un ritornello che ci si ritrova a sentire spesso nei circuiti musicali dell’underground pechinese. È un problema di band di qualità, in una scena musicale ancora molto giovane. E di pubblico, in una società che ha ancora altre priorità rispetto alla musica alternativa. Ma anche di acquisto: pirateria e produzione a basso costo sono due problemi storici dello sviluppo di un’industria professionale made in China. Per l’esistenza di un mercato musicale indipendente non basta un numero di band o di festival musicali costantemente in crescita; un mercato gira intorno al coordinamento di diversi soggetti fino a legare chi fa la musica a chi la ascolta. Dalla produzione alla promozione, dal negoziante all’acquirente."

Il resto qui:
http://sentireascoltare.com/articolo/1278/xie-tianxiao---wang-xiao---yang-chang---li-xiaolia.html


Di Mauro Crocenzi, Lucia Di Carlo e Desiree Marianini

纪录片展映之夜

艾米利亚-罗马涅纪录片协会北京之行

意大利文化处与艾米利亚-罗马涅纪录片协会、艾米利亚-罗马涅大区政府合作,推出全新的纪录片展映之夜,旨在共同推广该大区的纪录片导演和制片人。
艺术、音乐、文学、诗歌、电影是传播地区和国家文化的重要艺术手段。通过精选的几部纪录片,观众将得以进一步了解意大利文化的方方面面,这些作品不仅是时代的见证,也是十分珍贵的影音档案。本次展映的影片均配有中英文字幕,类型多元,能满足不同年龄层观众的口味。
北京放映计划:
《乔尔乔•莫兰迪的尘埃》,制片人塞莱娜•米尼亚尼观众见面会
《一个神话故事:玛莎拉蒂》,导演尼克拉•那那维基亚观众见面会
《无线先锋》,导演恩扎•内格罗尼观众见面会

艾米利亚-罗马涅纪录片协会主席恩扎•内格罗尼主持

日期: 2010年10月8日
时间: 18:30
地点: 意大利文化处剧场
组织者: 意大利文化处
合作者: 艾米利亚-罗马涅纪录片协会,艾米利亚-罗马涅大区政府
免费入场

ASSOCIAZIONE DOCUMENTARISTI EMILIA-ROMAGNA A PECHINO

In collaborazione con l'associazione Documentaristi Emilia – Romagna e la Regione Emilia-Romagna, l'Istituto presenta un progetto che ha l'obiettivo di promuovere autori e produttori di cinema documentario della regione Emilia-Romagna.
L'arte, la musica, la letteratura, la poesia, il cinema, rendono possibile la diffusione delle culture regionali e nazionali. Attraverso questa selezione di film documentari lo spettatore può riscoprire alcuni aspetti della cultura italiana grazie al lavoro dei registi che si sono serviti non solo di testimonianze contemporanee, ma anche di preziosissime sequenze audiovisive d'archivio. La selezione dei film in rassegna (con sottotitoli in inglese e cinese) abbraccia un ventaglio eterogeneo di generi, tale da poter soddisfare i gusti e gli interessi di generazioni diverse.
In programma a Pechino:

LA POLVERE DI MORANDI presente la produttrice Serena Mignani
MASERATI presente il regista Nicola Nannavecchia
IL PIONIERE DEL WIRELESS presente la regista Enza Negroni

Informazioni

Data: venerdì 8 ottobre 2010
Orari: 18.30
Luogo: Teatro dell'Istituto Italiano di Cultura
Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura
In collaborazione con: Documentaristi Emilia–Romagna, Regione Emilia-Romagna
Ingresso libero

www.iicpechino.esteri.it

Tuesday, October 05, 2010

Segnalo convegno

AgiChina24, Facoltà di Studi Orientali "La Sapienza", Gruppo Economisti d´Impresa (GEI), Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI)

invitano al convegno:

