Wednesday, January 31, 2007

Quando uno si arricchisce e tanti no

Fonte: China Dialogue

China has seen rapid economic growth since the start of the reform era in 1979. Annual GDP growth averaged 9.6% between 1979 and 2004. In 2004, GDP growth reached 10.1%, an achievement that attracted global attention. Over this period the population has grown sharply; huge quantities of resources have been consumed; environmental pollution has worsened; ecosystems have been wrecked; and vast areas of land have been lost. This has given rise to all manner of environmental problems. The economy has grown, but the environment has suffered. Over the past 27 years, China has adhered to an economic model characterised by high levels of pollution, emissions and power consumption, combined with low levels of efficiency. It has repeated the “pollute first, clean up later” model that Western nations adhered to during their early stages of capital accumulation.
The Tang-dynasty poet
Du Fu once wrote: “Though a country be sundered, hills and rivers endure,” yet we can only reflect that while our country endures, our hills and rivers have been devastated. Environmental degradation harms public health, affects social stability and holds back China’s sustainable economic growth. It is a major problem, one which threatens not only the development but also the survival of the Chinese people.
Decreases in cultivated land
Remote-sensing surveys show that China’s cultivated land area plummeted between 1988 and 2000, from 1,307,400 square kilometres in 1991 to 1,282,400 square kilometres in 2000 – from 1.8 mu (0.0012 square kilometres) per head to 1.5 mu (0.0010 square kilometres) per head. Construction accounted for 56.6% of the decrease, 21% of land was forested, 16% was flooded and 4% became grassland.
During the 1990s, the number of cities in China’s east increased from 315 to 521. Each year, an average of 767.42 square kilometres is built on, with this figure growing at an average of 5.76% every year. The land around Beijing has borne the brunt of this, with the city expanding by about 20 square kilometres per year. Besides
urban construction, the effects of industry and mining account are also significant. Statistics from the provinces of Jilin, Jiangsu, Fujian, Henan, Hubei and Hunan show that land given over to mining development increased 1.96 times between 1986 and 2000, and the land area that was damaged increased by 4.71 times.
Over this period some cultivated land was added: 24.2% of it by reclaiming woodland, 66% from grasslands and 1.9% from bodies of water. But this was all obtained at the expense of natural ecosystems. Over the last 40 years, land
reclamation has lead to the loss of 11,900 square kilometres of coastal shallows, with industry taking more than 10000 square kilometres of coastal wetlands. Half of China’s coastal shallows are now completely destroyed. And despite this, the trend of overall loss of cultivated land has not been reversed.
Where the loss of cultivated land is due to a change in usage, the soil itself at least remains, though sealed below concrete and asphalt. However, soil that is swept away by wind and water is lost forever. In 1999, 3.56 million square kilometres of land were affected by
erosion due to wind, water and freeze-thaw cycles. Of this land, 82.53% lies in China’s west. The country has 1.74 million square kilometres of desert spread across 30 provinces, over 90% of which is in the west. An astonishing 1.6 billion tonnes of soil is swept into the Yellow River every year, approximately 400 million tonnes of which is deposited on the riverbed downstream, causing it to rise between eight and 10 centimetres annually. During the past 40 years, the riverbed in the lower reaches of the Yellow River has risen by two metres, and on average it stands three to five metres higher than the land that it flows through. In places it is as much as 10 metres higher. The Yangtze River basin also loses 2.4 billion tonnes of soil per year.
With the loss of soil, valuable nutrients are lost. In the Yellow River basin alone, about 40 million tonnes of nitrogen, phosphorus and potassium are lost annually – more than the total consumption of China’s fertiliser industry in 2003 (39.9 million tonnes). A conservative estimate, factoring in soil lost to water erosion in the Yangtze River basin and wind erosion in arid and semi-arid regions, puts annual loss at five times that figure. The lost nutrition is replaced artificially, atmospherically and with ore, resulting in serious environmental pollution. China’s government should take urgent and effective measures to prevent the further loss of soil.
The threat to China’s forests
According to
State Forestry Administration figures, forestry coverage in China rose from 12.98% in 1986 to 16.55% in 1999, a growth of 33%. But we need to be clear about what went into those figures. Many areas adjusted the canopy density rate used to define a “forest” downwards from 0.3 to 0.2. Bushes and shrubs were also added to the figures. It is possible that the amount of forest did not actually increase – only the figures did. In China no old-growth forest remains, and forests over a century old are extremely rare. Even if the above figures are accurate, China’s huge population means that the per capita average is extremely low – only 21.3% of the global average. In terms of volume, China has only 12.5% of the global per capita average of 72 cubic metres.
It should be noted that although central government’s investment in forestry has been gradually increasing, forest management policy’s disregard for the environment has led to a potential threat from weak and unsustainable single-species forests. Between the 1950s and 1990s, the forested area affected by disease and pests increased six-fold. This increase was greatest in the 1990s, 196% of the increase during the 1980s. If China’s vast subtropical mountainous areas were sealed off and human interference reduced, their
broadleaf evergreen forests would recover. But tragically, paper manufacturers have felled natural forests in order to plant the invasive eucalyptus tree. Intervention by the authorities has been too weak to prevent this destruction, and some local forestry authorities have even profited from collusion with interest groups.
China’s water crisis
China consumed a total of 556.7 billion cubic metres of water in 2001, 13.2 billion cubic metres more than in 1998. Most of this increase came not from replenishable
surface water, but from groundwater obtained by drilling – water that should be left for future generations. Water usage rates for major river basins such as the Huai River, Liao River and Yellow River have reached 60%; the rate in the Hai River is 90% and for the Hei River the rate is 110%. The internationally-recognised warning level is between 30% and 40%.
An inefficient use of water resources and a lack of water conservation awareness mean that even this massive overuse does not meet our so-called “needs.” A total of 60% of China’s 669 cities face water scarcity, and of these, 110 face serious water shortages. Around 60 areas suffer from lowered groundwater levels, with a zone measuring 30,000 to 50,000 square kilometres in the North China Plain being the world’s largest. Over-extraction of groundwater not only happens in China’s arid north, but also in the water-rich south. Subsidence affects 46 cities in 16 provinces, including Shanghai, Tianjin, Jiangsu, Zhejiang and Shanxi. In south China’s Suzhou, 180 square kilometres of land has subsided over 60 centimetres since 1949. In Wuxi, 59.5 square kilometres has subsided by the same amount, and 43 square kilometres in Changzhou.
The relatively water-rich Sanjiang Plain, in northeast China, has also seen a large-scale extraction of water and soil degradation, has led to the loss of wetlands. In the past decade, the northern part of the plain lost 105 square kilometres of wetland. The Songnen Plain and Liao River delta have lost 1,820 square kilometres and 230 square kilometres hectares respectively.
But China's water crisis is not a purely underground phenomena, it also manifests itself in the loss of
glaciers on high plateaus. Glaciers are China’s “solid reservoirs” and an important source of water for arid regions. Global warming caused glaciers north of the Sichuan-Tibet highway in Nyingtri (Lingzhi) to shrink by 100 metres between 1986 and 1998. This retreat will directly impact the progress of the western branch of China’s South to North Water Transfer project.
The destruction of China's ecosystems
There are ten main types of land ecosystem in the world, and China has nine: tropical rainforest,
evergreen broadleaf forests, deciduous broadleaf forests, conifer forest, mangrove forest, grasslands, alpine meadows, desert and tundra. The only ecosystem it lacks is the African savannah, though regions such as the Hunsandake, Keerqin, Mu-us and Hunlun Buir have the same structure and function. China is therefore the only country in the world which may feature all of the world's ecosystems.
But unfortunately, every one of these ecosystems is suffering. Aside from China’s well-documented loss of forests and expanding deserts, alpine meadows, temperate grasslands and mangrove forests are also being seriously degraded. The Qinghai-Tibetan Plateau is one of the worlds largest, highest and most unique ecosystems. But long-standing over-grazing and misuse has caused serious degradation of its alpine meadows, mainly demonstrated by the drop in hay production from 300 kilograms per mu (667 square metres) in the 1960s, to 100 kilograms today. This destruction is also attested to in the region’s increasing
mole-rat infestation: from eight to 10 mole rats per hectare in the past, to more than 30 today.
Ninety percent of
China's usable grasslands display varying degrees of damage, and this area is expanding by 20,000 square kilometres per year. Of this lost grassland, 55% is being used for cultivation, and 30% has simply become unusable. The majority of grasslands in the west of China are over-used; in Xinjiang the rate of overuse is 121%, in Ningxia is 72% and in Inner Mongolia is 66%.
Mangrove forests are globally recognised as one of the world’s most productive and diverse ecosystems. China's mangrove forests are mostly located to the south of the Fujian coast and at one time covered 2,500 square kilometres. In the 1950s, they covered 500 square kilometres. Now they only cover 150 square kilometres. Since 1949, exploitation, felling and inefficient usage of coastal mangrove forests has brought unprecedented destruction, especially in the past 20 years.
The UN's Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Flora and Fauna
(CITES) lists 740 endangered species. Of these, 189 are in China, around a quarter of the total. Between 4,000 and 5,000 of China’s plant species are endangered or approaching endangerment, from 15 to 20% of the country’s total number of plant species. Environmental changes and the fragmentation of habitats are causing this loss of biodiversity. For instance, in the natural forests of Nenjiang county in northeast China’s Heilongjiang province, endangered species were distributed across 240 different locations, with an average size of 0.8 square kilometres. By 2000 this had fragmented to 343 different locations with an average size of 0.68 square kilometres.

