Monday, April 30, 2012

C'era una volta il pesciolino del Fiume azzurro

Il 刀鱼 daoyu (non so se abbia un nome anche in inglese o italiano) è una specie di pesciolino che vive nel lunghissimo Fiume azzurro della Cina centrale. A seguito del rapido sviluppo economico della regione, quel prelibato pesce è diventato vittima dell'alta domanda del mercato. Considerando i numeri e le dimensioni della Cina, in breve questa specie di pesce è quasi estinta, facendo volare il prezzo alle stelle (ormai piatto solo per ricchi) e costringendo l'industria del commercio a importarlo dalle Filippine.

长江刀鱼价格飙到“8000元一斤” 亲 您吃得起么?
http://news.163.com/12/0404/10/7U8678BR00014AEE.html

I migranti cinesi? Tutti verso ovest e addio agricoltura

Qualche giorno fa il China Daily titolava un suo articolo “China's young migrant workers losing farming skills”. In esso troviamo, a mio avviso, due interessanti tipologie di dati:

1) “China's migrant workers increased to 250 million in 2011, with a growing average monthly income of 2,049 yuan ($304), but most have abandoned the farming skills treasured by their ancestors”

2) “The middle and west regions of China became a new work destination for migrant works as the regional economies take off. People started to leave the traditional labor-intensive Yangtze River Delta and Pearl River Delta”.

A quanto pare fra qualche anno i cinesi non sapranno più coltivare la terra. Cosa mangeranno? Secondo me si palesano qui due fenomeni in crescita anche nell’economia cinese: 1) i “locali” non vogliono più fare il lavoro dei padri e la manodopera viene importata sempre più dall’estero (Vietnam? Cambogia? Birmania?), un po’ come la manodopera nera (e in nero) nei campi del meridione italiano 2) La Cina compra terre in utilizzo nei paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e America Latina per garantirsi l’enorme quantità di cibo di cui ha bisogno per sfamare 1,4 miliardi di persone.

L’est cinese è sempre meno l’Eldorado d’Asia. Ora lo sviluppo economico si concentra nella parte occidentale del paese, fatte di vaste pianure, dei monti dell’Himalaya e del deserto del Taklamakan, dove la gente è di etnia uygur e tibetana, mangia, vive e veste molto diversamente dal resto della popolazione han. Finalmente sapremo qualcosa di più di quelle terre anche nei media cinesi e occidentali, visto che l’attenzione è verso ovest che si sta muovendo. E sarà da leccarsi i baffi anche per giovani avventurieri, professionisti, imprenditori e tecnici occidentali.

Qui il post:
http://usa.chinadaily.com.cn/china/2012-04/28/content_15173163.htm

Sunday, April 29, 2012

Never been in China? 没问题!




Have you ever been in China? No!? No worries. Here is a video which exactly reproduce the typical night in a bar of a big Chinese city between young foreigners.
The guy is absolutely a genius. His performance perfectly reproduce the expressions, dialects, and content of the common talk between Chinese, Japanese, Russian, American and French young people in China.

Fuckin' 牛B!

Mike隋出品: 白人屌丝中文帝 12角色扮演 转载


p.s. Probably after watching this video you would never wish to move to China. Now you eventually know the answer to the question people usually ask me: "Don't you miss your life in Beijing?".   

Do you know this theatre is haunted?




“Goodbye Dragon Inn”, by Ming-Liang Tsai (2003).

Saturday, April 28, 2012

Il primo dice non avrai altro Dio all'infuori di me



Graffito di Alessameno (Roma, colle Palatino), terzo secolo d.C. 

Friday, April 27, 2012

Internacionalizar Amazonia? Internacionalizar todo!!

Durante un debate en una universidad de Estados Unidos, le preguntaron al ex gobernador del Distrito Federal y actual Ministro de Educación de Brasil, CRISTOVÃO CHICO BUARQUE, qué pensaba sobre la internacionalización de la Amazonia. Un estadounidense en las Naciones Unidas introdujo su pregunta, diciendo que esperaba la respuesta de un humanista y no de un brasileño.