DENTRO IL "MODELLO CINA": QUADRO POLITICO E SVILUPPO ECONOMICO

Roma, 3 novembre 2010

Aula Magna della Facoltà di Studi Orientali , Università di Roma "La Sapienza", Via Principe Amedeo, 182b


con il sostegno di Istituto Confucio di Roma e Mandarin Capital Partners

Intervengono:

Jean-Philippe Béja (CNRS-CERI di Parigi), Bo Zhiyue (Università di Singapore), Paolo Borzatta (The European House-Ambrosetti), Alessandra Lavagnino (Università Statale di Milano), Federico Masini (Università di Roma "La Sapienza"), Marina Miranda (Università di Roma "La Sapienza"), Barry Naughton (Università della California), Angela Pascucci (Il Manifesto), Giorgio Prodi (Università di Ferrara), David Shambaugh (Università George Washington), Suisheng Zhao (Università di Denver).

Moderano: Alessandra Spalletta (AgiChina24) e Lorenzo Stanca (Mandarin Capital Partners).

La straordinaria crescita e le profonde trasformazioni della Cina degli ultimi trent´anni hanno dato avvio a un dibattito sulla plausibilità o meno di un "modello Cina", cui i paesi in via di sviluppo guarderebbero con interesse emulativo.

Alla base di questo sistema, impostato sull´adozione di misure liberali in economia e sul mantenimento di un sistema politico autoritario, vi è la singolare capacità del Partito Comunista Cinese (Pcc) di preservare il proprio potere e di conservare un saldo controllo sulle istituzioni politiche ed economiche, nonché sulla società in generale, nonostante le tensioni e i conflitti crescenti.

Anche se la recessione ancora in corso in molti paesi occidentali sembra aver messo ancor di più in evidenza - per effetto di comparazione - la capacità del sistema cinese di continuare a garantire una crescita sostenuta, da più parti si dubita che il "modello Cina" possa alla fine dimostrarsi superiore a quello occidentale nel processo di modernizzazione.

In vista del XVIII Congresso del Pcc nel 2012, che formalizzerà l´assetto della leadership al potere per i prossimi anni, il confronto e la competizione tra i diversi schieramenti e fazioni all´interno del Partito-Stato smentiscono l´immagine di un blocco monolitico al governo e lasciano supporre come la futura evoluzione della Cina non possa forse essere a lungo scandita unicamente dai successi economici.

Ingresso gratuito su invito o prenotazione

Contatti: Alessandra Spalletta

Mailto: alessandra.spalletta@agi.it

Mob: (+39) 366 4890029

www.agichina24.it

Anarquismo y nacionalismo en China

"A: Tú afirmas que el surgimiento del nacionalismo chino, de hecho, creó muchas de las precondiciones teóricas y políticas para la aparición del anarquismo chino. Esto parece, a primera vista, contradictorio. ¿Cómo sucedió?

B: Esto refleja mi particular visión del nacionalismo. Aunque obviamente estamos afectados por muchas manifestaciones negativas del nacionalismo, en sus orígenes es una idea bastante radical. Demanda una nueva concepción del Estado, de las relaciones entre Estado y sociedad y un nuevo concepto del sujeto político, como ciudadano. En ese sentido, rompe radicalmente con las anteriores formas de conciencia política que depositaban la legitimidad en el emperador y reducían a los súbditos a la pasividad política, mientras que el nacionalismo llama a la actividad política de los ciudadanos.

Junto a la cuestión de los ciudadanos, la noción del nacionalismo de relación entre Estado y sociedad requiere de un nuevo papel para la sociedad, en el sentido de quién va a participar en política, cuáles son los requerimientos para participar en política y cuáles son los factores que se oponen a la participación política. Como defiendo en mi libro, en cierto sentido estos cambios llevaban directamente a planteamientos de revolución social.