E anche questo...

Fonte: China Daily

Anche questo è Cina

Fonte: China Daily

'Most beautiful teacher' in the mountain
Deep in Mount Taihang there is a primary school with only two pupils and a teacher, who has recently caught the attention of the cyber-world.
The teacher, Mei Xiang, has been dubbed the most beautiful teacher on the mountain by netizens according to a Southern Metropolitan News report on Wednesday. Mei has been working for the school in a remote mountain village in central China's Henan province for six years. She started at 16, when Shimen Primary School was on the verge of closing due to a lack of teachers.
Shimen Primary School was built because the closest major school was considerably far away from the village. Many students have left for a variety of reasons, and now there are only two. Mei is still determined to help the villagers become literate and fashioned her home into a classroom after the actual school building collapsed.
According to a previous report by the Henan Business News, this single young woman, determined to stay in the school as long as there is even one child to teach, has disappointed a number of admirers by announcing that her boyfriend is staying with her in the poor mountain village.
Mei Xiang's story was spread on the Internet by a plasterer in Henan, "Cloud in Hometown" as he calls himself on the Internet. He went to Mount Taihang after reading the report to find the teacher who loved her job so much.
Mei was surprised to have a guest in the village, and her living conditions moved "Cloud in Hometown" who then brought a group of seven netizens to visit her. With Mei's permission, they posted several of her photos on a forum, and several online communities spotted her pictures.
"Cloud in Hometown" never thought his behavior would disrupt Mei's life, but as more netizens went to see her they began to blame the local authority for failing to fund the school.
Most villagers are leaving Mount Taihang as exploitation of the land continues and new roads connect them to cities. Mei recently married but doesn't live with her husband because it's too far from the school. She feels guilty, but says she'll stay until there is someone to replace her, as "helping children who live in the mountains learn is too important" for her to stop, she said.

Tuesday, January 30, 2007

E a una munita minuta giapponese che ama De Gregori non credere mai...

Fonte: Libero News

Le geishe punk
Spopola, da Tokyo agli Usa, la moda inaugurata dalle "Harajuku girls"

Splende il Sol Levante sulle più estreme frontiere dello street style. Più originali e forse anche meno esportabili, nelle tendenze modaiole, dei loro coetanei newyorkesi, i giovani giapponesi fanno dell'eccentricità il loro marchio distintivo.
Sarà forse un modo per reagire a una pressione sociale fortissima che tende a "normalizzarli" e a farne perfetti yesmen (e e yeswomen) d'azienda, fatto sta che a Tokyo e dintorni i ragazzi sembrano ubbidire a un preciso diktat estetico: rompere gli schemi.
Le ragazze, soprattutto. Le "harajuku girls" fanno base al loro quartier generale, l'omonimo Harajuku appunto, a Tokyo e lì danno vita ogni giorno, con le loro mise stravaganti, a un fenomeno che dal '97 a oggi è ormai diventato una vera e propria attrazione turistica. Contaminazione, parola chiave di molti trend musicali odierni, è anche il perno dello stile di questa peculiare tribù metropolitana, capace di mescolare capi classici della tradizione nipponica (kimono da samurai o da geisha e divise scolastiche) con "citazioni" di anime e manga, abiti kitch e punk, non privi di accenni gotici.
Bizzarrìe di successo, quelle delle mascheratissime giapponesine, che circolano per strada con un trucco molto marcato, teatrale addirittura, e agghindate con pesantezza barocca: i coetanei americani ed europei stanno correndo a imitarle, prova ne sono la catena di negozi
Harajuku Lovers, negli States, e l'Harajuku Station, forum online che riunisce, in Italia, gli appassionati di manga e cosplay.
Gli stilisti sono allerta e vanno in "pellegrinaggio" a Tokyo in cerca di ispirazione, mentre già emerge uno stile concorrente a quello delle "harajuku girls", nato nel vicino quartiere di Shibuya.Più sexy e ammiccanti, le "Shibuya Girls" sono virtualmente concorrenti di un Grande Fratello fai-da-te, che dalla strada punta agli studi televisivi e alla massima visibilità mediatica, che hanno subito ottenuto grazie a un magazine dedicato solo a loro.

Sunday, January 28, 2007

Fonte: Corriere Asia Online
Foto: La Stampa Online

CCTV: "Il maiale offende i musulmani"
28 Gennaio 2007

PECHINO: Il prossimo il 18 febbraio la Cina entrerà nell'anno del Maiale. Ma proprio alla vigilia del Capodanno Cinese, la CCTV (China Central Television) ha deciso di non trasmettere immagini e discorsi riferiti all'animale. Il motivo? Evitare di offendere i 20 milioni di musulmani che abitano in Cina -- pari a solo lo 0,2% della popolazione. Il comunicato, inviato la scorsa settimana agli uffici stampa delle più grandi aziende, vieta di trasmettere qualsiasi immagine dell'animale. Coca Cola dovrà rivedere il suo spot pubblicitario animato da maiali e Nestlè censurare il cartone "Happy new pig year" (Felice anno del maiale), ideati proprio per il Capodanno cinese. La spiegazione ufficiale: "La Cina è un paese multietnico e vuole mostrare rispetto alle minoranze musulmane". Il vice presidente dell'Associazione Cinese Islamica, Ma Yunfu, ricorda l'indignazione suscitata dodici anni fa dalla pubblicazione del racconto di un maiale che salvava la vita a un musulmano.E' vero che i musulmani odiano il maiale a tal punto da evitare di parlarne, ma si da il caso che lo stesso animale sia considerato dai cinesi di razza Han -- oltre il 95% della popolazione -- un simbolo di prosperità. Decine di milioni di persone sono nate nell'anno del maiale e secondo l'oroscopo cinese sono felici e oneste. Nelle campagne il maiale è considerato una ricchezza, è rispettato e accudito. La sua carne è apprezzata, tanto che un cinese ne consuma mediamente 36,4 Kg all'anno, secondo le statistiche delle Nazioni Unite. Come si spiega dunque il categorico divieto della CCTV? Di sicuro non si può attribuire al troppo "politically correct" della televisione di Stato. All'origine dell'insolito veto c'è invece il rapporto di amore e odio del governo cinese con i musulmani. Fattori principali, la dipendenza dal petrolio del Medio Oriente e gli eterni attriti politici e territoriali con la minoranza musulmana degli Uiguri -- ultimo episodio, l'uccisione da parte della polizia di diciotto presunti terroristi nella provincia Xinjiang. Il governo desidera evidentemente ripartire in bellezza con il 2007. Ma sarà difficile togliere ai cinesi il piacere dei festeggiamenti, e voci interne prevedono che la CCTV tornerà sui suoi passi. Così il maiale continuerà a prosperare, a maggior ragione nel suo anno. Le Poste Cinesi -- anch'esse di proprietà dello Stato, hanno già emesso un francobollo "celebrativo": leccando la colla sul retro si potrà gustare il sapore del famoso maiale in agrodolce. Considerando che il servizio postale in Cina è molto efficiente, gli auguri di buon anno potrebbero arrivare anche nelle regioni dove la televisione non c'è.