Ésta fue la respuesta del Sr. Cristóvão Buarque:

“Realmente, como brasileño, sólo hablaría en contra de la internacionalización de la Amazonia. Por más que nuestros gobiernos no cuiden debidamente ese patrimonio, él es nuestro. Como humanista, sintiendo el riesgo de la degradación ambiental que sufre la Amazonia, puedo imaginar su internacionalización, como también de todo lo demás, que es de suma importancia para la humanidad.
Si la Amazonia, desde una ética humanista, debe ser internacionalizada, internacionalicemos también las reservas de petróleo del mundo entero.
El petróleo es tan importante para el bienestar de la humanidad como la Amazonia para nuestro futuro. A pesar de eso, los dueños de las reservas creen tener el derecho de aumentar o disminuir la extracción de petróleo y subir o no su precio.
De la misma forma, el capital financiero de los países ricos debería ser internacionalizado. Si la Amazonia es una reserva para todos los seres humanos, no se debería quemar solamente por la voluntad de un dueño o de un país. Quemar la Amazonia es tan grave como el desempleo provocado por las decisiones arbitrarias de los especuladores globales.
No podemos permitir que las reservas financieras sirvan para quemar países enteros en la voluptuosidad de la especulación.
También, antes que la Amazonia, me gustaría ver la internacionalización de los grandes museos del mundo. El Louvre no debe pertenecer solo a Francia. Cada museo del mundo es el guardián de las piezas más bellas producidas por el genio humano. No se puede dejar que ese patrimonio cultural, como es el patrimonio natural amazónico, sea manipulado y destruido por el sólo placer de un propietario o de un país.
No hace mucho tiempo, un millonario japonés decidió enterrar, junto con él, un cuadro de un gran maestro. Por el contrario, ese cuadro tendría que haber sido internacionalizado.
Durante este encuentro, las Naciones Unidas están realizando el Foro Del Milenio, pero algunos presidentes de países tuvieron dificultades para participar, debido a situaciones desagradables surgidas en la frontera de los EE.UU. Por eso, creo que Nueva York, como sede de las Naciones Unidas, debe ser internacionalizada. Por lo menos Manhatan debería pertenecer a toda la humanidad.
 De la misma forma que París, Venecia, Roma, Londres, Río de Janeiro, Brasilia... cada ciudad, con su belleza específica, su historia del mundo, debería pertenecer al mundo entero.
Si EEUU quiere internacionalizar la Amazonia, para no correr el riesgo de dejarla en manos de los brasileños, internacionalicemos todos los arsenales nucleares. Basta pensar que ellos ya demostraron que son capaces de usar esas armas, provocando una destrucción miles de veces mayor que las lamentables quemas realizadas en los bosques de Brasil.
En sus discursos, los actuales candidatos a la presidencia de los Estados Unidos han defendido la idea de internacionalizar las reservas forestales del mundo a cambio de la deuda.
Comencemos usando esa deuda para garantizar que cada niño del mundo tenga la posibilidad de comer y de ir a la escuela. Internacionalicemos a los niños, tratándolos a todos ellos sin importar el país donde nacieron, como patrimonio que merecen los cuidados del mundo entero. Mucho más de lo que se merece la Amazonia. Cuando los dirigentes traten a los niños pobres del mundo como Patrimonio de la Humanidad, no permitirán que trabajen cuando deberían estudiar; que mueran cuando deberían vivir.
Como humanista, acepto defender la internacionalización del mundo; pero, mientras el mundo me trate como brasileño, lucharé para que la Amazonia, sea nuestra. ¡Solamente nuestra!”

"为我" Yang Zhu, l'Epicuro cinese


Qin Guli chiese a Yang Zhu: “Se potessi aiutare il mondo perdendo un pelo del tuo corpo, lo faresti?”
“Il mondo non verrebbe aiutato dalla perdita di un pelo.”
“Supponendo che lo aiutasse, lo faresti?”
Yang Zhu non rispose. Meng Sunyang disse: “Non hai scandagliato ciò che il Maestro ha nel cuore. Permettimi di dirlo. Supponiamo che tu possa avere mille pezzi d’oro in cambio di un lembo della tua pelle; lo doneresti?”
“Sì.”
“Supponiamo che tu possa ottenere uno stato tagliandoti un arto alla giuntura; lo faresti?”
Qin Guli tacque per un po’.
“Quel singolo pelo vale meno della pelle” disse Meng Sunyang “e la pelle vale meno di un arto; mi sembra chiaro. Aggiungendo pelo su pelo, si raggiungerà tuttavia l’ammontare di un lembo di pelle, e, aggiungendo poi pelle su pelle, si raggiungerà l’ammontare di un arto. Nella miriade delle parti corporee, un singolo pelo è certamente un qualcosa; come potrebbe qualcuno trattarlo con leggerezza?”.


Liezi, 7.4b-5°, trad. Graham, pp. 148-149, in Graham, Angus, C., op. cit., p. 77.

Tratto dalla tesi di laurea magistrale “Il Corpo: implicazioni fisiche, sociali e rituali tra India e Cina” di Rita Barbieri.

