Saturday, October 31, 2009

Per i sinologi che sognano l'America Latina...

"la fine del modello neoliberista ha coinciso con l’incremento dei rapporti economici di alcuni paesi latinoamericani con la Cina a partire dalla visita di Hu Jintao nella regione nel 2004"

Friday, October 30, 2009

A case of racism in China? We all prefer to think they're just a bunch of asshole!

Scusi, ma lei, espistemologicamente parlando, come la vede l'interdisciplina?!

Non solo sinologia...

Thursday, October 29, 2009

Chengdu, Sichuan Province, South China: a day of ordinary class struggle...

A report from Husunzi, for the "China Study Group":

"Several news agencies were contacted, but apparently none came to investigate. (One commented that such incidents are too common to be newsworthy, and besides, no newspaper’s editors would be willing to publish it.)"

"Incidentally, among several dozen people contacted, only one came out to show support. Several Chinese leftists said they were attending a lecture of a visiting American critic of US imperialism. One foreigner said he was worried about getting kicked out of China forever by being associated with such squabbles."

Concorso di bellezza moldavo Mr e Ms Rom...

Foto: Gregzz.

Wednesday, October 28, 2009

有用的吧!So useful!

"Here is a list of common Chinese-language internet terms, expressions, acronyms, or slang"

Sex culture on the web



Tuesday, October 27, 2009

"打工十二月", 迟志强. "Twelve months as a migrant worker", by Chi Zhiqiang


To listen the song:

Secessio plebis...

2008, June 18th: Chinese Immigrant Workers Strike in Mauritius

2009, October 13th: Chinese Immigrant Workers Strike in Trinidad & Tobago

???: Chinese Immigrant Workers Strike in Italy

Photo: Reuters

Dibattiti post femministi

"[la donna] è più libera e indipendente, ma anche più sola e nevrotizzata nei passaggi che segnano le tappe vitali critiche e il rapporto con gli altri"

A foreigner's life in a Beijing jail

"Posted by Jeremy Goldkorn, October 23, 2009 3:42 PM

[A foreign man who spent the last seven months in jail sent Danwei this
description of his daily life at the Beijing No. 1 Detention Center after
his release last week.]

If I were a Chinese person and not a foreigner, a crime like mine would have
been dealt with on the ³city district² level, as opposed to the ³municipal²
level which is much tougher.

The other people incarcerated at Beijing No. 1 Detention Center were all
facing life sentences or death sentences, at least as a possibility, so it¹s
not a place where detainees are given a lot of slack. It¹s the site of
Beijing¹s newly constructed hi-tech lethal injection chamber.

It was boring as anything, and the rules were strict.

Thankfully, foreigners are housed in a section where we were mixed with
big-time white collar Chinese criminals, who are a better sort than the
murderers and cannibals and rapists housed in other parts of the facility.
Many of the Chinese people I was in close contact with were college
educated, and many had been in positions of high responsibility. The CFO of
Gome was in my cell; Huang Guangyu the CEO ­ formerly the richest man in
China ­ was down the hall. I often saw him walking in the hallway heading
downstairs for investigation.

The room, or ³cell² if you like, was about 25 feet x 15 feet in dimension,
and housed between 12 and 14 detainees. About half the room was filled with
what we called ³the board², a raised platform stretching from wall to wall
on which we sat during the day and slept at night. The bathroom in the cell
consisted of a squat toilet, a faucet (no sink), and another faucet up high
for showers at night. The wall between the bathroom and the room was
transparent, so everybody could see everybody else all the time doing their
business. You get used to it. Boiled drinking water was available twice a
day in the room through a special tap.

Daily life was a drag during the week. Here¹s the schedule:
06:30 Wake up. Eat breakfast (watered-down milk powder, a piece of bread, an
egg every two days).

07:00 Clean the room. I was assigned to the bathroom from Day 1, and even
though I had many chances to ³move up² to the floor or other assignments, I
decided to stick with what had become familiar. Two of us were responsible
for the bathroom, so I cleaned it every other day, thrice a day. I stayed on
that duty for so long that I became know as the ³boss of the bathroom², or
³Toilet Control Officer². (Something for my resumeS and yes, I scrubbed the
squat toilet with a toothbrush, but not mine.)

07:30 Sit on ³the board². This is the main activity in any Chinese jail,
familiar to fans of Chinese soap operas and movies. The board runs the
length of the room, and we were required to sit on the edge of it for most
of the day.