En el caso de China, hay otro elemento. Hay, al menos, algún tipo de coincidencia histórica entre el surgimiento de una conciencia nacionalista y de una nueva clase de utopismo supra-nacional, si lo queremos llamar así. Es como si la construcción de una nación se convirtiera en la primera tarea pero no en la última; una vez que la nación ha sido construida y la sociedad reordenada, habría un modo, en el futuro, de trascender ese nacionalismo."


Entrevista con Arif Dirlik sobre la historia del Movimiento Anarquista en China
Fuente: http://www.negations.net/entrevista-con-arif-dirlik-sobre-la-historia-del-movimiento-anarquista-en-china/

Monday, October 04, 2010

Parables...

"Once a man was walking along a beach. The sun was shining and it was a beautiful day. Off in the distance he could see a person going back and forth between the surf's edge and and the beach. Back and forth this person went. As the man approached he could see that there were hundreds of starfish stranded on the sand as the result of the natural action of the tide.

The man was stuck by the the apparent futility of the task. There were far too many starfish. Many of them were sure to perish. As he approached the person continued the task of picking up starfish one by one and throwing them into the surf.

As he came up to the person he said, "You must be crazy. There are thousands of miles of beach covered with starfish. You can't possibly make a difference." The person looked at the man. He then stooped down and pick up one more starfish and threw it back into the ocean. He turned back to the man and said, "It sure made a difference to that one!" "

Hawaiian parable

Non solo il fondamentalismo islamico iraniano vuole lapidare Sakineh...

"13 Se un uomo sposa una donna e, dopo aver coabitato con lei, la prende in odio, 14 le attribuisce azioni scandalose e diffonde sul suo conto una fama cattiva, dicendo: Ho preso questa donna, ma quando mi sono accostato a lei non l'ho trovata in stato di verginità, 15 il padre e la madre della giovane prenderanno i segni della verginità della giovane e li presenteranno agli anziani della città, alla porta. 16 Il padre della giovane dirà agli anziani: Ho dato mia figlia in moglie a quest'uomo; egli l'ha presa in odio 17 ed ecco le attribuisce azioni scandalose, dicendo: Non ho trovato tua figlia in stato di verginità; ebbene, questi sono i segni della verginità di mia figlia, e spiegheranno il panno davanti agli anziani della città. 18 Allora gli anziani di quella città prenderanno il marito e lo castigheranno 19 e gli imporranno un'ammenda di cento sicli d'argento, che daranno al padre della giovane, per il fatto che ha diffuso una cattiva fama contro una vergine d'Israele. Ella rimarrà sua moglie ed egli non potrà ripudiarla per tutto il tempo della sua vita. 20 Ma se la cosa è vera, se la giovane non è stata trovata in stato di verginità, 21 allora la faranno uscire all'ingresso della casa del padre e la gente della sua città la lapiderà, così che muoia, perché ha commesso un'infamia in Israele, disonorandosi in casa del padre. Così toglierai il male di mezzo a te."

Deuteronomio, 22: 13-21

Frase della settimana

"IF YOU THINK EDUCATION IS EXPENSIVE, TRY IGNORANCE"

Derek Bok

Donne in Cina: critica al modello di femminilità

Riprendendo l'articolo dell'inviato di Repubblica sulle donne in Cina e dopo uno scambio di e-mail con un'amica italiana, vorrei spendere un bel po' di parole sul tema dell'emancipazione femminile oggi in Cina e non solo.

Mi occupo di donne in Cina da due - tre anni. Ho letto troppo poco di teorie femministe (più o meno classiche) ma abbastanza, credo, produzioni letterarie di matrice femminista (cinese e non). Questo testo non ha presunzioni accademiche o teoriche, ma è un personale ragionamento sul modello di femminilità dominante.