Saturday, January 27, 2007

Fondamentalismo e violenza

Fonte: Corriere Online

«È l'Islam che lo dice. Il Corano lo ordina»
L'imam: «Giusto picchiare le donne»
Verona, dopo la predica Amal massacrata dal marito. Lo ha denunciato: ora vive barricata in casa con i figli
ROMA — «Sentito che ci ha detto l'imam? Che dobbiamo picchiare la moglie! Perché le donne sono stupide, sono come le pecore che devono essere governate da un pastore. Voi uomini avete ragione di picchiarle, perché è l'Islam che lo dice. Il Corano lo ordina». Era il 26 agosto 2005, al termine della preghiera del tramonto, il predicatore d'odio islamico Wagdy Ghoneim parlò con i fedeli raccolti nella moschea di Verona in via Biondani, uno stabile dell'Ucoii (Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia). Leader dei Fratelli Musulmani, incarcerato in Egitto, espulso dagli Stati Uniti e dal Canada per apologia di terrorismo, Ghoneim riuscì ad ottenere un visto d'ingresso in Italia, su invito dell' Ucoii, tenendo quattro incontri a Bologna, Verona, Padova e Sesto San Giovanni. Tra gli intervenuti ad ascoltarlo nel capoluogo scaligero c'era il marocchino Moustapha Ben Har, 46 anni, un uomo violento, che aveva costretto la moglie a suon di botte ad abortire due volte e l'aveva spedita tre volte al pronto soccorso con la faccia rotta; che era stato denunciato per l'accoltellamento di un connazionale che risiede nello stesso stabile; che infine si è ritrovato disoccupato per i continui litigi sul posto di lavoro. Una volta rientrato a casa, Moustapha, forte di una legittimazione islamica al comportamento brutale, rivolse minacce pesanti ad Amal El Bourfai, 33 anni, conosciuta e sposata a Casablanca: «L'imam ci ha detto che le donne sono senza anima. Sono create solo per fare bambini, sbrigare le faccende domestiche e soddisfare i piaceri del marito. Le mogli non possono alzare la voce. Chi comanda è solo il marito. Se la moglie sbaglia, è normale punirla. Questo è l'insegnamento del profeta ». Quella sera Amal ebbe veramente paura. Strinse a sé i due figlioletti, Aiman, oggi di 4 anni, ed Elias, che a maggio ne compierà 3. Ripensò ai primi giorni di matrimonio, quando Moustapha si rivolgeva a lei con dolcezza. E come all'improvviso, due mesi dopo il suo arrivo in Italia nel 2000, lui cominciò a picchiarla perché lei non era ancora rimasta incinta: «Sei come una terra secca, non dai il frutto!». Amal si sentiva in colpa e sopportava le botte. Fino a quando dalle analisi non emerse che il problema era del marito. Lui si sottopose a una terapia ormonale che ebbe successo. Ma in realtà lui non amava i figli. Per ben due volte la sua furia criminale costrinse la moglie ad abortire per le percosse al ventre. Anche dopo la nascita di Aiman, lui l'aggredì stendendola a terra e saltandole sul ventre. Era incinta di quattro mesi, sanguinava, andò in ospedale e riuscì a portare avanti la gravidanza fino alla nascita di Elias. Poi Amal è stata costretta ad abortire per la terza volta in ospedale, perché lui non voleva più figli: «Non ho i soldi per mantenerli». Di fatto è solo lei a lavorare, come operaia in un'azienda ortofrutticola, con un compenso tra i 600 e i 700 euro. Ben poco per quattro persone. E, come se non bastasse, regolarmente lui le sequestrava i soldi per andare con prostitute. Si è ripetuto lo scorso 19 gennaio, il giorno dopo aver ritirato la busta paga. Quando lei si è ribellata, lui l'ha riempita di botte, le ha spaccato due denti e fatto l'occhio nero, costringendola a tornare al pronto soccorso. Perfino quando decideva di fare l'amore con lei, prima la picchiava per costringerla a seguirlo a letto. Per tre volte lei ha sporto denuncia e poi l'ha ritirata: «Se non lo fai, appena torni a casa non troverai più i bambini», la minacciava ripetutamente. Amal si sente impotente perché Moustapha le ha sottratto tutti i documenti: il passaporto, il permesso di soggiorno, la tessera sanitaria e il codice fiscale. Lei dipende da lui in tutto, perché formalmente risiede in Italia per ricongiungimento familiare. La svolta è avvenuta con la denuncia dopo il più recente ricovero al pronto soccorso, denuncia che Amal non intende più ritirare. Lui, per vendetta, ha deciso di scappare in Marocco portandosi via i figlioletti. Ha già spedito ai familiari a Casablanca, su un pullman che parte da Verona, i suoi bagagli. Da allora Amal si è barricata in casa con i figli. Ha chiesto aiuto al centro di assistenza sociale di San Giovanni Lupatoto, il comune di residenza in provincia di Verona, sentendosi rispondere che se avesse voluto usufruire di una struttura di accoglienza, avrebbe dovuto versare 95 euro al giorno. Ieri è tornata in tribunale chiedendo, tramite il suo avvocato, Rosanna Credendino, un provvedimento urgente di allontanamento di Moustapha dall'abitazione. Lunedì andrà in questura per chiedere il divieto di allontanamento dal territorio nazionale del marito e dei figli. Questa è la drammatica storia di una «madre coraggio», che lotta con tutte le sue forze per rimanere in Italia con i due figlioletti, e di un marito violento che ha già presentato richiesta per ottenere la cittadinanza italiana, essendo residente dal 1989. Che immagina di comportarsi in modo islamicamente corretto in virtù dell'aberrante predicazione d'odio dei Fratelli Musulmani a cui si rifanno gli aderenti all' Ucoii. Basta leggere il commento di Hamza Roberto Piccardo nel Corano a cura dell' Ucoii, il più diffuso nelle moschee d'Italia, del versetto IV, 34: «Si può ben capire perché il Corano fornisca al marito gli strumenti per fronteggiare l'insubordinazione della moglie prima di arrivare all'estremo rimedio del divorzio: rimprovero, esclusione dall'affettività e dal rapporto coniugale, punizione fisica. In proposito di quest'ultima si noti che la Sunna dell'Inviato l'ha sconsigliata con fermezza e, in caso estremo, l'ha permessa a condizione di risparmiare il volto e che i colpi vengano inferti con un fazzoletto o con il siwak (il bastoncino che si usa per la pulizia dei denti)». Questo dettaglio tecnico, sul modo islamicamente corretto di picchiare le mogli, deve essere sfuggito a Moustapha. E a migliaia di mariti violenti che in Italia invocano il Corano per brutalizzare le loro donne. Questo è l'appello di Amal: «Aiutatemi a restare a casa mia con i miei due bambini, aiutatemi ad allontanare il marito violento! Voglio vivere in Italia da donna libera e voglio che i miei figli vi crescano da persone libere!».

Friday, January 26, 2007

Torino? Il bis di capodanno

Quattro giorni di fuoco a Torino. Nel senso che sono stato strabene, allegro, spensierato, ottimista, positivo e positivista, a tratti marxista, fondamentalmente tranquillo, felice, fuori. Dovevamo partire in 900 per Torino, alla fine siamo partiti in due: io da Macerata e Laia da Barcellona joder. Chi per un motivo chi per un altro Torino e i torinesi me li sono goduti da solo. Ma procediamo con disordine. Domenica, quattro di mattina, stazione di Ancona, armato di sonno assalto l'Intercity Catanzaro-Torino Porta Nuova. A Rimini mi siedo, a Bologna ho 3 poltrone su cui svenire per rinvenire ore dopo: Torino. Scendo dal treno, nebbia, freddo, pioggierellina, cani della Finanza, Laia. Giretto robboso per il centro della città, ci incontriamo con Stefano, giullare maceratese studente fuori sede a Torino, pranzo in compagnia di amici/che a casa di Giulia, torinese puro sangue. Bottiglia di vino. Lascio i ragazzi e vagabondo con Laia in un'inutile ricerca di bettole: marciapiede, lambrusco del supermercato, rhum made in Cuba. Sul tardi zuppi di pioggia barcolliamo tra le quattro mura di casa Stefano e coinquilini. Chitarra stereo pareti colorate pasta due bottiglie di vino e rhum. Di corsa al concerto gratuito in Piazza Vittorio (due passi dal fiume Po), musica reggae-ska da ballare fino a impazzire, ma alle 11 i musicisti se ne vanno, andiamo a ballare in una grotta lì vicino dove mettevano musica reggae e niente biglietto. Zuppi di pioggia alle 2 facciamo ritorno a casa, lungo la strada io e Stefano tentiamo goffamente di buttare Laia in una cassonetto dell'immondizia, e poi di venderla come domatrice di leoni ad un mercante egizio. Non è la nostra serata fortunata: mattino. Grazie a Dio è ancora una giornata di merda, piove e fa freddo. Ancora zuppi della sera prima io e Laia andiamo a visitare una mostra di arte contemporanea orientale (artisti cinesi, giapponesi, coreani; esibizione non enorme, soprattutto video e cortometraggi, non eccezionale ma spunti interessanti). Stanchi e sbronzi dalla sera prima ci rifugiamo in un bar: birra e piadina, discussione vaghe e non. Altro giretto sotto la pioggia, niente barboni zingari punkabbestia per strada, tutto pulito ed ordinato, persone gentili, sembra di stare in Svizzera o in Austria, chiedo conferma a casa di Stefano: Torino non è Italia, è l'ultima città del sud in Europa. E ai piemontesi non credere mai. Tra asciugami e panni asciutti partono piuttosto velocemente due bottiglie di lambrusco, si ripresenta il rhum, stavolta con coca cola sottomarca. Armati di bottiglie partiamo in 5-6 per il concerto serale, abusivi nel tram, abusivi nella vita. Stavolta il concerto è molto più blando, strumentale, la gente ascolta ma nessuno balla. Rivedo vecchie amicizie di Macerata e Roma. Birrette in giro (ma sempre rigorosamente sotto la pioggia). Poi in una rhumeria, cioè un posto caldo e accogliente dove un sorridente ventenne marocchino ti fa provare rhum al miele alla liquerizia alla lucertola. Poi sfiniti a casa per l'ultimo bicchiere con qualche altro studente che si veniva aggregando. Abbiamo finito la bottiglia di rhum alle 4 di mattina. Poi non ricordo altro, solo di essere svenuto ed essermi ripreso a mezzogiorno con Stefano che sbroccava perchè non ha passato l'ultimo esame prima della tesi. Brutta storia quando ti slitta di una sessione la discussione della laurea per un cazzo di esame; anzi, per un cazzo di prof, che poi si sa, l'esito di un esame dipende al 99% dall'umore del prof la mattina della seduta. Joder.
"Quien quiera un puto rey que se lo paguen joder"
"La rivoluzione non è un giro di valzer, la rivoluzione è un atto di violenza joder!" Mao
Cercando di riprendere in mano la mia dignità, ritrovare la mia calzamaglia e farlo possibilmente con gli occhi aperti, mi preparo per andare a pranzo con una vecchia amica di Torino. Laia viene con me. Andiamo in un ristorante giapponese gestito da cinesi a mangiare zuppe e sushi, e soprattutto parlare di oriente, di Cina e Giappone, visto che Giovanna il giapponese lo studia da anni, e non vede l'ora di andarci nel paese del Sol Levante. Joder. Con Laia avevamo in programma di andare a vedere il GAM (galleria arte moderna), ma la testa e le gambe non ce l'hanno permesso. Abbiamo scelto invece un giro per le viuzze (niente pioggia ma un bel sole quel giorno) e shopping di mozzarelle e vino per alimentari economici nei pressi della stazione dei treni. Alle cinque a casa, Stefano ancora a dormire e rosicare per l'esame, Luigi davanti la tv, Diogo (studente portoghese di pittura, "luta kontinua! luta kontinua!") preoccupato per il taglio di capelli, Yuri soddisfatto del 26 preso all'esame di chimica strimpella la chitarra. Siamo tutti in vena, partono due lambruschi mentre ascoltiamo Guccini e parliamo di donne. Poco dopo accompagno Laia a prendere il treno per Barcellona (non prima dell'ultima birrozza dell' "hasta luego joder"); sbaglio un paio di tram, finalmente raggiungo gli altri al concerto di Goran Bregovic. Una marea di persone, bottiglie bicchieri urla danze gonne larghe vecchi anziani bambini. Polizia a vedere. Allegre bevute, pacche sulle spalle, quando attacca "Kalashnikov" la folla impazzisce, sotto i portici anche le nonne cominciano a danzare e strattonarsi, "Kalashnikov" suonata dal vivo, gridata e veloce fa malissimo alla salute. Finito il concerto andiamo a casa di Giulia con altre 7-8 persone, altro vino, altre discussioni. Alle 4 e mezza finalmente raggiungiamo casa. Alle 6 ho il treno per Ancona. "Dormo soltanto un'oretta Stefano, se non sento la sveglia prendimi a calci". Sono state le ultime parole famose. Mi sveglio rincoglionitissimo e in preda al panico alle 10 di mattina grazie a Diogo che parlava da solo. Saluto amorevolmente il resto della casa e mi fiondo in stato comatoso in stazione. Alle 8 e 30 di sera arrivo a Macerata sfinito ma ancora in botta d'adrenalina per le 3 giornate di cui sopra.
"Lucha! Y si pierdes y mueres has ganado porqué has luchado. Joder!"
Grazie a tutti ragazzi. E' stato come un secondo capodanno, spero solo di riprendermi presto. Joder.

