Wednesday, September 29, 2010


"I giornali si sono prosciugati perché mandano via persone e non assumono più, ma hanno comunque bisogno di contenuti. Possono fornirli i gruppi che si trovano sul posto, come per esempio l’agenzia China Files, fondata da un gruppo di ragazzi a Pechino, che fornisce contenuti, reportage e foto con un taglio che si adatta al pubblico italiano. Non c’è garanzia di successo, ma al momento queste sono le uniche esperienze che funzionano."

Intervista ad Angelo Mastrandrea, vicedirettore del IlManifesto


Nobel prize to Liu Xiaobo?

"Nobel committee warned not to award peace prize to Chinese dissident Director of Nobel Institute reveals Chinese threat over Liu Xiaobo, who is in jail for incitement to subvert state power
By Tania Branigan in Beijing and Reuters

Awarding the Nobel peace prize to jailed Chinese dissident Liu Xiaobo would contradict its founding principles, China's foreign ministry said today.

Its comments came after the director of Norway's Nobel Institute, Geir Lundestad, said a senior Chinese official had warned him that giving the author the award would affect relations between the two countries.

"This person was sentenced to jail because he violated Chinese law," the foreign ministry spokeswoman Jiang Yu told a news briefing in Beijing.

"His actions are diametrically opposed to the aims of the Nobel prize. Mr Nobel's behest was that the Nobel peace prize be awarded to somebody who promoted peace between peoples, promoted international friendship and disarmament."

Earlier, Lundestad said China's deputy foreign minister, Fu Ying, delivered the warning in a meeting at the Chinese embassy during her visit to Oslo this summer.

"[Such a decision] would pull the wrong strings in relations between Norway and China, it would be seen as an unfriendly act," Lundestad told Norwegian news agency NTB.

Lundestad, who organises the meetings of the five-member Nobel committee, said China had given such warnings before, but that they had no influence on the committee's work.

Václav Havel, Desmond Tutu and others have called on the Nobel committee to give this year's award to Liu, who was sentenced on Christmas Day last year to 11 years in jail for incitement to subvert state power.

The author and former university professor had co-authored Charter 08, a groundbreaking call for reforms in China.

His wife, Liu Xia, told the Guardian that he does not know he has been nominated because he is not allowed access to news from the outside world and she is not allowed to discuss such issues with him when they meet.

Liu served two years in jail for his role in the Tiananmen Square pro-democracy protests of 1989. He later spent three years in a prison camp for speaking out against China's one-party system.

In an article for the International Herald Tribune last week, Havel and other signatories to Charter 77 which inspired Charter 08 praised Liu for "more than two decades of unflinching and peaceful advocacy for reform".

The Nobel committee is due to announce the winner of this year's peace prize in Oslo on 8 October."


Berlino liberata

"fatto pezzo di strada in bicicletta con una ragazza carina ma malandata [...] sequestrata dai russi per quattordici giorni, è stata violentata, ma ha mangiato bene [...] anche oggi i soliti stupri. Una persona che ha fatto resistenza è stata uccisa. La signora Krauss non è stata violentata. Lei insiste che i russi non toccano le donne con gli occhiali. Mi piacerebbe sapere se è vero [...] i soldati erano piuttosto ubriachi, ma distinguevano fra vecchie e giovani, il che è già qualcosa"

Dal diario di Margaret Boveri

International Migrants Day

"One in seven people worldwide live in slum dwellings. By 2020 it will be one in three"

Queer Liberation is Class Struggle

"In the past two years, the issue of gay marriage has dominated the scene of queer struggles. Some of us are actively supportive, others, grudgingly supportive, and more others who rail that yet again, queer struggles are being monopolized by assimilationist, middle class versions of normality and family: “We are the same as you, except for in bed.”

Some supporters of gay marriage point to the economic benefits of marriage. Working class and poor queers need marriage to help alleviate their poverty; immigrant queers need marriage to get US citizenship. I agree. Yet, let’s not forget that many queers will never get married because of their suspicions of state institutions. Granting gay marriage doesn’t guarantee that immigrant spouses get visas or are free from ICE harassment. Also, around us we see families for whom marriage has not helped alleviate the race and class oppressions that they face everyday. While it may be true that gay marriage does benefit some immigrant couples, oftentimes this comes as an afterthought rather than a decisive theme of gay marriage struggles. It is undeniable that the struggle for gay marriage has been dominated by white, middle class queers who support the Democrats and are ashamed of those of us who don’t fit in their status quo.

One may see gay marriage as a reform to be won to open up space for more gains for queer liberation. Indeed, if gay marriage was simply a tactic within a broader strategy that integrated class, race and queer struggles, perhaps it wouldn’t cause so much anxiety among radical queer circles. In the absence of a broader strategy and vision however, all our hopes get pinned on this one struggle and the questions become stressful, burdensome and intense: Are we betraying our roots? Are we fighting for the society we envision through this struggle? Exactly what is this broader vision of queer liberation that gay marriage is a reform toward?