Il femminismo è tutto tranne che una corrente unita e ben definita. È invece un'insieme di movimenti e prospettive di analisi che variano (a volte talmente tanto da essere in conflitto aperto una con l'altra), ad esempio, da paese a paese e da tradizione a tradizione. La corrente che va ancora per la maggiore credo sia quella di tradizione marxista. Ma essendo per molti aspetti superata e reinterpretata, oggi altre correnti focalizzano, ad esempio, più sulla donna nel rapporto con la sua individualità e/o sessualità. Geograficamente parlando invece, vediamo come se le femministe occidentali reclamano uguali opportunità di lavoro e peso politico, quelle cinesi combattono ancora contro un sistema fortemente patriarcale, mentre quelle islamiche attaccano l'intepretazione maschilista del Corano.

Nel femminsimo marxista classe e genere sono strettamenti legati. Ricordo l'intervento di uno studioso e attivista tedesco durante un forum a Wuhan: “La classe è l'organizzazione sociale del lavoro. Il genere è una costruzione sociale. Entrambi hanno a che fare l'uno con l'altro”. Al di là della corrente di pensiero o della prospettiva di analisi che si voglia usare, definire cosa sia o come realizzare l'emancipazione femminile è un lavoro tutt'altro che semplice. Le ragioni sono ovvie.

Dovremmo rovinarci la giornta a pensare a cosa sia la libertà, cosa l'individuo, cosa il genere. Abbiamo di meglio da fare. Ma non posso fare a meno di ricordare il tipo cinese che tempo fa mi chiese: “Chi fa le faccende di casa in Italia?”. Non lo so di preciso, ma se penso a casa mia, le faccende di casa le hanno sempre fatte mia nonna e mia madre. E mia sorella da qualche tempo a questa parte. Non che mio nonno o mio padre si siano mai rifiutati di apparecchiare o spazzare a terra, ma solitamente il problema neanche si pone: lo hanno sempre fatto le donne. Fosse per me (campione di pigrizia) il letto non sarebbe mai rifatto e mangerei direttamente dal pentolone senza usare piatti o tovaglia. Quando invece mia madre prepara il pranzo riempie la tavola di cose che sa benissimo sarà poi lei a pulire e ordinare. Il cinese scoppia a ridere e mi fa notare come invece a casa sua le faccende le sbriga insieme alla moglie: questa è la parità sessuale.

Se vi fate un giro nelle case degli stranieri (leggi “occidentali”) a Pechino, troverete appartamenti ben tenuti e puliti. Poi capirete perché: in quasi ogni casa c'è una donna delle pulizie cinese. Una donna sui cinquant'anni, che parla solo il suo dialetto di origine e se ne sta silenziosa in giro a spolverare qua e là. Molti occidentali si incazzano perché dicono che queste donne non sanno pulire. Si incazzano anche i pechinesi stessi. Forse non hanno mai pensato che queste donne vengono da villaggi di campagna dove il bagno è un buco in terra fuori dalle quattro lamiere di casa. Qui si è evidente il legame tra genere e classe: il borghese è fuori a far soldi, impegnato in uffici e cene di lavoro, la migrante dalle campagne viene in città a guadagnarsi da vivere. Sono donne a lavorare, non uomini: in cinese c'è un detto tra gli operai migranti che più o meno significa “non elevarti a fare cose troppe difficili, non abbassarti a fare lavori troppo umilianti”. Pulire casa è umiliante. Ed ovviamente è un detto che gira tra operai uomini. Non donne.
In Italia non funziona molto diversamente: colf e badanti da Est Europa, America latina o Asia orientale affollano le nostre case, cambiando il pannollone all'anziano o passando la lucidatrice a terra. Anche qui troviamo donne, non uomini. Classe, etnia e genere.

Ma non è tanto su questo che voglio ragionare (se vi siete stancati di leggere andatevi a fumare una sigaretta: non sono arrivato neanche a metà del discorso).