In giro abbestia per il sud della Cina. Maggio 2005

Per Greg

Maggio 2004, concerto a Pechino di Vinicio Capossela.

Thursday, January 25, 2007

Intervista ad Alex Zanotelli in occasione del Social Forum di Nairobi

Fonte: Unità Online

A Korogocho, un pezzo di terra, lamiere, baracche, case improvvisate che si estendono per 1 km e mezzo di lunghezza e 1 km di larghezza vicino alla più grande discarica di Nairobi, vivono 100mila persone: uomini, donne, bambini, che, per usare un termine coniato da padre Alex Zanotelli, sono "sardinizzati". Dopo aver vissuto e lottato a Korogocho per 12 anni, Zanotelli è tornato nello slum in occasione del Social Forum Mondiale che si è chiuso giovedì nella capitale del Kenya. «Tornare qui è stato un secondo battesimo - racconta con commozione all' è stato bellissimo mi hanno abbracciato, accarezzato, baciato, ho sentito il senso vero delle relazioni umani».
Padre Zanotelli, tornando a Korogocho dopo cinque anni ha trovato qualcosa di diverso, pensa che ci siano stati dei passi avanti nella situazioni di queste persone?«La situazione dei poveri non è migliorata, anzi è peggiorata. Però ho sentito che qualcosa a Korogocho è effettivamente cambiato: c’è un senso molto più vivo dei propri diritti, è un pullulare di organizzazioni, cooperative, gruppi che si battono e questa nuova vivacità è davvero straordinaria e importante. In questo senso il Forum Mondiale ha aggiunto stimoli e dato respiro e spazio a questo fermento. Anche se è stato assurdo che per entrare si dovessero pagare 500 scellini che qui rappresentano un quarto dello stipendio medio mensile. Ma anche a questo si è portato rimedio: prima l’organizzazione ha abbassato l’ingresso a 200 scellini e poi i ragazzi che volevano entrare, che volevano partecipare, hanno sfondato i cancelli e sono entrati: è stato bellissimo perché per la prima volta i poveri, la gente semplice, delle baraccopoli, ha partecipato a un Social Forum Mondiale. È importante perché sono loro i protagonisti: qui 3milioni di persone vivono negli slum».
Pensa che il Forum sia stato una novità importante per l’Africa?«In realtà il Comitato organizzatore non ha lavorato bene e questo perché rappresenta un po’ la “borghesia” del movimento che non ha contatti reali con la base della città, con le persone più povere ed emarginate, quelle che appunto che vivono nelle baraccopoli. Però è stato fondamentale che il Forum sia venuto qui. E anzi è assurdo che si sia aspettato il settimo anno per farlo in Africa. Per questo spero e chiedo che anche il prossimo Forum Mondiale si svolga in una capitale africana, perché ha aperto gli occhi a molti, ha messo in contatto le persone, ha fatto da cassa di risonanza per i problemi di questo continente che è il più povero e emarginato»
Ma concretamente noi, l’Italia, non solo il govenro ma anche i singoli cittadini cosa possono fare per l’Africa?«Nel nostro paese a livello di base c’è quello che non c’è a livello di governo: sensibilità e lavoro, c’è la cooperazione decentrata che è fondamentale perché significa contatti non tra istituzioni ma fra le persone, dal basso. Ed è di questo che l’Africa ha bisogno, è su questo che si deve fare un salto avanti. E penso che tutto questo dovrebbe trovare collocazione politica in un ministero della Cooperazione distinto e staccato da quello degli Esteri. Per esempio potrebbe essere il Presidente della Repubblica il referente. Però è importante che sia permesso anche alle realtà di base di fare politica. Ma se devo dire una prima cosa è che il Governo Prodi trovi immediatamente i 260milioni dovuti al Fondo per la lotta all’Aids perché è una vergogna per noi avere questo debito».
Quali saranno le grandi battaglie dei prossimi anni, quelle sulle quali il movimento dovrebbe impegnarsi pensando al Sud del mondo?«I grandi temi sono fondamentalmente due: gli Epa e l’acqua. Gli accordi di libero commercio tra Europa e Africa saranno un vero capestro per questo continente che è già allo stremo delle proprie forze. Per questo mercoledì qui a Nairobi migliaia di contadini hanno manifestato e quindi è un tema che va assolutamente ripreso e sostenuto. Poi la parola d’ordine è acqua. Se perdiamo la battaglia sul diritto all’acqua perderemo anche quella sulla povertà e sulla democrazia. Perché se oggi abbiamo 50 milioni di morti per fami tra pochi anni, se non facciamo niente, avremo 100 milioni di morti per sete. E che questo tema sia fondamentale lo abbiamo visto anche qui al Forum dove una bottiglietta piccola di acqua costava 40 scellini e la gente veniva da me, da noi, a chiderci di comprargliela perché non se la possono permettere».

Torino è andata, ed è andata da paura ostia puta joder!!!

Quando gli albanesi eravamo noi

Foto: Corriere Online

E al pisello di Ianna non credere mai...

The land I was born

Our style...

Sunday, January 21, 2007

La Cina che amo, vivo, studio, ammiro
The China I like, respect, research

Foto: China Daily


Fonte: Corriere Asia Online
PECHINO: McDonald's Corp e la compagnia petrolifera cinese Sinopec hanno inaugurato alla periferia di Pechino il primo di trenta ristoranti che saranno aperti in partnership nel corso dei prossimi 18 mesi in punti chiavi del traffico extraurbano. Sinopec possiede più di 30.000 stazioni di benzina in Cina: un'occasione preziosa per McDonald's, considerato il crescente appetito cinese per le automobili e per il cibo occidentale. Sbarcata in Cina nel 1999, la catena americana possiede oggi 780 ristoranti e 50.000 dipendenti in tutto il Paese

Il mio alcolista preferito

Capita gironzolando per bar e bettole della "mia" Macerata di beccare volti noti sempre allo stesso bancone, allo stesso tavolo, soli o accompagnati, con i bicchieri in mano. Non parlo di quelli di vent'anni, quelli hanno ancora tempo per rovinarsi, parlo di quelli di cinquant'anni e oltre. Hanno fama di alcolisti, o per lo meno di ubriaconi.
Io di alcolista ne conoscevo uno. Conoscevo per modo di dire, non c'ho mai parlato. Durante il mio secondo anno di università ho abitato per un periodo di sei mesi circa in un piccolo appartamento in Piazza Vittorio (di fianco alla stazione Termini), con un marocchino, una sarda, una pugliese e due gatti. Quasi tutte le mattine uscivo di casa per andare a lezione intorno alle 7.30 e tutte le mattine incontravo lui, l'alcolista in questione. Era già lì seduto su un gradino che dà sul marciapiede da un po' credo, non stava sempre nello stesso posto, ma comunque sempre nelle vicinanze. Era un barbone. Dormiva per strada, aveva sempre la stessa roba addosso. Era grande, sporco, capelli non troppo lunghi spettinati, lunga barba grigia, occhi chiari andati, grosse mani nere, gote rosso fuoco. Tendeva incurante la mano ai passanti, aspettava di raggiungere 70-80 centesimi, si alzava, si comprava un busta di vino bianco scadente (sempre la stessa marca, una di merda, non ricordo il nome) e si rimetteva (sempre da solo) a bere seduto sul gradino. Finita una busta ritendeva la mano per qualche spiccio e poi se ne comprava un'altra. Continuava così fino a sera, quando lo ritrovavo dalle 10 in poi lungo per strada nei dintorni di Termini (ma spesso sul marciapiede di casa mia), riverso su se stesso in una pozza di vomito e 4-5 buste di vino vuote intorno a lui. Era il mio alcolista preferito. Da quando ho poi traslocato (a Roma ho cambiato 6 case in 2 anni e mezzo di permanenza) non l'ho più rivisto, anche se a Termini e Piazza Vittorio capitavo spesso. Probabilmente morto. Probabilmente aspettava solo quello. Non l'ho mai visto mangiare o parlare con qualcuno. Tempo dopo ho lavorato come volontario alla mensa della Caritas di Termini, e non l'ho mai incontrato neanche là. Era gonfio in viso, ridotto male. Sempre nero di sporco, la mano ai passanti, le buste intorno a lui.
Quanto a me sono felice e rilassato. A ore parto per Torino e non posso che essere contento. Ricomincio un viaggio. E spero di farlo in anarchia.
"e se perdo e muoio vorrà dire che ho vinto perchè ho lottato"