Female Hysteria?





"Hysteria", by Tanya Wexler (2011)

Thursday, April 26, 2012

La Cina dovrebbe fare causa alla Kinder

Si narra che in Cina cinque mila anni fa un dio insegnò al popolo della terra la coltivazione dei cinque cereali. Gli uomini smisero così di cibarsi solo di animali e impararono la sacra arte dell’agricoltura. Quel dio viene oggi ricordato come ShenNong 神农 (lo “spirito dell’agricoltura”) e i cinque cereali vengono ancora chiamati WuGu 五谷. Essi sono: il riso, il miglio, la setaria, il grano e la soia (che non è un cereale ma un legume, ma noi non stiamo a guardare il pelo!).
Stiamo parlando di cose “inventate” cinque mila anni fa in Cina. Nel 1989 invece in Italia la Kinder promuoveva un suo prodotto con questa canzoncina:

“Con i cinque cereali / di Kinder Colazione Più / con quel gusto di cacao / che ti tira un po' su / puoi partire alla grande anche tu”

Naked China!

"Nude beaches have been around for years in Western countries, but China has a different culture. It is impossible to put up with such things now"

Source:
Trial nude program in Guangdong park brings sub-culture to fore
http://www.globaltimes.cn/NEWS/tabid/99/ID/706740/Trial-nude-program-in-Guangdong-park-brings-sub-culture-to-fore.aspx

Wednesday, April 25, 2012

Cork per caso: il saluto del vecchio alcolista




C’è piaciuta la partita Barcelona-Chelsea. Quasi più di Maceratese-Tolentino. Ho detto “quasi”.

La frase più interessante (e assieme spiritosa) della settimana l’ho ascoltata invece da un vecchio ubriacone. L’ho incrociato vicino a un ponte sul fiume Lee. All’angolo della strada, appoggiato al semaforo stavo aspettando un’amica. Avevo notato quello che aveva tutta l’aria di essere un senza fissa dimora bere birra nascosto dietro una cabina telefonica (in Irlanda è vietato bere per strada). Poco dopo eccolo materializzarsi di fronte a me. Non so quanti anni avesse, ma non aveva molti denti in bocca. Avanzava con due bottiglie di vodka Smirnoff da 200ml, una per mano, come un pistolero. Una l’aveva già seccata. Mi si mette con la bocca ancora grondante di spirito a pochi centimetri dal volto. E mi fa: “Hai passato una buona giornata? Io sono ubriaco!”. Odorava talmente forte che sembrava si fosse fatto il bagno in una vasca piena di vodka. Aveva una stampella con lui ma ovviamente non si reggeva bene in piedi. Scambiamo due chiacchiere e gli dico che sono italiano e che insegno cinese all’università. E lui mi ripete una decina di volte che lui è un irlandese cattolico e che proprio quella mattina aveva conosciuto un prete cinese. E scoppia a ridere ogni volta, seccando nel frattempo la seconda bottiglia di Smirnoff. Finalmente arriva la mia amica: alta, bella, elegante, profumata. Il tipo ci resta quasi male. Probabilmente avrà pensato “Cosa ci fa un barbone italiano con una tipa del genere?”. Lo saluto con cortesia e gli do la mano. Lui mi afferra a sé e mi dice all’orecchio, fissando la mia amica: “I don’t like upper class people”. Cazzo, l’hai detto amico: anche io detesto la classe borghese.

Questa voglia di sineddoche e di parte per il tutto.

Keats soprattutto. Ma anche Mallarmé. Ed Édouard-Henri Avril.

In foto:
“Zooerastia tra pastore e capra”, di Édouard-Henri Avril (1843-1928).

Half-eaten by Alsatians



“I was going to live a life where my major relationship was with a bottle of wine and I’d finally die fat and alone and be found three weeks later half-eaten by Alsatians”


“Bridget Jones’ Diary”, by Sharon Maguire (2001).

Tuesday, April 24, 2012

China: expensive love...

"Zhai Mingxin, 29, from Yingkou in Liaoning Province, had an even more bitter experience.
Zhai was going to marry a local girl in November last year but had to call off the wedding after a dispute with her parents.
'Her parents charged me 100,000 yuan along with some gold jewelry, threatening that I could not marry their daughter if I failed to satisfy their requirements,' said Zhai. He told the Global Times that the usual amount in his area is 50,000 yuan.
'I don't care about the money, I just feel sick at the way they handled this matter. It made it seem as if they were selling their daughter,' said Zhai.
He added that he thought her family was trying to save money to pay for a future bride price for their son's wedding, as many families do."