Io detesto il modello di donna come scimmiottatrice di tutto ciò che di sbagliato e orribile fa l'uomo. Non possiamo condividere l'idea che se un uomo fuma allora anche la donna deve fumare, se l'uomo va in guerra allora anche la donna deve abbracciare un fucile e ammazzare, se l'uomo distrugge il pianeta allora anche la donna deve dargli una mano. Ovviamente ha tutto il diritto di farlo perché questo diritto è già stato dato (o meglio, è stato preso da) all'uomo. Ma non possiamo pensare l'emancipazione femminile come “ogni cosa che l'uomo fa, può farlo anche la donna” se questo significa “ogni cosa che di vergognoso fa l'umo, anche la donna può farlo”. “Può”, ma “non dovrebbe”. E “non dovrebbe” non perché lo decido io in quanto uomo, ma perché invece che “seguire l'uomo” la donna dovrebbe correggere il tiro.

In molti paesi (e specie in Cina) il modello femminile è quello della “donna in carriera”, la “successful businesswoman”. Possibile che emancipazione della donna sia sinonimo di “via della donna al capitalismo forsennato”?! Come è possibile che oggi in Cina la donna portata a modello su riviste, giornali, televisioni e cinema sia la donna che, dopo aver studiato, abbia aperto una fabbrichetta e si sia arricchita in pochi anni, guadagnando pagine e schermi dei media nazionali? Indipendente lo è per forza: da imprenditrice è in concorrenza con tutti. Ma c'è bisogno di essere dei capitalisti per essere indipendenti? Certo, una donna imprenditrice crea posti di lavoro. E allora? Anche la guerra crea posti di lavoro. Anche istituire la pena di morte crea posti di lavoro. Anche aprire un carcere crea posti di lavoro. Anche una fabbrica di mattoni dove perdono l'infanzia i bambini crea posti di lavoro. Come la vogliamo mettere?

Senza considerare poi il fatto che questo modello in Cina è in aperta rottura con la tradizione cinese più conservatrice: le donne se ne stanno in casa, gli uomini fuori a guadagnare il pane per sfamare le bocche in famiglia. Una donna troppo “intelligente” o “troppo ricca” crea problemi all'uomo: nessuno vuole una moglie del genere. Una donna in carriera con un Master in business administration a Londra non può che sposarsi con un occidentale. Sposarsi con un occidentale non è ancora ben visto in Cina: specie nelle zone rurali (dove più forte resta la cultura tradizionale e il patriarcato) una donna del genere è, senza mezzi termini, una puttana.

Conosco una decina di brillanti donne cinesi sui quarant'anni, che parlano un inglese molto meglio del mio, scrittrici, giornaliste, accademiche, imprenditrici: sono tutte sposate con occidentali e passano all'estero gran parte dell'anno. É questo il modello di femminilità che la Cina ha scelto? Non fatemi ridere. Provate solo a pensare se (o in che misura) queste donne siano rappresentative di oltre seicento milioni di donne cinesi. Un contadino cinese storce il naso quando gli chiedi se sposerebbe una giovane cinese che ha vissuto da migrante indipendente a Pechino o Shanghai o Canton per cinque o dieci anni. Figurati se i cinesi vogliono donne che mettano loro i piedi in testa! La mia conclusione è dunque che questi modelli di femminlità sono in primis errati e secondariamente falsi: sono semplicemente delle speculazioni commerciali.
Certo non possiamo (e io non vorrei fare mai) di tutta l'erba un fascio. È ovvio che le cose cambieranno e anzi stanno già cambiando. Per pensare a questo, basta usare la geografia e la generazione come categorie di analisi: guardate le ragazze nate negli anni novanta che vivono in città. Non so dove andranno a finire o se saranno più libere ed emancipate delle loro madri... Ma il cambiamento in corso è evidente e difficile da studiare, tanto procede velocemente.