Saturday, January 20, 2007

Continua la mia professione di agente turistico

Allora, a Torino dal 17 al 27 gennaio ci sono le Universiadi 2007, ovvero un grosso evento sportivo dove, per l'occasione, la città sarà piena di attività, feste e concerti. C'era una semi-idea maceratese di partire e andare a Torino, fare casino e baldoria tutti insieme per 2-3 notti, vino chitarre marciapiedi danze clarinetti tette al vento e, dato il clima anche troppo torrido, dormire all'aria aperta sperando in un cielo stellato. Partire via treno-auto da Macerata, Perugia, Firenze, Pisa, Bologna, incontarsi tutti a Torino anche con altri amici del nord italia e brindare alla vita fino alla follia. L'invito è aperto a tutti/e. Accorrete numerosi/e.
Oi oi!

per more info:

L'utopia della laicità di stato

Thursday, January 18, 2007

Sempre in tema di più cani e meno americani

Fonte: Ansa Online

Il 17 gennaio del 1977 avvenne uno dei piu' clamorosi 'passi indietro' della storia americana: la fucilazione nello Utah del condannato a morte Gary Gilmore dopo dieci anni in cui l'applicazione della pena capitale era stata sospesa. Un decennio di speranze poi risultate vane.


Ho votato è vero, ma non mi aspetto di essere rappresentato da un governo. Tantomeno da questo. Tantomeno oggi, che la politica è piùcchemai farsa, una farsa per il potere, una farsa di burattini nelle mano dei potenti, che legittima l'eterna lotta di fondo tra il potente e il poveraccio, l'oppresso e l'oppressore, il tiranno e il suddito. Lontani i tempi dove si cantavano inni di rivoluzione e l'impiccagione immediata del duce del papa del re.
Non voglio essere rappresentato da questo governo. L'ultima vergogna (grossa, troppo grossa per me) la faccenda della base Usa a Vicenza. Che schifo. Eppure quando a Pisa e Roma manifestavo in strada tra cordoni di sbirri (molto più proletari e poveracci di me) per temi analoghi, Bertinotti e D'Alema erano nei paraggi e gridavano i miei stessi slogan. Oggi stanno entrambi in poltrona, a Vicenza sfilano i soliti sfigati, a Torino pochi autonomi contestano il Ministro dell'Economia.
Beato chi contesta il partito unico in Cina o a Cuba. Forse si starà meglio qua, ma a farsi prendere per il culo siamo nettamente più bravi noi.
Più cani, meno americani!!!

Il simpatico macello dell'informazione in Cina

Fonte: blog di Federico Rampini, giornalista e scrittore, inviato del quotidiano Repubblica in Cina

Lan Chengzhang, un giornalista cinese che stava scrivendo un’inchiesta sulle miniere di carbone, è stato picchiato a morte. Secondo il suo giornale, Notizie Commerciali della Cina, Lan è stato vittima di un’esecuzione da parte di “sicari appartenenti a una milizia privata” vicino a una miniera di Huiyuan nella provincia dello Shanxi. Secondo altre fonti di stampa l’aggressione sarebbe stata orchestrata da un boss locale, proprietario di miniere. Le miniere di carbone cinesi sono le più pericolose del mondo, ogni anno vi muoiono per incidenti sul lavoro almeno seimila minatori. Periodicamente il governo denuncia il mancato rispetto delle normative di sicurezza e ordina la chiusura di centinaia di miniere, ma il più delle volte le direttive centrali vengono disattese, oppure le miniere riaprono dopo brevi periodi di chiusura. Il carbone alimenta il 70% delle centrali termoelettriche cinesi. Viene ancora usato nel riscaldamento di molte abitazioni, essendo l’unica materia prima energetica abbondante e a buon mercato in Cina.

Vomito ancora all'idea di gente che ammazza animali per moda.
Fuck fur fashion show!

Wednesday, January 17, 2007




Sono stato a Roma. Due giorni. Vari giri per burocrazie varie, e firme, e incontri, e autobus, e metro, e corse, e uffici, e segreterie, e biblioteche, e stavolta perfino il Ministero degli Esteri! Per fortuna ci sono gli amici e i compagni d'università a tirarti su il morale e farti passare balorda la notte. Ho rivalutato Roma. Mi mancava Termini. Per Trenitalia ormai non ho più parole, ma solo mugugni di dolore lungo la tratta interregionale Roma-Fabriano.
Tornato a Macerata trovo mio padre, mia madre e mia sorella a letto influenzati-virus-intestinali-batteriati-e vari. Domani mi tocca fare l'infermiera. Poi in televisione trovo il governo comunista sovietico italiano che dà il via libera all'allargamento della base militare americana, mentre a Bagdad fanno saltare in aria anche professori e studenti nelle università. E allora spengo e torno a sognare. Pensavo. In pullman stretto tra uno zaino un finestrino cappuccio della felpa gambe incrociate e musica sparata, guardando fuori dal finestrino pensavo ai piatti preferiti. Tema: il mio piatto preferito. Svolgimento: il mio piatto preferito sono gli avanzi. Mi piace quando la domenica a pranzo la mamma e la nonna cucinano per ore lasagne, pollo arrosto, patate e dolciumi, quando con babbo e mia sorella si siedono a tavola e attendono me che non arrivo. A me piace andare a tavola dopo 2-3 ore, quando loro hanno finito di mangiare e io trovo nel frigo gli avanzi freddi di pasta e carne. O quando, ancora meglio, dopo una serata spesa ad avvinazzarti per i bar del maceratese torni a casa con un leggero langorino, e ti abbufi su pomodori arrosto, melanzane ripiene, sugo per la pasta del giorno dopo o insalata condita della sera prima (il tutto rigorosamente "avanzato" e, notoriamente, freddo).
Dio benedica gli avanzi! E a un dio avanzato non credere mai!

Sunday, January 14, 2007



Ridiamo per non piangere...