Leaning too far forward, leaning too far back, and even crossing your legs
was forbidden (especially if the officer on duty was an asshole or having a
bad day). One person at a time was allowed to get up and move around to use
the bathroom, fetch water, get a book, etc. So, mostly I chatted with other
people or read a book. Sitting so much hurt my back at first, but then I got
used to it, or stronger.

10:30 Time for lunch! For the last three months of my incarceration it was
boiled potatoes every day. A single boiled vegetable was the template for
most all meals, with beef chunks included once a month. Every meal also
included steamed bread, which I generally avoided, and rice came with lunch
every two days. After lunch we had about an hour of free time to lie around.

12:00 Siesta time, a Chinese tradition.

13:30 Wake up from naptime. Sit on the board for another three hours. Also,
during the afternoon sitting period we were let out into our ³porch² area
for about 15 minutes, where we stored our extra food and clothing. This was
known as ³going out² for ³exercise², but in reality it was just another
small room with a big hole up high for a window with no glassS that is, you
could see the sky and sometimes the sun, but I wouldn¹t by any stretch of
the imagination call it going outside. Also, the exercise was walking around
in a circle with too many people in a small space, at probably about 2 or 3

16:30 Dinner time! MmmmmS. oily boiled cabbage. Or oily boiled turnips.

Mondays and Fridays we got to have a kind of tomato soup with egg in it, a
very popular meal, but we only got a small bowlful. I generally skipped
dinner as part of my weight loss plan, and as soon as things were cleaned up
I got down to my work out. After dinner we had 2 hours of free time for
showering (which I also used to exercise). This generally involved about 75
pushups (not all at once), some crunches, 1000 jumping jacks, some bicep and
shoulder lifting, and some squats to keep my legs from atrophying. I did
this about 5 times per week. For weightlifting we used a pair of pants
filled with water bottles. It was very prison-y.

19:00 Time to watch the official state news broadcast, Xinwen Lianbo, which
was much worse even compared to the English-language official state news
broadcast that I used to work for. ³Worse² meaning that the top 9 stories
were usually about what the top 9 leaders in the central government did that
day, followed by 2 minutes of international news. As for other sources of
news, we got about 3 or 4 random sheets from the China Daily newspaper (in
English) every week. I found out that Michael Jackson died from an article
that began, ³Since the death of pop icon Michael Jackson last ThursdayS² I
was like, are they talking about the real Michael Jackson?

After the news, we were forced to sit and watch 2 more hours of the most
incredibly mindless Chinese TV you could ever imagine. Usually the station
was set on CCTV-3, which is mostly family variety shows, cross-talk
comedians that I can¹t follow at all, lip-synched Mando-pop concerts, and
nationalist sing-alongs. Uggggh.

21:30 We can finally move around again! Time to brush your teeth, get ready
for bed, stretch, etc.

22:00 Time for bed. I was going to say, ³lights out², but then I remembered
that they never, ever, ever, never shut off the lights in the detention
center. Ever. Super-bright exposed fluorescent curly bulbs 24 hours a day,
so I ended up sleeping with a blindfold on. I made it from a t-shirt sleeve.
One of the special things about life in the detention center was that two
people in each room have to be ³on duty² during any time when people are
sleeping, including during the afternoon nap. The night was divided into
four shifts of 2 hours each, while the last shift was an additional 30
minutes. We rotated through the last three duties and then had a night off
after three nights of duty. So, on Monday I might sleep from 10pm to 4am
followed by duty until 6:30am; the next night I¹d sleep from 10 to 2, do
duty until 4, and then sleep till 6:30; on Wednesday I¹d sleep from 10 to
midnight, do duty until 2am, and then sleep until 6:30; Thursday night I
would not have to do duty, but I sometimes would have to do duty during the
afternoon nap. It was a very tough system to get used to at first.

Finally, there was no torture, no rape in the shower. Just the good ol¹
psychological torture of close confinement and isolation from everyone and
everything I ever had known one millisecond before I was taken into custody.
But I was always glad that at least there were a bunch of us in one room.
Being alone would have been much worse."