Concludo testimoniando un incontro fatto qualche giorno fa con una giovane studentessa cinese dello Henan (provincia della Cina centrale), a Pechino in cerca di avventura, tale Changyu. A vent'anni ha già letto molti più libri di altri miei colleghi di dottorato. Ha visitato molti più posti e fatto molte più esperienze. Rivendica la sua libertà sessuale e la sua rottura con la tradizone e la morale ipocrita dominante nella società di oggi. E sa benissimo che questo la porta ad essere un'antisociale ed a non avere amici. Nonostante questo, non aveva mai parlato con uno straniero, sono io il primo. Qualche notte fa abbiamo discusso su come venga costruito il concetto di “mingan”, cioè “tema sensibile”, “tabù”, ovvero di come la gente scelga di cosa si può parlare e di cosa no.
Non è ricca, non le interessa avere successo nella vita e meno ancora diventare un'imprenditrice. Le interessa falsificare una tessera da studente per avere accesso alle biblioteche delle varie università pechinesi e sentirsi libera tra le sue scritture, il suo diario e le passeggiate di notte. Non le vanno a genio i dottorandi perché li reputa disadattati e sfigati. E probabilmente ha ragione.

Credo sia questo il modello di femminilità che sogno per la Cina.

When 100,000 girls were routinely kidnapped...

"When a prominent dissident was arrested in China, we would write a front-page article; when 100,000 girls were routinely kidnapped and trafficked into brothels, we didn't even consider it news. Partly that is because we journalists tend to be good at covering events that happen on a particular day, but we slip at covering events that happen every day - such as the quotidian cruelties inflicted on women and girls"

N. D. Kristof, S. WuDunn, "Half the sky. Turning oppression into opportunity for women worldwide"

Sunday, October 03, 2010

An extract of Chinese female workers' struggle

"女工斗争片断

中国纺织工会全国委员会副上席 汤桂芬

第二碗水


  我看到今天我们工人的幸福生活,常常会想起过去为生存而斗争的日子来。日本帝国主义统治上海的时侯,我在沪西日本同兴军衣被服厂做工。一天工作十二小时,一个月只得二、三十斤杂粮和五升大米。每天,我们带苞米饭上工,中午,只能领一碗热水泡饭吃。日本资本家为了省煤,连水都不烧开,只有一点热气。就这样的温水,每人也只许盛一碗。我们只好忍着气吃冷饭。有一次,女工王月华的饭冰冷,去要第二碗水,一头恶狗猛地扑在她身上,在她后腿上咬了一口。王月华受了伤,只好歇工去看病。那时候哪里有什么劳保待遇,看病不但不给工资,而且多病几天就会被开除。王月华就差一点为一碗水被开除。
  那时,干一个月,到月头领得的工钱还不够一个人生活。为了生活,有的工人就冒着危险拿厂里的东西。女工朱小妹拿了一点纱线,出大门时被抄身婆抄出来了(那时的工人不能像现在这样大摇大摆地出入厂门,都像犯人一样,进出要被抄身婆里里外外检查)。他俩反绑着朱小妹的手,在她胸前挂着她拿的一点线,还挂着一个牌子,上面写着“强盗”两字,逼她到各个车间走一转。在她后面,跟着两个手拿刺刀的日本宪兵,他门凶狠地逼朱小妹一边走,一边讲:“你们可不要学我这样!”这多么令人气愤,真的强盗作威作福,而被强盗欺榨得活不下去的工人,却成了“强盗”。"


来源:www2.cddc.vt.edu/marxists/chinese/reference-books/mia-chinese-chinalabor-1940.htm

BDSM in China

"网友揭地下影棚荒淫:交几百元 女模随便虐. 身穿黄色T恤黑色紧身裤的模特全身被缠绕了五处,双手双脚和脖子均被打结,头朝下脚朝上被吊到房顶,离地面有两米高,这还不是“酷刑”的全部…在南京,有这样一个地方,只要交纳几百元,就可以在完全私密的空间任意捆绑甚至“处置”一名或几名女模。金劭(化名)永远忘不了那一次几近变态的体验:“真实得令人发指”..."