Fonte: Corriere Online

Conigli giganti contro la fame in Nord Corea
L'ultima trovata di Kim Jong Il: importare ed allevare i maxi esemplari da 8-10 chili «creati» da un pensionato tedesco
Karl Szmolinsky e uno dei suoi super congili (dal web)PYONGYANG (Corea del Nord) – «Il popolo non ha riso da mangiare? Date loro carne di coniglio!» Parodiando una frase attribuita a Maria Antonietta ai tempi della Rivoluzione Francese, si può così riassumere l’ennesimo, strampalato tentativo della Corea del Nord per porre fine o almeno arginare i gravi problemi di denutrizione che affliggono gran parte della sua popolazione.
L’ALLEVATORE DEI RECORD – Come rivela il quotidiano tedesco Der Spiegel, bisogna recarsi a Eberswalde, nella Germania orientale, per trovare l’uomo che potrebbe alleviare le sofferenze dei nordcoreani. Lì vive infatti Karl Szmolinsky, un pensionato 67enne che alleva giganteschi conigli grigi. Il suo «campione», Robert, un «mostro» di 10,5kg delle dimensioni di un cane di grossa taglia, gli aveva fatto vincere lo scorso febbraio un premio, riservato al più grande coniglio tedesco. Le immagini del primatista avevano fatto il giro del mondo ed erano arrivate fino a Pyongyang. Qualcuno là (forse proprio Kim Jong-Il), fece due calcoli e ordinò al personale diplomatico di stanza a Berlino di contattare Szmolinsky. L’allevatore ha rivelato di aver già inviato in Corea del Nord 12 conigli giganti (di cui 8 femmine), già sistemati in un allevamento, e di essere stato ufficialmente invitato nel «regno eremita» per aprile, per visionare la fattoria e offrire i suoi consigli in loco.
LA SPECIE – I conigli allevati da Szmolinsky possono fornire sette chili di carne l’uno, e dispensare cibo ad almeno otto persone. Ogni femmina è in grado di partorire 60 cuccioli all’anno. Informatosi sulle condizioni di malnutrizione del popolo nordcoreano, Szmolinsky ha dichiarato di aver volutamente venduto i primi 12 esemplari sottocosto (80 anziché 200 euro l’uno). Il problema però, sollevato dallo stesso allevatore, è che costano una fortuna in mangime (grano, carote e altro). Insomma, per promuovere un «salvifico» allevamento si potrebbe paradossalmente arrivare a tagliare le verdure distribuite al popolo attraverso la tessera annonaria. In un Paese in cui (stando alle dichiarazioni di profughi ed esperti) molta gente si riduce a mangiare l’erba dei prati e le cortecce degli alberi (solo l’elite politico-militare se la passa bene) la terapia potrebbe rivelarsi peggiore del male, almeno nelle sue prime fasi.
Il GHIOTTO KIM JONG-IL – Chissà se l’idea di allevare maxi conigli è imputabile al ghiotto Kim Jong-Il («l’unico uomo grasso di Pynogyang», secondo il giornalista americano esperto di affari coreani Michael Breen), peraltro già foriero di «consigli» volti ad aumentare l’efficienza alimentare del Paese che la dicono tutta sullo stato delle cose: ad esempio, defecare in appositi contenitori per poi utilizzare il tutto come fertilizzante. E’ possibile che i conigli siano davvero destinati alla popolazione, e non ai proverbiali vizi gastronomici del dittatore, più orientati verso il sushi, l’aragosta, i vini e cognac francesi (di cui in teoria si è dovuto privare in virtù di appositi embarghi Onu e giapponese, all’indomani dei test atomici dello scorso 9 ottobre).
BILANCIO PAZZO – Per ridurre il deficit alimentare nordcoreano, comunque, basterebbe dare una bella sistemata al bilancio dello stato, su cui per ben un terzo gravano le spese militari (l’Italia non arriva al 3%, tanto per intenderci). Lo scorso 10 gennaio, inoltre, l’Istituto coreano per la politica economica internazionale di stanza a Seul ha rivelato – come riportato dall’agenzia AsiaNews – che nel 2004 le spese per la propaganda avevano raggiunto ben il 38,5% del budget statale, e sono state impiegate per la costruzione di 30mila statue di Kim Jon-Il e del padre Kim Il-Sung. Dati non recentissimi (del resto la Corea del Nord è quasi impenetrabile all’informazione), ma fortemente indicativi; non c’è ragione di pensare che si siano ridotti nel 2005 e nel 2006, complici i sontuosi festeggiamenti per il 60mo anniversario della guerra vinta contro il Giappone e le campagne propagandistiche pro test missilistici e atomici.

Saturday, January 13, 2007


Fonte: Corriere della Sera Online

Roma, lo stilista è un'ex «tuta bianca»: «Così nessuno è sfruttato»
«Vesti e lotta». Ecco la moda da corteo
T-shirt prodotte da disoccupati, borsette fatte con zerbini riciclati. E sfilate nei centri sociali
ROMA — Vesti e lotta, una cosa sola . Stilisti antagonisti, anarco- fashion. Ragazze no-global sfilano in passerella distribuendo lettere al pubblico, lettere che raccontano la storia di quell’abito, le mani che l’hanno costruito, le teste che l’hanno pensato. Etica ed estetica: accade a Roma. Antonia al mattino conduce un programma alla radio, Samantha ogni sera dà lezioni di tango. È moda che viene dal basso, crea vestiti con gli scampoli di tessuto, ricicla gli zerbini fuori dalle porte e ne fa borse. Passerelle militanti nei centri sociali: si parte a febbraio all’«Esc» di via dei Reti, nel quartiere rosso di San Lorenzo. Esc, forse, è l’acronimo giusto per questa cosa: Eccedi, Sottrai, Crea. Il progetto si chiama «Aire»: aria, respiro, ossigeno. Non è una nuova griffe in cerca di ribalta, ma solo un altro modo di vedere le cose. Progetto transnazionale, dall’Italia al Sudamerica. «Un esperimento di democrazia della relazione economica», teorizza il suo ideatore, Pulika Calzini, 33 anni, romano dal nome zingaro come suo nonno che era un «sinti».
I CAPI — C’è la «Linea Puta», con le felpe prodotte direttamente dalle prostitute brasiliane riunite in cooperativa e c’è la «Linea Giusta», con le magliette realizzate dai disoccupati di Buenos Aires tessendo il cotone raccolto dagli indios del Chaco. E ci sono scrittori famosi come Nanni Balestrini e pittori come Pablo Echaurren e il graffitaro Sten che danno anche loro una mano e propongono gratis schizzi e soluzioni per illustrare le «magliette giuste ». Si chiamano così, «perché ognuno guadagna col suo lavoro e nessuno viene sfruttato», chiarisce Pulika con un brivido di utopia. È la moda equa e solidale. Nel ’98 lui era uno degli «Invisibili », delle «Tute Bianche», quelle che a Roma compivano blitz nei teatri, salivano in massa sugli autobus, si arrampicavano perfino sui balconi delle municipalizzate per reclamare i diritti della gente comune: più cultura, più servizi, ma a prezzi sociali. «Ora che il Movimento è finito in Parlamento », dice Antonia, modella per gioco, forse in giro c’è un po’ di stanchezza. Chissà se allora un altro mondo è davvero possibile, come recitava il vecchio slogan giottino: «È stato sbagliato dirlo troppe volte, adesso è giusto farlo», chiosa Pulika che nel suo piccolo non s’arrende.
LO STILE — Non è certo il kit del buon manifestante: sciarpa, cappuccio e passamontagna tuttocompreso. «Se è vero però che sei come ti vesti, allora anche una maglietta può avere un significato e il commercio che è merda in questo modo diventa oro», ragiona fine lo stilista antagonista, che adesso segue un corso di cinese perché un giorno vorrebbe riuscire a farsi capire anche là, trattando direttamente con gli operai di Zhejiang l’ordinazione di «magliette giuste», come fa adesso con i piqueteros de «La Matanza» di Buenos Aires. Moda equa e d’autore: le magliette con gli schizzi di Echaurren e le parole di Balestrini («La poesia fa male») sono pezzi unici. E poi c’è la felpa col display luminoso su cui puoi far scorrere la scritta che vuoi: l’idea è dell’argentino Alfio Demestre che a Roma ha già inviato il prototipo, col primo messaggio («Resistere il più possibile a ogni imposizione e a ogni violenza, educare tutti a contare su se stessi e cooperare con gli altri»). Progetto transnazionale e collettivo: creativi, modelle e operai sullo stesso fronte. Una rivoluzione con stile. Laboratori di tutto il mondo unitevi.

Friday, January 12, 2007

Un'altra bella notizia...

Fonte: Asia News Online

Cresce senza freni il divario tra città e campagne
Il 10% dei più ricchi possiede quasi la metà di tutti i beni. Cresce rapido il reddito nelle grandi città, mentre le aree rurali diventano più povere per espropri di terre e costi sanitari.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il divario tra ricchi e poveri nella Cina in rapida crescita economica, è giunto ormai a livelli sudamericani. La denuncia viene da un rapporto dell’Accademia cinese delle scienze sociali, secondo cui tale differenza si è ampliata in modo drammatico negli ultimi 20 anni.

Il 10% più ricco possiede circa il 45% dei beni privati, mentre il 10% meno abbiente ha meno del 2%. Secondo le statistiche ufficiali, nel 2005 un abitante di Pechino ha avuto un reddito annuo di 17.653 yuan (2.263 dollari Usa), mentre il reddito medio nella provincia di Qinghai è stato di 8.057 yuan (1.033 dollari). Ma il reddito medio dei contadini del Qinghai di soli 2.165 yuan (277 dollari), un quarto di quello medio della provincia.

La differenza è in rapido aumento. Tra le maggiori cause di povertà il rapporto indica gli alti costi medici, pari all’11,8% dei consumi. Li Peilin, sociologo autore del rapporto, avverte che “l’altissima spesa sanitaria ha spinto molti contadini e residenti urbani nella povertà”.

Un’altra causa della povertà delle campagne è da tempo indicata negli abusi compiuti dai governanti locali a vantaggio di imprese industriali e delle città. Secondo dati riportati mesi fa, circa 40 milioni di contadini sono stati espulsi dalla loro terra per costruirvi fabbriche o per usi residenziali, e molti non hanno ricevuto indennizzi adeguati. I contadini anziani, privati della terra, non hanno altre possibilità di lavoro, né alcuna assistenza sociale.

Secondo il metodo Gini - un modello di misura per la distribuzione dei redditi nel quale lo 0 indica una perfetta equità e l’1 la massima disuguaglianza - la Cina ha, secondo il rapporto, un coefficiente di 0,496 per il 2005, rispetto a 0,33 in India, 0,41 negli Stati Uniti e 0,54 in Brasile. I sociologi vedono nell’incremento della misura Gini un segno dell’ instabilità della società, causa potenziale di rivolte.

Un’inchiesta del China Youth Daily mostra che più del 90% dei cinesi sono allarmati dal problema del divario economico. (PB)

Continua la politica contro i lavoratoi migranti in preparazione delle Olimpiadi 2008 in Cina

Fonte: Asia News Online

In vista delle Olimpiadi, niente scuole per i figli di migranti
A Shanghai, chiusa una scuola per bambini migranti, gli scolari sono parcheggiati in un edificio senza lezioni e senza mensa. Le autorità non rispondono alle richieste per una sistemazione stabile. A Pechino e Shanghai decine di migliaia di piccoli senza istruzione.
Shanghai (AsiaNews/Agenzie) – Dopo la chiusura coatta di una scuola per figli di migranti, insegnanti e genitori cercano una soluzione per gli oltre 2mila studenti "illegali" nella metropoli. In vista delle Olimpiadi la Cina sta chiudendo migliaia di scuole per migranti, per abbellire le città, nascondendo le contraddizioni.