Monday, October 26, 2009

About Chinese female migrant workers

出门拎个蛇皮袋 When they left they carried snakeskin bags
回来皮包加皮鞋 When they returned they had leather bags and shoes
不说再见说拜拜 Instead of “zaijian” they say “bye-bye”
乡邻误认小老外 Village neighbors mistake them for “little foreigners”

“The transformation of female migrant workers”, Anhui Daily, March the 9th, 1996

Chinese popular rhyme

成绩是领导的 One’s achievement is one’s superior’s
老伴是人家的 One’s spouse is someone else’s
钱财是儿女的 One’s money will be one’s children’s
房子是孙子的 One’s apartment will be one’s grandchildren’s
只有身体是自己的 Only one’s body is one’s own

Beijing, Club13, rock'n'roll night!!

童贞是否重要?Verginità: che farsene? Il punto di vista di una giovane cinese

首先,我想谈谈关于西方的性解放运动,据我所知,西方人 并不是一开始就非常开放,也曾经有过提倡禁欲的时代,但是 ,后来为了提倡男女平等,女人也有权利追求自己的幸福,才掀起一场性解放的运动,只是发展到后来,有点过头了(对我们这种比较保守的人而言)。这场性解放 带来的消极的,具体的影响就是 离婚率上升,性病感染的人数上升,aids的爆发。
据说西方七成左右(百分之七十以上的成年人都曾经患过性病),这个 在我这样的学生看来 ,非常的可怕,前几年,武汉出过 一件比较轰动的事情,在武汉上学的一个大学女生,因为一个偶然的机会,认识了一个外国人,他们发生了关系。后来她被诊断出 ,感染上了aids,再去找那个外国人,别人已经跑了。很多人觉得她很可怜,但是也有些人觉得她活该,觉得她太贱了,随便就和别人上床。在中国大部分人 并不认为性解放是一件好事,提起性解放的外国人,他们都会觉得:"外国很多aids吧。”
一,我们从小接受的就是那种要守身如玉的教育。大人们虽然 不会很直接的和你讨论性方面的问题,但是如果大学谈了恋爱,一般父母会告诫你,不要乱来,而且,对于女孩子而言,会更注意这方面,有的男生也许并不是真心 的爱你,只是想玩玩你,经常有女生被男生上了(就是 做了爱,这个说法有 轻蔑的含义在里面),她不小心怀了孕,男生却不管她,把她甩了。或者 男生只顾自己开心,不注意卫生问题,弄的女生得妇科病(我朋友的朋友就遇到这件事情)。
二。人不是动物,想上就上,人是有理性的,男生可能欲望很强烈,可以和不喜欢的人发生关系(但是中国的很多男生也不是随便就和人上床了,我不 知道是不是校园要单纯一些,我们这些学生里面很少听说哪个人特别乱的,不过有的学校里有些人也很夸张,一般去找ons都是去酒吧或者在网上找,但是想认真 找自己喜欢的人,没人会上那种地方)但是女生不是这样,女生更愿意和自己喜欢的人 做爱。那些很乱的女生,她们肯定是受到伤害,后来破罐子破摔了,我有个朋友曾经被一个女生勾引,后来他们发生了关系,但是我这个朋友和我说觉得那女的又可 怜又可嫌,她之所以勾引我朋友,是因为她自己的男朋友特别花心,她为了报复他男友才和别的男生上床= =。在中国 ,这样的女生被称为(公共汽车)。但是我并不是说,女生就应该特别注重贞操,男的就可以风流快活,在我的观念里面,男女都应该要专一一点,我把爱和性是放 在一起的,爱是性的诗化,没有爱的性就是动物交配。
如果你真心爱一个人,你会容忍她和你在一起的时候,又和别人发生关系吗?你肯定也会很不高兴,如果 这个女生前面有很多人,你也会不停的想:她前面那些人到底是什么人,她现在到底是不是真的爱我,是不是有一天我也像那些人一样被她戴绿帽子。
你要是不爱她,反正你们互相玩玩,玩过就算了,但是我觉得这样的纯粹性关系 ,没什么意思。