Video and source (in Chinese): Sohu
http://news.sohu.com/20100921/n275175833.shtml

"网曝荒淫地下影棚:交几百元女模随便虐. 在南京,有这样一个地方,只要交纳几百元钱,你就可以在完全私密的空间里任意捆绑甚至“处置”一名或者几名女模特。起初,记者不相信能有这样的场所,然而在知情人的帮助下,经过长达3个月的暗访,这个传说中的“场所”渐渐地浮出水面。通过采访与信息反馈,一个涉及性虐待的“地下囚牢”呈现在我们面前…"

Picture and source (in Chinese): MSN China
http://msn.china.ynet.com/view.jsp?oid=69409998&pageno=1


"Underground BDSM Dungeon In Nanjing Exposed Online. Internet exposes debaucherous underground studio: Pay several hundred yuan to abuse a female model as you please"

Picture and source (in English): ChinaSmack
http://www.chinasmack.com/2010/stories/nanjing-underground-bdsm-dungeon-exposed-online.html

Le donne cinesi secondo l'inviato de LaRepubblica

"Le donne del Dragone. Se la Cina scopre il potere rosa"
di Giampaolo Visetti

"Se una donna riesce a venire al mondo, in Cina, il grosso è fatto."
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/09/21/le-donne-del-dragone-se-la-cina.html


Basta leggere le prime quattordici parole per incazzarsi subito...

Conferenza alla facoltà di Legge su diritto dei disabili all'educazione

www.law.ruc.edu.cn

Law School, Renmin University of China, 60th Anniversary
中国人民大学,法学院,成立60周年

Nuovo ambasciatore italiano in Cina

"L'ANNUNCIO UFFICIOSO DALL'EX MINISTRO GIULIANO URBANI Iannucci nuovo ambasciatore in Cina Attuale direttore generale per l'Asia del Ministero degli affari esteri CEPRANO - Sarà Attilio Massimo Iannucci di Ceprana, attuale direttore generale per l'Asia del Ministero degli Affari Esteri, il nuovo ambasciatore italiano in Cina. L'annuncio è stato dato in modo informale da Giuliano Urbani durante la presentazione dell'anno della cultura cinese in Italia. Nominato dalla presidenza del Consiglio a luglio, si attendeso lo la risposta di Pechino alla presentazione delle credenziali."

Fonte: http://rassegna.governo.it/locale/testo.asp?d=15241

Saturday, October 02, 2010

Zingari d'Europa

"Turchi, romeni, marocchini, polacchi e italiani: sono loro i veri zingari in Europa. Ma agli italiani chi glielo dice?

Nei 27 paesi dell’Unione europea vi- vono in totale 32 milioni di stra- nieri, il 6,4 per cento della popola- zione complessiva. Si tratta sia di persone originarie di paesi extracomunitari sia di persone che si sono trasferite da un paese all’altro dell’Ue. Lo afermano gli ultimi dati di Eurostat, secondo cui le popolazio- ni più numerose provengono dalla Tur- chia, dalla Romania, dal Marocco, dalla Polonia e, udite udite, dall’Italia.
Molti europei sono convinti che la pre- senza di immigrati peggiori la qualità della vita. Secondo i risultati di un sondaggio pubblicato dal Financial Times il 6 settembre 2010, il 64 per cento dei cittadini britannici sostiene che l’immigrazione ha avuto conseguenze negative sull’economia, sui servizi pubblici e sul mercato del lavoro in Gran Bretagna.
Turchi, romeni, marocchini, polacchi e italiani: sono loro i veri neri e zingari. Ap- pena ho saputo questa notizia ho pensato: e ora agli italiani chi glielo dice? Berlino, per esempio, è una città stupenda ma con un tasso di xenofobia in continua crescita. Ti può capitare di incontrare un gruppetto di neonazisti che insulta qualcuno: “Zigoi- ner, go home!”. A quel punto le ipotesi so- no due: chi viene insultato è un turco o è un italiano. Gli italiani in patria continua- no a prendersela con i rom. È un parados- so: gli “zingari” contro i rom, una guerra tra poveri. In Italia da quando Roberto Maroni è ministro dell’interno sono stati sgomberati moltissimi campi nomadi. Gli altri politici non intervengono. E neanche l’Unione europea. Perché? Perché è un af- fare interno italiano. Tra zingari."