Source:
"Growing bride prices land rural families with crippling debt"
http://www.globaltimes.cn/NEWS/tabid/99/ID/706327/Growing-bride-prices-land-rural-families-with-crippling-debt.aspx

Monday, April 23, 2012

Meriterebbe ulteriore ricerca. Sul campo.

Leggevo questo articolo dell'Economist che riporta un'indagine della International Society of Aesthetic Plastic Surgery sulle operazioni di chirurgia estetica nel mondo:

http://www.economist.com/blogs/graphicdetail/2012/04/daily-chart-13?fsrc=scn%2Ffb%2Fwl%2Fdc%2Facutabove

La frase di chiusura recita così: "In Greece, penis enlargements are performed ten times more often than the average". A quanto pare o i Greci ce l'hanno troppo piccolo, o sembra loro di averlo troppo piccolo, o le Greche non ne hanno mai abbastanza.
Stimolante, l'ultima ipotesi ;)

Ehy you, PhD!

"The training of PHD is too narrow, too campus-centred and too long. Furthermore, many have much too narrow a set of personal and career expectations. Most do not know what it is they know that is of most value"


John Armstrong, "Rethinking the PhD"

"Nossa, nossa, assim você me mata, ai se eu te pego, ai ai se eu te pego"



“Claro”, di Glauber Rocha (1975).

Non è un film, è dare una macchina da presa a dei freakkettoni intellettualoidi drogati nella Roma dei primi anni settanta. La scena dove la francese si rotola a terra a pochi passi dal Colosseo tra gli sguardi allucinati delle turiste giapponesi e il tipo brasiliano che le salta sopra è un orgasmo cinematografico.

Sunday, April 22, 2012

Domenica indimenticabilmente biancorossa



Lo sport maceratese fa ridere. Eppure oggi, domenica 22 aprile (San Sotero, propongo di nominarlo nuovo patrono della città), è successo l'insuccedibile:



La Virtus (società sportiva di ginnastica di Macerata) a Padova si è classificata seconda a livello nazionale.

"La Virtus Pasqualetti è vice campione d'Italia"
http://www.cronachemaceratesi.it/2012/04/22/la-virtus-pasqualetti-e-vice-campione-ditalia/184539/




La Rata (squadra di calcio di Macerata) batte in casa 2 a 1 i tradizionali rivali del Tolentino, diventando capolista nel campionato di Eccellenza.

"Scacco matto al Tolentino. Maceratesi a tre metri dalla serie D"
http://www.cronachemaceratesi.it/2012/04/22/scacco-matto-al-tolentino-maceratese-a-tre-metri-dalla-serie-d/184754/



La Lube (squadra di pallavolo di Macerata) batte a Milano al tie-break l'Itas Trento, diventando campione d'Italia.

"La Lube è campione d'Italia"
http://www.cronachemaceratesi.it/2012/04/22/finale-scudetto-live-la-lube-e-campione-d-italia/184693/




Godetevi le varie feste a Macerata anche per me. Delirio Varnelli, mi raccomando!

Paura eh!?



Omofobia: la paura che gli omosessuali trattino te come tu tratti le donne.

Ci sono dei bambini che muoiono di fame...



Quando ero piccolo e non avevo voglia di finire quello che era nel piatto, puntualmente mio padre o mia madre mi facevano sentire in colpa dicendomi "Ci sono dei bambini in Africa che non hanno da mangiare. Finisci tutto!". Che palle! Non potevo fare il cazzo che volevo perché c'era sempre un bambino africano che moriva di fame a rovinarmi la giornata.

Oggi invece ho trovato questa immagine. Meditiamo gente!

Ambientazione: a pasto tra le quattro mura domestiche di una famiglia dell'Asia orientale
Traduzione: "Finisci il riso! Ci sono dei bambini che muoiono di fame in Europa!"

ThinkIN China



Tuesday, April 24th at 7.30 PM

"Sino-Japanese relations in a changing East Asian order"

by Professor Gui Yongtao
Associate Professor, School of International Studies, Peking University

The Bridge Cafe Rm 8, Bldg 12, Chengfu Lu, Beijing

Friday, April 20, 2012

Coscienza di classe addio?



"Fino a oggi i lavoratori cinesi sono stati i più docili e i più arrendevoli del mondo, per tirare avanti sono disponibili a faticare più degli altri e lavorare di più e farsi comandare, però se confrontiamo questi lavoratori con quelli di dieci anni fa vediamo che questi sono più consapevoli di questi diritti e sono più esigenti rispetto ai loro diritti. Tuttavia questo risveglio dei diritti per lo più riguarda diritti individuali, per esempio per quanto riguarda le proprie condizioni economiche, mentre pochi lavoratori conoscono i loro diritti politici, i loro diritti di lavoratori come gruppo."  