我有一个表哥,他告诉我他曾经去过好几次 洗浴中心,找小姐,和他的同学一起,他的同学中包括有女朋友的人。他们自己就是纯粹发泄欲望,把妓女当做玩乐的工具。他说他自己不会歧视他们,我问他会找 这样的人当女朋友吗,或者他能接受自己的朋友或者亲人做这个行业吗,他说:“当然不能,做这个行业的确没什么尊严!”当时我哥哥 和我说完这个,他说:“不说了 不说了,觉得和你说这个 好龌龊啊”,这就是说明,他自己也有那种道德观念,觉得自己这样做,其实还是有点恶心。
虽然中国也有很多色情的店子,但是我们学生,尤其是女生 ,都会觉得 那些店很恶心,去那种店的人也很恶心,乱交的人 ,也很恶心。
当然 ,我们并不是歧视妓女,的确有些妓女 是被卖的。
童贞对我们 而言 ,是重要的第一次,也是自己一个时代的终结,一个新时期的开始。
对于女生而言,始终是想要 给喜欢的人,并且是真心喜欢自己的人。
重视贞操,也并不是说 觉得性 很不好之类的,只是珍惜自己的身体吧,保持心灵和身体的洁净。

Sunday, October 25, 2009

Renmin University, 2009, International Culture Festival 2009年中国人民大学国际文化节

Saturday, October 24, 2009

Love and marriage status among migrant women in Shenzhen



Friday, October 23, 2009





"[In Chinese countryside] those who stay behind to continue farming constitute what is often called the "773861 army": "77" refers to the old (i.e., 77 years olds); "38" refers to women, typically married women ("38" is March 8, International Women's Day); and "61" refers to children (June I, International Children's Day)"

"New Masters, New Servants", by Yan Hairong

Thursday, October 22, 2009

Empowering Women

"The process of empowerment is individual and it also is collective. Because it is through partecipation in a group, it can cause women to organize, to adopt consciousness of and ability to act and promote changes to obtain full and constant development. Empowering women can be seen as a continuing process with several inherent interrelated and mutually reinforcing factors... Simply speaking, empowerment is a process that builds consciousness and ability, leads to even more equality, even greater influence on policy-making and decisions, and even greater trasformative action"

Feng Yuan, Chinese journalist and women's scholar.

Cornuti cinesi e cornute cinesi

"[...] 75% of the people said that the law should criminalize extramarital sex, which is not punishable by current legislation. It is interesting to note that the survey found that some 78% of women, 5% points more than men, said extramarital sex should be a punishable offense. Why have women looked less toleranty than men on this practise? Simply, women are the victims, and men are the beneficiaries. Regarding the idea of marital fidelity, women would be more supportive of this idea, since women depend upon it more than men, who have more choices in their control (e.g., being financially capable of supporting their mistresses)"

"Reconceiving Women’s Equality in China", by Yuan Lijun.


"Rush in the morning, stand in line at noon, headache in the afternoon, angry in the evening"

Interview to a Chinese female worker, by Margery Wolf.


The unacceptable alternative?

"[socialists] can begin to successfully advance the view that system can be replaced with a new international system of co-operative labour so organised that it meets the needs of those who produce social wealth. The alternative to this project is unacceptable. It s that we allow our rulers to continue the routine business of imperialism, the organisation of human misery"

John Rees, "Imperialism and Resistance"

Tuesday, October 20, 2009

槟榔 La noce di areca

槟榔 binglang è quello che in italiano si chiama "noce di areca" o "noce di betel". Una simpatica ed innocente noce che nasce da una pianta presente in India e Malesia. Più piccola di una noce, più grande di una mandorla. Me ne ha messa in bocca una un mio amico americano qualche giorno fa. Non ne avevo mai mangiato in Cina, né sapevo cosa fosse. Il sapore è fortissimo, condito con altre spezie, ti vien voglia di vomitare tutto ma poi ci prendi quasi gusto. Mi ha riportato alla mente una roba che ogni tanto compravo per strada in India, una foglia di betel infagottata con zuccherini e spezie varie. E' come masticare tabacco. Anzi, è condito anche con 烟草 yancao , che in cinese significa appunto "tabacco". Secondo l'americano, nelle provincie meridionali dello Hunan e del Sichuan, famose per il cibo piccante e i dialetti assurdi, ci mettono dentro anche piccole quantità di 鸦片 yapian, "oppio". Vero o non vero, quella che ho masticato io (per poi sputare, non si inghiotte mica, sarebbe come inghiottire del legno) non mi ha dato particolari segni di sballo. Ma una fortissima dipendenza da "masticazione", che mi ha obbligato a togliere via con la violenza tutto il pacchetto di noci di areca dalle mani del mio amico americano.