Yao Weijian, insegnante dell’Anhui che nel 1996 ha fondato la scuola elementare e media Jianying Hope, ha detto ieri di essersi rivolto al governo dell’Anhui “per trovare una soluzione”. La chiusura forzata della scuola crea enormi problemi per gli studenti, figli di migranti che per l’80% provengono dall’Anhui: essi non sanno dove andare perché le altre scuole di Shanghai non li accettano, o chiedono rette troppo alte. La Jianying Hope chiede circa 1.700 yuan a trimestre (circa 170 euro); le altre scuole chiedono molto di più. Alcune arrivano a domandare fino a 10 mila yuan a trimestre. I figli di migranti non residenti non hanno diritto a frequentare le scuole pubbliche, come pure sono privi di assistenza medica.

Fondatore e genitori si sono anche rivolti al governo di Shanghai, che però ha rimesso il problema al distretto di Putuo dove sorge l’istituto. Ora gli studenti sono tenuti in un edificio inutilizzato presso la vicina scuola elementare Chaoyang, ma non si sa per quanto tempo e non sono state attivate lezioni. Un insegnante dice che presso questo edificio “gli studenti hanno solo pane da mangiare, perché nemmeno c’è una mensa. I genitori sono preoccupati, ma sarebbe peggio dovere rimandare [i bambini] nella città natale o lasciarli in mezzo alla strada”.

La scuola è stata chiusa l’8 gennaio da circa 300 poliziotti che hanno fatto irruzione durante le lezioni e hanno caricato gli studenti su pullman per portarli altrove. Un testimone riferisce al South China Morning Post che gli insegnanti e genitori presenti sono stati aggrediti e i giornalisti e fotografi sono stati portati in prigione. Le autorità negano qualsiasi violenza.
Il governo distrettuale dice che la scuola non è autorizzata, l’edificio “non è sicuro” e “i docenti non sono qualificati”. Ma Zhen Maohui, direttore della scuola, commenta che “il governo distrettuale vuole fare quanto è più vantaggioso per valorizzare” il terreno, demolendo un vicino impianto chimico e l’edificio della scuola per utilizzare il terreno per altri fini. Operai edili sono già all’opera in alcune classi. Zhen racconta che a dicembre è stato pestato da ignoti, quando si è opposto alla distribuzione agli studenti di volantini con l’invito a lasciare la scuola.

Nelle grandi città cinesi vivono milioni di migranti illegali, sul cui lavoro si fondano le rapide costruzioni a basso costo che hanno permesso il boom edilizio. Ma in vista delle Olimpiadi del 2008, la Cina vuole eliminare le baraccopoli e gli altri segni evidenti della presenza di migranti illegali, che contrastano con l’immagine di Paese di rapida crescita economica. Nel 2006 il governo di Pechino ha chiuso 239 scuole frequentate da oltre 95mila figli di migranti; stessa politica sta seguendo Shanghai. A dicembre Pechino ha annunciato che abolirà le tasse scolastiche per 150 milioni di studenti nelle zone rurali, per diminuire il divario economico tra le povere regioni agricole e le ricche province costiere; con evidenza, nell’annunciato beneficio non sono compresi i figli di decine di milioni di contadini migranti. (PB)

Thursday, January 11, 2007

La fiaccola

"Voi avete le vostre idee e io ho le mie. E' un fatto che non potete cambiare neanche se mi uccidete"
Frase gridata da Ba Jin, scrittore cinese, in ginocchio su vetri rotti davanti alle Guardie Rosse in piena Rivoluzione Culturale, mentre ad un processo pubblico lo accusano di essere anarchico e controrivoluzionario. Stadio del Popolo di Shanghai, 20 giugno 1968.

By my favourite painter and friend Lina, from China


Basta. Voglio essere positivo. Fare il bravo ragazzo, portare armonia in casa, sorridere alla vita, andare a trovare gli anziani, incazzarsi e deprimermi solo se strettamente necessario.
Mi dispiace per i 20.000 ragazzi americani che andranno in Iraq ma sinceramente spero in un secondo Vietnam.
Un buon film? Quitting.
Un buon libro? Il paese delle donne dai molti mariti.

A 15 anni l'erba, a 20 l'eroina, a 40 il viagra

"A tutto Viagra: Nelle Marche quasi la metà degli over 40 usa le pillole blu"
Il Resto del Carlino

Basta calciatori basta veline, Lapo il vero idolo!

Allora c'è un tale, si chiama Lapo Elkann, nome del cazzo lo so, ma è nato negli States e negli States si possono avere nomi del cazzo, è figlio di Margherita Agnelli, nipote del defunto avvocato Agnelli, responsabile marketing della FIAT (presente, no?!), ha 28 anni. Sul finire del 2005 è andato in overdose per un mix di cocaina, oppio ed eroina, l'hanno salvato per miracolo dopo che un transessuale con il quale aveva beatamente passato la serata ha chiamato un'ambulanza. Fin qui niente di strano, sono cose che succedono. Ora il qui presente Lapo salvato in extremis viene portato negli USA per un lungo periodo di disintossicazione e recupero. Dopo vari mesi torna in Italia a farsi bello di fronte alla telecamere a far morali inascoltabili su cocaina e valore della vita. Sfoggia ad un giornalista un paio di occhiali da sole al carbonio da 1007 euro. 1007 euro. "per costruirne un paio servono 47 strati di carbonio e ben otto ore di lavorazione interamente artigianale" c'è scritto. 1007 euro. 1007 euro! Si è incazzato anche un prete, ha detto che "è immorale". 1007 euro. Con 1007 euro mi chiedo come non si sia schiodato dalla croce Gesù Cristo in persona e glieli abbia fatti mangiare gli occhiali al carbonio. Se fosse ancora vivo Henry Smith creperebbe d'infarto. 1007 euro. Sappiamo quanti sono 1007 euro?! Chi non ha mai lavorato certamente no. Forse ne ha un'idea quelli che come me sono andati in Kenya, dove nelle campagne una canna da zucchero costa pochi centesimi di euro e i bambini non hanno neanche quelli. O chi come me ha vissuto in Cina e sa che nelle bettole una scodella di riso costa 5 centesimi eppure fuori dalle bettole i poveracci ti chiedono qualche spiccio anche solo per quella. 1007 euro. Il Lapo ha anche avuto il coraggio di dire "Il carbonio è un materiale leggero e sexy". Lapino mio. 1007 euro. Non sapevo la coca provocasse danni così gravi al cervello. Sei andato in overdose di coca, ero e oppio pochi mesi fa, ti ha salvato il culo un trans che tra l'altro ora sfoga la sua rabbia in tv accusandoti di ingratitudine, ti sei smerdato la faccia e il nome già smerdato degli Agnelli, sei ancora responsabile marketing FIAT, torni in Italia perchè solo in Italia facciamo tornare anche il Savoia che traffica le mignotte, il gioco d'azzardo e insulta gli italiani, ma almeno evita di comprare un paio di occhiali (da sole, ribadisco, inutili!) da 1007 euro e mostrarli ai giornalisti. Altro che immorale. I miei amici vanno a pisciare al SERT perchè la polizia li ha beccati con 3 grammi di fumo in tasca o perchè in auto avevano una striscia di coca, gente che se guadagna guadagna 5-600 euro al mese, gente che deve lavorare 2 mesi solo per potersi comprare un paio di occhiali da sole. Immorale? Magari immorale! Lapuccio mio... 1007 euro. E' in momenti come questo che rivaluto eventi storici come la Rivoluzione Culturale Proletaria Cinese o i moti antiborghesi di piazza. Gente come te Lapino alla gente fa perdere la testa, impazzire, sbroccare, scendere in piazza e sparare contro banche e pellicce, mettere bombe sotto gioiellerie e negozi di occhiali da sole. 1007 euro. Con 1007 euro ti compri una città in Africa. Un quartiere in Cina. Lapino tu sei un violento, perchè scateni violenza. Mi chiedono se sia reato diventare ricchi. Probabilmente no. Su un'altra cosa non ho alcun dubbio: farteli mangiare gli occhiali da sole al carbonio, quello no, non è reato !!
Vi prego andatevi a leggere l'intervista ad Affari Italiani sul sito di libero.

Omaggio a un fratello

Wednesday, January 10, 2007

...e ancora

Foto (dicono) della notte di capodanno. Happy new year joder!!!

"E' giunta la tua ora"...

La Santanchè grandi tette scherza allegramente con i giovani di sinistra. Ma non ho ancora visto dita medie in direzione della Mecca. Per ora, solo simpatica corrispondenza da Londra. E in arabo.