Da una video-intervista a Liu Kaiming, fondatore dell’Institute of Contemporary Observation di Shenzhen:
http://www.cineresie.info/intervista-a-liu-kaiming-lavoratori-cinesi/

Il primo dei fratelli Coen



"Blood Simple", 1984.

Thursday, April 19, 2012

Chinese. And young.

"The arrival of the 90s generation into the employment market this year is causing quite a stir, given their stereotypical attributes of frivolousness and irresponsibility.

Differing from older generations who grew up through political upheavals and economic difficulties, people born in the 90s have largely been able to embrace the material wealth of China's recent economic boom. These Web-savvy young people present a particular skill set. Their advantages include being more flexible, confident and quick to learn but they are also thought to be more selfish and proud than their older peers, worrying some employers."


Source:
http://www.globaltimes.cn/NEWS/tabid/99/ID/705622/Changing-values-have-made-companies-nervous-about-hiring-90s-born-graduates.aspx

A short article which says a lot about how the Chinese government sees and understands China...

"There is a deeply rooted misunderstanding among Western public opinion that within the CPC, two factions, the so-called reformists and conservatives, are locked in conflict. They don't believe that both the CPC and mainstream Chinese society support reforms and advocate balance between reforms, development and stability.

The Western political system encourages diversity. It creates conflicting political forces through such diversity and then seeks to balance them. With their own political and cultural perspectives, Westerners are easily misled into believing that the so-called struggle between different political lines is ubiquitous."


Read the rest of the article:
http://www.globaltimes.cn/NEWS/tabid/99/ID/704789/Bo-Xilais-case-nothing-to-do-with-political-fight.aspx

Wednesday, April 18, 2012

Diario di un prof: “vicino Shanghai” e il relativismo geografico

Mi ha sempre dato molto da pensare (e da ridere, soprattutto) il modo di presentarsi dei cinesi all’estero. Spesso vengono dalle provincie meridionali del Zhejiang o del Fujian. Ma siccome quasi nessuno straniero sa dove siano Zhejiang o Fujian (e meno ancora le loro capitali o principali città) allora, sconsolati, ti dicono “vicino Shanghai”. E tu “Oh, certo! So dove sta Shanghai!”. Poi però se vai a vedere sulla cartina geografica ti accorgi che i loro luoghi di provenienza distano 200, 500 o 1000 chilometri da Shanghai. Non esattamente “vicino” insomma.
In realtà succede lo stesso con l’italiano in Cina. Interrogato da un cinese sulla sua città natale:
“Di dove sei?”
“Provincia di Agrigento”
“Agri...??”
“Sicilia”
“??”
“Italia del sud”
“Roma?”
“Ehm... sì, Roma”
Va davvero così. Poco importa se Agrigento dista da Roma 600 chilometri e non ha molto in comune con la capitale. Se invece siete di Trento, Udine, Bologna o Aosta fate prima a rispondere “Milano”. Parola di esule italiano.

Diario di un prof: l’emancipazione femminile e il capitale. Di Marx.

Terminate le lezioni e arrivata la primavera non ho trovato nulla di meglio da fare che rimettermi a “fare ricerca”. Il tema scelto è sempre lo stesso: donne, emancipazione femminile, migrazione, matrimonio, amore, prostituzione. In Cina, si intende. Ho rispolverato vecchi appunti, riletto alcuni autori (autrici, più che altro), conosciuto e contattato altri ricercatori via internet.

Oggi ho letto un articolo di un italiano che vive in Cina:

“China girl”, di Furio

e quello di una giovane insegnante italiana di cinese:

“Donne cinesi tra passato e presente”, di Rita Barbieri

Ricordo di una conferenza a Pechino un paio di anni fa proprio sul tema dell’emancipazione femminile. Ospiti dell’incontro due ricche donne d’affari, una cinese e l’altra italiana. La prima era “emancipata” in quanto “moglie di”: il marito aveva fatto i soldi e lei aveva usato i suoi soldi per farsi una carriera professionale a sua volta. Proprio un bell’esempio di indipendenza e libertà! L’altra è una donna in là con gli anni, fatta da sola, ma restata sola. Non sposarsi, non avere figli o farsi una famiglia è ovviamente una scelta personale, ma se è dettata dal troppo lavoro o dalla “carriera innanzitutto” che scelta è? O meglio, dove stanno l’emancipazione e la libertà?