Mi chiamo Yan Deli, faccio la prostituta e ho l'AIDS. Questi i numeri dei miei clienti.

E dilla una cosa di sinologico cazzo…

Leggendo questo blog qualcuno potrebbe pensare che qua a Pechino è tutta una festa continua, concerti e sagre a rotta di collo. Non è così. O meglio, non sempre. Qua si fa ricerca sulla Cina. O almeno, ci si prova.

Il turista italiano (o occidentale o straniero che sia) che è venuto in visita a Pechino o Shanghai sarà portato a pensare “Cazzo, pensavo di andare in un paese di comunisti bassi e tutti uguali, morti di fame e mangiatori di bambini, invece tra grattacieli e tecnologie, tra ipermegacentricommerciali e puttane a due lire qua sono messi meglio che in Europa… hai capito i cinesi!?”. In realtà non è proprio così. Pechino e Shanghai non sono esattamente rappresentanti della Cina. Rappresentano UNA Cina, ma in Cina di Cina ce ne sono molte.

Come allora osservarle un po’ tutte? Dall’alto diciamo. Ovvero, dove andare per vedere la Cina?

Rifiuto categoricamente la dicotomia manichea “Vera Cina – Falsa Cina”. Non esiste una Cina più “vera” di un'altra, perché non esiste una Cina falsa o più falsa di un’altra. Ma resta la domanda: dove andare per vedere la Cina?

La mia umilissima risposta da mancato sinologo squattrinato amante di grappa cinese e musica punk pechinese è la seguente: non DOVE ma COME. Non bisogna andare IN un posto in particolare (troppa vasta e diversa la Cina), ma CON un mezzo in particolare: il treno.

Ma non un treno a caso. Non il super veloce Pechino-Tianjin per fare un esempio. No. Se vuoi “vedere la Cina” prenditi un bel Chengdu-Pechino o che ne so, un bel Hankou-Baotou. Ultima classe (ovvero “sedile duro”), “man che” (treno lento). Il treno del proletariato cinese. Trenta ore seduto mentre fuori dal finestrino passa la Cina di campagne e fabbriche che fumano nero, mentre dentro impazza la tempesta di contadini, lavoratori stagionali, giovani migranti. Provenienti da ogni parte della Cina, gente semplicissima che non è neanche in grado di parlare tra di loro tanto diversi sono i loro dialetti da una zona all’altra. Prenditi un bel Changsha-Haerbin. Tagliati la Cina da sud a nord, da ovest a est. Siediti ed osserva per decine di ore uomini e donne segnati da anni di fatica nelle campagne portare in spalla sacchi di farina e pesanti indumenti. Osservali montarsi l’uno sull’altro, giocare a carte, sgranocchiare mais e semi di girasole, osservali fumare ininterrottamente per ore e riempire il pavimento di ogni porcheria, mozziconi di sigarette, bucce di mandarino, bottiglie di grappa, sputo, confezioni di noccioline. Ascoltali rumoreggiare in dialetti incomprensibili non solo agli stranieri. Osservali e avrai osservato la Cina. Non una Cina, ma la Cina nel suo insieme: tra di loro si nascondono anche studenti, giovani impiegati, imprenditori abituati a viaggiare a bassa velocità. Fuori, nel lento scorrere di grigi paesaggi, brulle campagne e stazioni corea del nord, sfrecciano i nuovissimi treni “hexie” (letteralmente “armonia”), l’alta velocità firmata Cina. Il “man che” della gente semplice invece va ancora a carbone, o forse è trainato da asini, stento ancora a capirlo.

La Cina valla a vedere in treno, nel treno. E’ tutta lì. Ed è bella da morire. Intossicati.

Fiocco nero: storie d'amore e d'anarchia nella periferia di Wuhan.