di Maksim Cristan, su Internazionale di questa settimana

Meiko Ukei

"Mount Mihara, an active volcano on the Japanese island of Oshima, was almost entirely unknown until January 1933, when two classmates from a Tokyo college climbed to the top of the crater. There Meiko Ukei, 24, announced to her friend Masako Tomita that she intended to throw herself into the volcano. She would, she explained, be cremated instantly and sent heavenward in smoke and beauty. After extracting a vow of secrecy from her friend, she jumped.

Masako, 21, was understandably unable to keep her promise. She confided in another friend, who then insisted that Masako take her to Mihara so that she could "follow Meiko to paradise". Masako was unable to persuade her friend otherwise, and in early February the two women climbed to the top of the volcano. The friend jumped in, Masako returned alone, and soon the story was a major force in the cultural life of Japan."


Source: "'No remedy presents itself so soon to my heart as mine own sword'. What drives people to commit suicide? Psychiatrist Kay Redfield Jamison knows better than most"
www.guardian.co.uk/books/2000/nov/11/scienceandnature.books

Friday, October 01, 2010

Teacher held over 'porn' novel released

Teacher held over 'porn' novel released
By Priscilla Jiao
Oct 01, 2010

A high school teacher accused of spreading pornography in an online novel about saunas in Dongguan, Guangdong, that serve as fronts for brothels has been released from detention after three days following a wave of public support for his cause.

Yuan Lei, a 29-year-old Chinese literature teacher at the Beijiao High School in Foshan's Shunde district, was granted bail pending trial on Wednesday night and sent a text message to his wife at about 11pm saying that he would be home in two hours. He was driven back to Shunde by Dongguan police in pouring rain, arriving home at 3am yesterday.

"I would like to maintain my peaceful life here and be a good teacher," Yuan said at home yesterday.

He said he was not in a position to comment about whether his release was a result of public pressure, just saying: "I am grateful to supportive people."

Yuan said he preferred not to talk too much at this "sensitive" time. "I need to think straight and get my thoughts together about how to talk to the media," he said.

Yuan's lawyer Rao Yi said police were continuing to collect evidence and would have the novel assessed by a qualified organisation.

He said Yuan was hoping to co-operate with the police and close the case as soon as possible.

Yuan, using his pen name Tianya Blue Pharmacist, updated his 390,000-word novel In Dongguan on Tianya.cn , the most popular online forum on the mainland, from June to October last year. The novel has received more than two million hits.

The book's introduction said it "depicted a hidden, unknown world with love stories of the post-80s generation, Dongguan sauna massages and adult life". Yuan was taken from his school office by plain-clothes police on Sunday.

Guangdong police said on their Sina microblog on Wednesday that they were still gathering evidence to assess the novel. "The case will be closed if the novel cannot be assessed as obscene," they said.

After the microblog entry was posted, hundreds of comments quickly appeared, lashing out at the "unregulated detention". The police later removed the entry.

Hao Jinsong, a legal activist and founder of the Public Interest Lawyer Centre, said the outcry and pressure had compelled Yuan's release. "Without it, he would still be in detention," he said.

Source: South China Morning Post
http://www.scmp.com/portal/site/SCMP/menuitem.2af62ecb329d3d7733492d9253a0a0a0/?vgnextoid=cc7144cc1536b210VgnVCM100000360a0a0aRCRD&ss=China&s=News