Ritrovo quella visione, a mio avviso superficiale e stereotipata, della donna manager come modello (non unico, spero) di donna emancipata nei due articoli di cui sopra. La donna che “si è fatta da sola” (parole di berlusconiana memoria), colletto bianco e tacchi a spillo, laurea in tasca e periodi di studio nelle più prestigiose università inglesi e americane, la donna imprenditrice (il nostro presidente era invece un presidente operaio), la donna a capo di una azienda di successo, con centinaia di dipendenti sparsi per il mondo. La donna che scrive e pubblica libri su come avere successo in amore e nel lavoro, la donna che insegna (a chi? Alle altre donne?) come “capitalizzare le proprie risorse”. Ci mancherebbe, una emancipazione senza capitalismo non è neanche pensabile. La donna indipendente (mi sembra ovvio) e libera di scegliere. Il non plus ultra dell’emancipazione femminile.

Se poi “gioventù e bellezza” sono i capitali femminili da investire allora il modello di emancipazione femminile sono la Minetti, Ruby, le veline e le puttane d’alto bordo. Se questa si chiama emancipazione allora io voglio non emanciparmi mai, restare un reietto, un disadattato, un conservatore, un uomo delle caverne. Partecipare a quello che i cinesi chiamano 落后 (antico, arretrato, ritardato, ingenuo).

Le riviste “self” e “yueji” sono, sempre a mio avviso, proprio il contrario di emancipazione femminile. Sono invece un perfetto esempio di arrivismo individualista: come fottere lo Stato e comprarsi una villa alle Hawaii alla faccia dei poveracci e delle poveracce del mio paese. Cioè, qui non si parla più di questione di genere, qui si parla di classe, di libertà di arricchirsi alle spalle degli altri. Chi può corra e corra veloce, degli altri chissenefrega. “Ecco dunque l’icona femminile della Cina contemporanea: una donna giovane, affascinante, autonoma e assolutamente autosufficiente dal punto di vista economico e referenziale”. Ripeto, sarà pure un’icona, ma è lungi da essere collegabile ai discorsi sull’emancipazione femminile. Zero questione di genere, e neanche questione nazionale, come si nota giustamente nell’articolo “I due casi simbolo di Shi Nansun e Yue Sai-Kan sono indicativi di un riconoscimento pubblico di successo e affermazione personale secondo standard che non sono prettamente cinesi, ma bensì ‘internazionali’”.
Il marxismo ci insegna che la prima emancipazione per la donna è l’indipendenza economica. E fin qui siamo d’accordo. Ma secondo me è un errore limitarci all’equazione “donna coi soldi = donna emancipata”. Altrimenti è facile asserire che la prostituta indipendente è una donna emancipata, il che non credo sia vero in un gran parte dei casi (chiedere alle prostitute).

Una prostituta in strada, un’operaia sfruttata in fabbrica, una impiegata frustrata in ufficio. Cosa hanno in comune? Tutte affittano il loro tempo (l’unica cosa che è davvero di loro proprietà e appartiene loro) in cambio di denaro, evitando di dipendere dall’uomo (padre, padrone, marito, ecc...), ma tutte loro vivono una condizione di subordinanza (se non vera e propria schiavitù) e probabilmente di infelicità e non soddisfazione (professionale, umana, ecc...) che non credo le classifichi come “donne emancipate”. E ancora meno come modello di emancipazione femminile.

“Perché imparare a usare il congiuntivo quando sono così brava ad aprire il culo?” recita una recente canzone pop italiana. Ecco, mi sembra che col passare degli anni non si progredisca in termini di emancipazione ma si cambino solamente le forme di oppressione. La chirurgia estetica, da un certo punto di vista, rientra in una di queste forme.

“All’uomo che le chiese di sposarlo rispose ‘Attenta alla vita del re. Devi rischiare la tua vita perché io rischio la mia libertà”, disse secoli fa un’anarchica francese. 

Tuesday, April 17, 2012

Sentimos, finalmente, que a morte aqui converge…




“Quando a beleza é superada pela realidade, quando perdemos nossa pureza nestes jardins de males tropicais, quando no meio de tantos anemicos respiramos, o mesmo bafo de vermes em tantos poros animais, ou quando fugimos das ruas e dentro de nossa casa a miséria nos acompanha em suas coisas mais fatais, como a comida, o livro, o disco, a roupa, o prato, a pele, o figado em raiva arrebentando, a garganta em panico, e um esquecimento de nos inexplicavel. Sentimos, finalmente, que a morte aqui converge, mesmo com forma de vida, agressiva”

Glauber Rocha, “Terra em transe” (1967)

Dante Alighieri, Canto XXVI dell'Inferno, vv. 118-120

你们要考虑你们的起源:
你们并非生来就像禽兽般活着,一无所成,
而是要追求知识与善行.