XiaoTie avrà un ventitre ventiquattro anni. È nata in qualche sperduto villaggio in qualche sperduta campagna della Cina centrale. È a Wuhan per seguire un Master in Public Administration e studiare giapponese. Insegna anche agli studenti del primo anno. XiaoTie indossa occhiali alla Gramsci, scarpette alla Cappuccetto Rosso con tacco e un vestitino come le maestre nelle scuole elementari inglesi del mille ottocento. Sarà forse per questo che tutti le danno della lesbica. XiaoTie ha paura anche solo a definirsi femminista. Ma legge con piacere letteratura femminile contemporanea. XiaoTie ha la pelle bianchissima e indossa un vistoso fiocco nero. XiaoTie non sa bene cosa sia la lotta di classe, il vegetarianesimo o l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale. Ma sale in cattedra quando sente parlare di donne. Sale in cattedra dal suo metro e cinquanta di altezza. Contando i tacchi. XiaoTie sorride e guarda per terra quando si trova in imbarazzo. E si incazza se le tocchi i capelli. XiaoTie è molto romantica e abbiamo dormito assieme a Wuhan. E non era lesbica. Ma se ne è andata la mattina alle sei, quando ancora tutti (compreso me) dormivano. Mi ha lasciato il suo fiocco nero. Un fiocco nero come le farfalle che gli anarchici italiani portavano al collo durante il ventennio fascista. Ciao XiaoTie… alla prossima rivoluzione!

Precarious Work in Italy and Migration: Brief Introduction 意大利临时工作与流动人口:简要地介绍

临时工作者 与 流动人口: 为什么?

临时工作短期/合同工作:此类工作普遍是年轻人在做, 是一种工作合同时间较短, 工作时间不稳定, 无法接触主要工作项目, 无社会保险与奖金, 报酬通常比较低的工作。
流动人口:简单的说,迁移的人口,为找工作或找好一点的生活环境出国的人。也可以意味着中文“ 劳工”。在这篇文章中,意味着所有从不发达或者发达中国家来意大利找工作或申请庇护权的人。


-从经济角度来看,公司的利润提高, 而劳动者的收入减少


普通的意大利临时工作者是未婚的:劳动市场需要未婚的人,这样的话工作者可以更容易被1)敲诈 2)剥削3)解雇


我们大量的, 各种职位种类中都能看到临时工作者的存在,(如农业、工业、服务业等), 但大多数的临时工作是属于教育方面的(小学、中学、高中、大学)。

所谓“临时工作”从1997年属于意大利劳动法律。它基于定期合同上。每次定期合同过期,单位可以续订合同(但不一定)。这种情况让公司随意剥削工作者:理论上公司使用他作为一名临时工或受培训职员, 但实际上使用他作为一名普通工作者。这个意味着公司不用交给他普通的收入和福利(工作保险、医疗费、退金等)。况且,公司不是一定要续签合同或更改为定期合同,这样的话临时工作者失业而必须找新的工作和单位。不管怎么样,临时工作者一直被剥削而没有工作保险或发展的机会。

所谓“Biagi法案”是劳动市场一次改革,在2003年2月份由第二个贝卢斯科尼政府(2001年至2005年)提出的。它的名字来源于意大利法学家和经济学家Marco Biagi。2002年他被“新红纵队”(一种马克思列宁主义恐怖组织)杀害.
如果没有社会保险, 那么“灵活性”还只是同样意味着“临时工作”。“Biagi法案”减少公司的费用, 可并不增加工作者的收入和工作保险。

San Precario(临时工作者圣像)

Serpica Naro
“Serpica Naro” 是 “San Precario” (“临时工作者圣像”)的一个易位构词:是一位理想和假的英日时装设计师的姓名。2005年在米兰市时装会中它被一些临时工作者创造了。

Beppe Grillo, “Schiavi moderni” (“当代奴隶”,关于意大利临时工作者的一本书)
Stefano Obino, “Il Vangelo secondo precario”, 2005. (“根据临时工作者圣像的福音”,关于意大利临时工作者的一部电影)
San Precario (关于“临时工作者圣像”的两个网站):
Serpica Naro (“Serpica Naro” 的网站):




1998 “Turco-Napolitano 法案”发出了。这次目标是阻拦移居现象与创造所谓CPT(“临时逗留中心”),目前成为CIE (“证明与发遣中心”)。实在上这些CPT或者CIE并不是个收容所而都是个监狱:非法移民被警察放到这种监狱。






其实CPT 或者CIE 并不是意大利法律上独有的。它们也存在于其他的欧洲。




意大利高等法院也表达它的对新的法律的忧虑,因为它给社会带来混乱,降低刑事法制的效率和否认移民的权利 (尤其是他们的避难权)。



Thursday, October 15, 2009


1949 Socialism saved China
1979 Capitalism saved China
1989 China saved socialism
2009 China saves capitalism?

source: Trusted Sources

Oil Diplomacy

Wednesday, October 14, 2009

Silvio... dai! Dai, dai...!!