Tuesday, January 09, 2007

Saturday, January 06, 2007



Il 6 di gennaio 一月六号

Non ricordavo oggi fosse la festa dell'Epifania. La Befana insomma. Il 6 di gennaio. Ero di fronte al computer, viene mia madre a chiedermi come sto e di andare di sotto nella stanza del camino. Mi veniva da ridere. A tutto pensavo oggi tranne che a questo. Aspetto che mia sorella si svegli e insieme (come da bambini) andiamo a ritirare la calza piena di dolci appesa in camino. 24 anni io, 18 lei, 51 mia madre, ma la storia continua. E devo dire che mi ha fatto piacere. Poi arriva mio padre che porta nonna e le zie, mi lasciano la mancetta (la mancetta per lo studente più fico di casa) e si piazzano davanti alla messa del televisore. Epifania significa "manifestazione, apparizione" e a 24 anni ancora appaiono di fronte al camino dolcetti e soldi. Cosa farei senza la famiglia?


Friday, January 05, 2007

Torniamo a boikottare!!!

Vero che non tutti comprate divani quotidianamente, comunque leggetevi quest'articolo sulla Cina:

Fonte: Repubblica Online

Centinaia di lavoratori manifestano davanti alla DeCoro a Shenzhen
Tre sono finiti all'ospedale per le ferite riportate nello scontro, uno è in coma
"Operai picchiati dalle guardie"protesta contro fabbrica italiana in Cina
L'azienda ammette la violenza, ma nega ogni responsabilità. Nel 2005 un analogo incidente
"Operai picchiati dalle guardie"protesta contro fabbrica italiana in Cina

PECHINO - Una fabbrica italiana si trova in Cina al centro di un'accesa protesta. Centinaia di operai hanno manifestato davanti ai cancelli della DeCoro a Shenzhen, nel sud del Paese, dopo che martedì scorso le guardie addette alla sicurezza della struttura avevano picchiato tre lavoratori. La ditta, che produce divani, fondata nel 2001 da Luca Ricci e con sedi in tutto il mondo - ha confermato l'episodio di violenza, anche se ha declinato ogni responsabiltà, precisando che le guardie non dipendono direttamente dall'azienda. Non è la prima volta che la DeCoro si trova coinvolta in un simile episodio. Già nel novembre del 2005, l'azienda venne accusata di gravi abusi dei diritti umani e denunciata per sfruttamento e violenze. All'epoca, dopo l'aggressione a tre operai, tremila dipendenti abbandonarono la fabbrica a Shenzhen e bloccarono l'autostrada di Pingshan. La rivolta è scoppiata martedì sera al termine di una riunione con la direzione per discutere delle indennità di licenziamento. I lavoratori hanno sfogato la loro rabbia rompendo i vetri delle finestre dell'edificio che ospita la fabbrica e alcuni di loro sono stati coinvolti in scontri con le guardie di sicurezza. Tre operai sono stati ricoverati: due hanno accusato solo ferite lievi, mentre uno di loro è in coma in seguito a un brutto colpo alla testa. Un rappresentante dei lavoratori, Zhang Minxiong, ha raccontato che la riunione di martedì sera si era svolta in un clima cordiale ma che, al termine dell'incontro, un centinaio di guardie ha attaccato con manganelli di ferro una settantina di operai.
Secondo Zhang, la direzione ha tacitamente appoggiato l'aggressione. Un'accusa respinta da Giovanni Prati, il direttore delle vendite della DeCoro, secondo il quale l'azienda ha subito provveduto a far arrivare un'ambulanza sul posto e ha pagato le spese mediche del ricovero. Secondo quanto riferito da Prati, il governo cinese ha intimato alla DeCoro di chiudere la fabbrica di Shenzhen per precauzioni ambientali.

delle morali e dei bar

E allora... scriviamo
della morte, dell'amore
delle serate nei bar
che le serate nei bar quasi me le ero dimenticate
e anche le teorie da bar
ne sento molte. ne spingo altrettante. ne sento da gente che stimo. e le propongo:
ce ne è una, una sulle donne:
"le donne se sanno che scopi lo avvertono, e vogliono scopare con te perchè scopare fa figo e se scopi lo avvertono"
poi un'altra su di noi, una su macerata:
"rassegnarsi è la caratteristica del maceratese"
che poesia. alta poesia.
invece parliamo della morte.
e sì che la morte è una brutta rogna per tutti. la morte è la situazione nella quale uno/a ci lascia per altri mondi e il mondo a lui/lei circostante ne soffre e il dolore spontaneo. come persona mi sento di prestare la spalla come sostegno, il fazzoletto per piangere, la compagnia per sentirsi meno soli. credo questo abbia senso. forse vorrei gli altri fare altrettanto con me. non mi sono mai piaciuti i funerali, mi sanno di rito, di falso, di dovere, di scemo. tuttavia rispetto. preferisco salutare a modo mio. che tanto il viaggio, lo speriamo tutti, continua. e allora buon viaggio. preghiamo per farcela senza di te e ti auguriamo un cammino felice. da socrate e anche da prima la vita la vorremmo come preparazione alla morte, uscire a testa alta, prendere per mano la propria vita e varcare la soglia, non avere paura mai, che aver paura è dar soddisfazione ai potenti e a noi i potenti stanno sui coglioni, poter passare dignitosamente se una dignità esiste, difficile scegliere quando, anche la legge lo vieta, ma quando incontri la vecchia signora con la falce esser damerino e non giullare, senza dimostrare niente a nessuno, se non a noi stessi che almeno in quell'attimo in quel posto non abbiamo avuto paura.
facile a dirsi. sta a noi a provarci.

“E che ne pensa della morte?
“Come marxista non è una fatto che prendo in considerazione”

dal film "La ricotta", di Pier Paolo Pasolini

Thursday, January 04, 2007

Pechino. Parcheggio per biciclette accanto ad una stazione metro

Fonte: Rainews24 Online

Raccoglitrici di tè japponesi ai piedi del monte Fuji

Fonte: Rainews24 Online



Wednesday, January 03, 2007

nadie me quita lo bailado

Buongiorno mondo,
e sì che oggi sei bello cazzo. A questa vita che ogni tanto gira anche per il verso giusto e ti sorride y te ries como una tonta a questa vita il post di oggi.
Giorni di allegria e spensieratezza, giorni che ci volevano proprio (parlo per me ma penso che anche altri saranno d'accordo), giorni di fratellanza e comunanza etilica, giorni che a un profugo cinese come me salvano il culo, "divertirsi!" la parola d'ordine. Forse abbiamo fatto troppo e magari anche no, o forse mi sono inventato tutto io. Buttarsi alle spalle tristezze, angosce e delusioni e buttarsi a capofitto, forse "condividere" più adatta come parola chiave, senza esagerare coi motti che poi si scade nel fanatismo maoista più vecchio e morto che di sinistra. Parlare cento lingue per non saperne nessuna, ser distintos, aprire la porta per far entrare tutti, più gente possibile, che è meglio per tutti e che alla fine c'è sempre posto per tutti.
In quel casone aggrappato per una collina infagata di foglie col panorama che magari in paradiso, specie alle 6 di mattina, con qualche raggio di sole che sbuca dalle montagne in lontanza, la nebbia a valle, i colori delle colline picene, l'odore di vino, no, l'odore di vino non c'è, è solo il tuo fetido alito. E allora maceratesi, trentini, pisani, livornesi, torinesi, francesi, spagnoli tutti insieme perchè ci piace così, che anche avesse bussato un cileno o un neozelandese con nonno uzbeko no creo que habria hecho dano a ninguno. Giorni e notti scandite solo dalla luce in penonmbra del freddo sole di dicembre, tosto vino di campagna in botti e boccioni, spropositato il numero di litri di piacere, e poi anche spumanti e superalcolici, il fuoco più per le bruschette e le melanzane che per altro, ottanta giocatori di carte e tossici del Risiko fissi al tavolo, sedie poltrone divane panche panchine punk intorno a dare atmosfera, dieci chitarre e sette corde, uno stereo con lenticchie, cipolle, funghi, infusi, fusi, sfusi, stufi, mai stufi, sempre in prima linea, venti letti trenta sacchi a pelo quaranta coperte cinquanta senzatetto, bicchieri e mozziconi di sigarette anche nel bagno, sul tetto, in un campo di papaveri a centosettanta metri di distanza. Oi oi! Giorno e notte a condividere, cucinare, cantare, mangiare, bere e bere ancora, scambiare discussioni idee paranoie, alla ricerca di dieci minuti di nudo affetto che poi sono forse la cosa che conta meno. Grandioso il nascondino alle 4 di mattina e due gradi sottozero, la nebbia la brina il topolino in macchina scomodo passeggero del sottoscritto, calzini mutande cuffie e spazzolini sparsi para toda la abitaccion, fastidioso sentir parlare in portoghese al tramonto, ancora di più all'alba. E della notte di capodanno beato chi si ricorda qualcosa. I soldi migliori sono quelli spesi viaggiando, e quella notte di viaggi e viaggiatori se ne vedevano parecchi in giro.
Nel ringraziarvi colgo l'occasione per cercare di ritrovar il dritto e rimettermi sull'antipatico binario che dovrebbe portare a tesi e borse di studio. Da troppo tempo non ricordavo momenti così alti di vita e d'allegria, e lo que me gusta mas es que lo dobbiamo a noialtri, a noialtri e a nessun altro. E paradossalmente sono molto contento che tutti abbiano preso la strada del "ritorno", che tutti se ne siano andati, che tutti vadano alle loro città amori studi aspirazioni attività. Che tutti tornino allo loro strada e vadano avanti più convinti di prima.
Grazie a tutte/i. Buona strada. E alla prossima!
Y, sobre todo, un "gracias" especial para ti...