Call to mind from whence ye sprang:
Ye were not form’d to live the life of brutes, 
But virtue to pursue and knowledge high.

Prossima tappa: Limerick

"Naturalmente è stata un'infanzia infelice, sennò non ci sarebbe gusto. Ma un'infanzia infelice irlandese è peggio di un'infanzia infelice qualunque, e un'infanzia infelice irlandese e cattolica è peggio ancora"

Frank McCourt

Sinological-Orientalism

“China and Orientalism: Western Knowledge Production and the P.R.C.”, by Daniel Vukovich, 2012


“China and Orientalism is an essential contribution to our self-awareness as producers of knowledge and offers a welcome and indispensable criticism of the field. But Vukovich also provides examples throughout the volume of how a non-orientalist approach can be formulated, be it in the analysis of student protests or in film criticism, as in his appraisal of the movie Breaking With Old Ideas (Jue Lie). As for the prospects for a post-orientalist practice in the field of knowledge production, I tend to be more hopeful—or maybe I am simply more naïve: the very existence of a book such as China and Orientalism demonstrates the fact that there are scholars striving to construe, with the tools of theory and empirical research, a different approach to the study of China.”

Source:
http://www.thechinabeat.org/?p=4244

Monday, April 16, 2012

'80s is not dead



Una volta cadavere non vorrei essere sepolto. Non mi piacciono i funerali, le casse da morto o i cimiteri. Preferirei essere cremato e che le ceneri se le porti via il vento. Più nello specifico vorrei che il mio cadavere venga bruciato assieme ai miei giocattoli di quando ero piccolo, assieme cioè ai Masters, agli Exogini, alle figurine Sgorbions e alle sorpresine degli ovetti Kinder.

Immagine presa da:
http://www.happyblog.it/post/603/i-giochi-di-quando-eravamo-piccoli-gli-sgorbions

Soldi soldi soldi

Cari studenti italiani di Sinologia,

vi ricordo che le domande per la borsa dell'Istituto Confucio che vi permette di studiare per un anno in Cina a spese del governo cinese terminano il 10 maggio.

Vi sono molte limitazioni e selezioni, io non mi sono messo a leggere tutto il regolamento, ma vi consiglio di informarvi e provare.

"In order to support the development of Confucius Institutes, facilitate Chinese language promotion and Chinese cultural transmission in the world, cultivate qualified Chinese language teachers and talented students of Chinese language, Hanban/Confucius Institute Headquarters (hereinafter referred to as Hanban) launches the "Confucius Institute Scholarship" program to provide financial aid for students, scholars and Chinese language teachers worldwide to proceed to a Master's degree in Teaching Chinese to Speakers of Other Languages (MTCSOL) in Chinese universities (hereinafter referred to as "host institutes"), or study in such majors as Chinese Language and Literature, Chinese History and Chinese Philosophy."

Per maggiori informazioni e procedure di domanda:

http://www.admissions.cn/education/313595.shtml

http://cis.chinese.cn/

Studiare in Cina 留学中国



Borse di studio per la Cina? Ci sono, ma paga Confucio e i soldi ce li mettono i cinesi. Spero non vi facciano schifo.

Conferenza a Roma, 23 aprile 2012.

SINOLOGIE - La nuova rubrica di China Files

 
 
CHINA FILES lancia una nuova rubrica.
SINOLOGIE: cosa studia l'accademia?

Studenti appena laureati nelle università italiane ci spiegano brevemente di cosa si sono occupati nella loro tesi di laurea.
Ogni lunedì, su China Files. L'articolo di oggi:
 

Il tossico e i perbene

“Si sentiva di merda perché aveva solo trecento pasticche di lenta morte nel solito nascondiglio. Seppellite nel giardino del retro sotto la sua camelia, un ibrido con grossi fiori da sballo che non seccavano in primavera. Ho soltanto la scorta di una settimana, pensò. E quando ne resterò senza? Merda.
Pensa se tutti, nell'intera California, e anche in parte dell'Oregon, ne restassero senza, e nello stesso giorno, si disse. Cavolo.
Era questa la sempre-dominante fantasia horror che si proiettava in testa, che ogni tossico si proiettava costantemente in testa. L'intera parte occidentale degli Stati Uniti che ne restava simultaneamente senza, e tutti, lo stesso giorno, in crisi di astinenza, diciamo intorno alle sei di una domenica mattina, mentre i perbene si stavano vestendo per andare alle loro fottute preghiere.”