"Silvio, it's Time to Go
Italy can no longer afford the antics of its playboy in chief"

Monday, October 12, 2009

Se questa foto non vi dice niente, allora leggete questo articolo. In caso contrario, anche.

Thursday, October 08, 2009

Report: la (mala)sanità cinese

Gli ospedali non sono simpatici a nessuno e questo non c'è neanche bisogno di scriverlo. Posto orribile l'ospedale, che tu sia paziente, conoscente del paziente, personale medico o donna delle pulizie. Orribile posto. Orribile posto ovunque, specie in Italia dove in materia di malasanità siamo professori honoris causa. Dopo quattro anni e passa di vita in Cina ho collezionato qualche esperienza ospedaliera. E stasera ho bisogno di sfogarmi.

La prima volta che sono entrato in un ospedale cinese è stato a Pechino: dovevo aiutare una famiglia italiana a raccogliere informazioni (e speranze) per una operazione con cellule staminali. Purtroppo non potei far molto, il dottore mi liquidò subito dopo aver dato un'occhiata alla diagnosi.
La seconda volta è stato in un ospedale a Canton: rissa in un locale, mi han spaccato la testa a bastonate e mi han portato a ricucirla in sala operatoria. Medico palestinese, non mi ha neanche fatto pagare il servizio. Eternamente grato ai colleghi del consolato italiano.
La terza volta è stato a Chengdu, provincia del Sichuan, famosa anche in Italia per il terremoto del 2008. Lavoravo come interprete e sono stato due giorni in ospedale con un ragazzo italiano che ha avuto un infarto. Ci sistemarono nella stanza super lusso. Fuori c'era ancora gente bruciata o mutilata dal terremoto. Non vedevo l'ora di andarmene.

E veniamo al presente. Premessa: la sanità in Cina oggi è privata e costosissima. Morto Mao è morto anche lo stato sociale, specie per contadini e operai. La Cina, ufficialmente il paese socialista più popolato al mondo, ha educazione e sanità private. So che sembra una contraddizione ma è così. In confronto la sanità negli Stati Uniti è regalata. Da invidiare la Corea del Nord. C'è un detto fra i contadini che suona più o meno così: "non aver paura della miseria, se ti ammali allora sì hai qualcosa di cui aver paura". Gli ospedali in Cina sono una specie di società per azioni. Fanno business. Mettono pubblicità per attirare pazienti (ovvero clienti). Disgustoso. Anche un analfabeta straniero sa cavarsela in un ospedale cinese: devi solo pagare. E passare da uno sportello all'altro. Pagando.
Negli ultimi giorni ho accompagnato un'amica italiana al BeiYiSanYuan, terzo ospedale della capitale collegato all'Università di Pechino. Non male, pulito, ottima assistenza. Ottima anche la parcella che ti chiedono i medici per una visita. Poco dopo ritorno allo stesso ospedale per accompagnare Yu, una giapponesina di 24 anni, una delle persone più care che ho in Cina. Da giorni ha febbre alta e macchie su tutto il corpo, macchie che diresti morbillo. Per due volte han visitato Yu al BeiYiSanYuan e per due volte l'hanno rimandata a casa con diversi pacchi di medicine e una diagnosi che parla di una non meglio identificata "influenza batterica". Visto che siamo in tempi di influenza A1 (o come cavolo si chiama) io non scherzerei troppo. Yu continua a star male, sopravvive solo grazie alle nostre tachipirine e aspirine. Le medicine cinesi sembrano farle effetto contrario, ovvero peggiorativo. Decide di cambiare ospedale, questa volta all'Haidian Yiyuan, ospedale del quartiere universitario dove viviamo. Anche lì la liquidano in due minuti, altre medicine e altra diagnosi: febbre e macchie alla pelle sono una reazione allergica a medicine prese in precedenza. E Yu continua a star male. Questa volta va in un'ospedale per stranieri. Le dicono di rivolgersi al Ditan Yiyuan, un ospedale nuovissimo, vicino all'aeroporto (ovvero lontano una ventina di chilometri da qui), specializzato in casi di influenza. Questa volta la ricoverano subito.

E adesso arriva la parte dove mi incazzo.