Da “Un oscuro scrutare”, di Philip Dick, 1977.

Sunday, April 15, 2012

Speed and Freedom


"The blindness of the speed of means of communicating destruction is not a liberation from geographical servitude, but the extermination of space as the field of freedom of political action. We only need refer to the necessary controls and constraints on the railway, airway or highway infrastructures to see the fatal impulse: the more speed increases, the faster freedom decreases"


Paul Virilio, "Speed and Politics: An Essay on Dromology", 1986

E dai la Rata

Dell'Italia mi manca... le colline marchigiane, il mare, il Varnelli e stare in curva con gli ultras della Maceratese.

Ooooh
la Rata goool!
Fino al novantesimo
che fatica che ti chiedo
forza Rata facci un goool!

E dai la Rata,
tutta la settimana
la curva sai che t'ama
e pensa solo a te!
Maceratese
unico grande amore
un'unica passione
che sta dentro di me!


Ultras Rata
Monturanese-Maceratese 0-2 (14 aprile 2012)


A una gitana

Se incontrassi una nomade gitana non le chiederei di leggermi il futuro. Ma il passato.

Il futuro me lo scopro da solo, passo passo, senza fretta, giorno dopo giorno, minuto per minuto. Non ho bisogno di sfere di cristallo o dell'interpretazione del mio palmo sinistro per sapere del mio futuro. A me piacciono le sorprese, la pianificazione va bene solo nelle economie socialiste.

Alla gitana chiederei invece di svelarmi il mio passato. Quelle che ho vissuto. Di quella fitta rete fatta di ricordi e di cose dimenticate. Vorrei mi aiutasse a ricordare e capire chi sono, da dove vengo, come e perché. E' per me fondamentale per capire il mio presente e soprattutto il mio futuro.

Non c'è futuro senza passato. Il presente è in hangover. Cara gitana aiutami a vedere il mio passato, aiutami a muovere il prossimo passo.

Saturday, April 14, 2012

Dublin, Jameson Irish Whiskey Distillery

Russian movies (3)

“The Banishment”, by Andrey Zvyagintsev, 2007.

Russian movies (2)

“Prisoner of the Mountains”, by Sergei Bodrov, 1996.

Russian movies (1)

“The Return”, by Andrey Zvyagintsev, 2003.

Migliore. Peggiore. Parole. Menzogne.

Note dall’autostrada Dublino-Cork: il tramonto. Il tramonto devono averlo creato apposta. Per farti mordere dalla malinconia. E nostalgia di non si sa bene cosa. Specie se sei in viaggio. Se in viaggio guai a guardare fuori dal finestrino durante il tramonto! Potresti venire assalito dalle più strazianti sensazioni. Il ricordo di un tramonto, in un tempo andato, lontano da qui. Quando ero piccolo il tramonto lo osservavo da sotto il tavolo della cucina. Lo temevo. Non capivo. Ora quando guardo un tramonto penso agli amici lontani. E al giorno che li riabbraccerò. La Guinness vi ricorda di bere responsabilmente.

Se anche Dylan tifa Cina...

Dylan Dod - Gli artigli del drago - n. 266 Photo credit: http://www.comicvine.com/dylan-dog-gli-artigli-del-drago/37-281802/

Friday, April 13, 2012

I "knackers", anche detti "Irish Travellers". Ovvero gli zingari irlandesi.

"The term 'knacker' is sometimes used in Ireland to denote an Irish Traveller. In 1960, senior politician James Dillon explained the term to the Irish parliament as denoting 'the tough type of itinerant tinker'. The use of the word is considered pejorative. It is now more often used to refer to people of a perceived lower class or underclass, who are not Travellers, but who have accents, attitudes and a style of dressing redolent of anti-social behaviour, petty crime, poor public housing and low educational achievement levels" Source: Wikipedia Picture: http://trashhologram1.blogspot.com/2010_06_01_archive.html

Per gli studenti a Venezia

CHINA FILES INFORMA Venezia, lunedì 23 aprile, ore 11:00 Raccontare la Cina oltre il mainstream. Seminario del direttore di China Files a Cà Foscari

Thursday, April 12, 2012

Dublin, Kilmainham Gaol

"If you remove the British Army tomorrow and hoist the green flag over Dublin Castle unless you organize a socialist republic, all your efforts will have been in vain. And England will still rule you through her landlords, capitalists, and commercial institutions." James Connolly (1868-1916)

Dublin, National Museum of Natural History