Sono andato a trovarla tre volte. E ogni volta vorrei prenderla e portarla via. Troppe cose ci sono che puzzano, non convincono, casi esageratamente evidenti di incompetenza e malasanità. L'ospedale è davvero enorme, pulito e ben attrezzato. Per questo i prezzi sono altissimi. Ma in tema di salute non si bada al portafogli. Ci badano le assicurazioni però: da studente con borsa, Yu ha una assicurazione fornita dal governo cinese, tramite università; inoltre ha due assicurazioni in Giappone, una con sede a Singapore. Le tre assicurazioni si scannano per evitare di pagare le spese mediche. A Yu l'han portata in una stanza singola, ampia e confortevole, con frigo e televisione, posta sotto osservazione, flebo e analisi continue. Dopo tre giorni i medici non sanno ancora cosa abbia. Farfugliano di ipotetiche scarlattine o orecchioni. Inflenza batterica di sicuro, ma non sanno sbilanciarsi. Si sa solo che è grave e deve stare almeno due settimane in ospedale. E intanto si prendono 200 rmb (20 euro circa) per notte. Che in Cina è una somma semplicemente improponibile per il 90% della popolazione. Ma tanto Yu è straniera e dunque ricca e dunque chissenefrega, se sta male l'ospedale ci guadagna. Si sa solo che "è grave". E han chiamato l'università per farsi portare i soldi per le cure. E parlano di una eventuale operazione e che le devono aprire la schiena e non si sa per cosa né perchè. E vogliono che la famiglia (che vive a Yokohama, in Giappone) la raggiunga al più presto in ospedale a Pechino. E le infermiere sono solo buone a cambiarle la flebo, ma non la aiutano per andare in bagno e prendere le cose di cui ha bisogno (Yu non riesce a camminare da sola). E non le danno medicinali perchè hanno paura che sia allergica. Dunque la lasciano delirante al letto con 39 e mezzo di febbre, testa che le scoppia, pelle gonfia e tirata. E hanno anche chiamato l'università perchè pagasse una donna cinese che stia con lei e l'aiuti ad andare in bagno durante la notte. Le infermiere non ti dicono che malattia ha, ma sono buone a informarmi che una donna sa badare ad un malato meglio di un ragazzo, dunque è il caso che me ne torni a casa e lasci Yu da sola con questa sconosciuta. E in mezzo a dottori maschi che cambiano di giorno in giorno e si presentano solo per toccarle le tette e dirle di stare tranquilla.
Ditemi se non è assurdo. Yu vorrebbe tornare in Giappone e farsi curare là (stessa cosa che pensiamo io e tutti gli amici e conoscenti con i quali ho parlato) ma poichè ha detto all'assicurazione di Singapore che non riesce a camminare, se torna in Giappone l'assicurazione non la copre più. E se non ho capito male la sanità è privata anche in Giappone, anche lì business sulle malattie della gente.
E meno male che Yu ha una copertura medica e comunque soldi da parte. Un comune cittadino cinese sarebbe già morto di fronte al portone dell'ospedale. Un vero schifo. Qui sono messi peggio che in Italia: se hai i soldi bene, sennò crepa. E fottiti pure.

"Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato, l'ultimo albero tagliato, l'ultimo animale ucciso, solo allora capirete che non si può mangiare denaro"

Alla censura non credere mai...

E' proprio vero: gli anarchici li riconosci dal sorriso. Tarda notte, pronto per buttarmi tra le braccia di Orfeo, bussano alla porta, entra un amico, uno studente indonesiano col sorriso stampato in faccia e un software. Finalmente ce l'abbiamo: il software per fottere la censura cinese! Come godo! Dopo un mese di strenui tentativi con proxy, siti e software vari, finalmente uno che funziona davvero, apre tutto e non si blocca. Finalmente passerò la notte a mettere foto nel blog e ascoltare musica da Youtube, pogando da solo in camera e saltare di gioia sul letto! E andiamo!!
Allora, prima canzone... la dedico alle troppe persone che conosco e che in questo momento si trovano in ospedale:

"Datemi un passaggio per fuggire dai locali
intelligenti e dagli sguardi dei clienti"

Timoria, "Mandami un messaggio"

p.s. Ovviamente non me lo tengo per me. Mandatemi una e-mail e vi mando il file di installazione. Se non condivido godo solo a metà.

Ancora foto, ancora compleanno, ancora paura e delirio nei bassifondi di Pechino!!