That the issue of gay marriage has dominated and overshadowed other important discussions that should be had among queer radicals shows that there has been a lack of strategy and vision of queer liberation that integrates anti-racist, anti-patriarchy, class struggle and anti-ableist perspectives. While academics have churned out thousands of books on queer theory, spinning our heads dizzy with abstract lingo, those of us on the ground have not similarly churned out our own theory and practice of queer struggles. This is not to say people have not led successful and important campaigns around queer liberation. However, the strategy and vision has not been clearly articulated and insufficiently theorized for it to be replicated and generalized in different places and conditions. The result is the domination of liberals, with their pro-capitalist, liberal racist, ableist, “tolerate us” ideologies."


Sexuality and Socialism

"Sexuality and Socialism. History, Politics, and Theory of LGBT Liberation"

"Sexuality and Socialism is a remarkably accessible analysis of many of the most challenging questions for those concerned with full equality for lesbian, gay, bisexual, and transgender (LGBT) people.

Inside are essays on the roots of LGBT oppression, the construction of sexual and gender identities, the history of the gay movement, and how to unite the oppressed and exploited to win sexual liberation for all. Sherry Wolf analyzes different theories about oppression—including those of Marxism, postmodernism, identity politics, and queer theory—and challenges myths about genes, gender, and sexuality.

About the author
Sherry Wolf is the associate editor of the International Socialist Review. She was on the executive committee of the National Equality March Oct. 11, 2009 and has written for publications including the Nation, MRZine, Counterpunch, Dissident Voice, and Socialist Worker and speaks frequently across the country on the struggle for LGBT liberation as well as a wide range of social and economic justice issue."


Monday, September 27, 2010

Porto Marghera - The last firebrands

"Porto Marghera - The last firebrands"

The winter 2006/07 issue of the German Wildcat magazine features a DVD and booklet documenting a historical experience of autonomous workers' organisation in the industrial area around Venice, Italy in the late 60s and early 70s. Unlike most of the more or less academic historical documentations of Italian Operaism, which tend to focus mainly on the leading organisations and figures, in the 2004 documentary the worker-activists themselves talk about their experiences. Wildcat and friends subtitled the documentary in German, English and Polish (the original is in Italian plus French subtitles). Soon there will be an improved version with subtitles also in Slovakian, Turkish, Romanian. In addition they put together a very detailed booklet containing more historical analysis and interviews which will soon be available in English. Amongst others, the following characteristics and problems of this particular phase of class struggle are still important to debate and tackle today: - The workers at Porto Marghera fought for better working conditions and at the same time against the damaging impact of the chemical industry and of work itself. The split between workers defending their health damaging jobs, whilst being deeply critical; and a middle-class moralist green movement did not yet exist. - The workers-activists developed their independent forms of organisation within the actual struggles of the time, reassessing the relationships between the mobilisations of the workers and their own role as active workers, between factory and wider social terrain, between workers' struggles and the new forms of union representations and 'professional' political groups like Potere Operaio, between mass movement, armed insurrectionist groups and state repression. Below we publish the introduction and content list of the booklet. If you want to get hold of the DVD or the English version of the booklet, please get in touch with:


Beijing, meeting on migrant workers

The Migrant Experience: Panel discussion on challenges facing China’s migrant workers

Migrant workers are the foot soldiers of China’s economic juggernaut. A panel of experts from non-governmental organizations and academia will discuss the spectrum of social challenges facing China’s migrant workers: from educating children to women’s issues to securing coveted residential permits. Panelists will contrast living conditions between older migrant workers and the current generation, and describe legal remedies available to this community.

DATE: Sept 29, 2010
TIME: 10:00am-12:00pm
VENUE: Beijing Marriott Hotel Northeast | 26A Xiao Yun Road, Chao Yang District, Beijing 100125
REGISTRATION: Please register at
ENTRANCE: free to members, 50 RMB on the door to non-members

Chen Xin is director of the Youth and Social Issues Studies Department of the Chinese Academy of Social Sciences. He has 16 years of academic experience in rural development and migrant workers’ issues.

Richard Huang, professor at Renmin University in Beijing, is a spiritual anthropologist.

Li Tao in 2003 founded Facilitator NGO, which in the past 7 years has been providing various support and education to migrant workers and their children in Beijing and southern China. He is a former journalist.

Shen Yajing (Akina) is director of development at the nonprofit Compassion for Migrant Children (CMC). She is from western China and received both her Bachelor’s and Master’s Degrees at the College of Development and Humanities in Beijing. Akina worked with both the China Federation of Poverty Alleviation and China Salvation Army before joining CMC.

Zhang Huimin is CMC’s director of programs. In 2007, Huimin earned her M.Sc. in development studies from the Asian Institute of Technology, under a Ford Foundation scholarship, and currently is a M.A. candidate in Development and Gender for Institute of Development Studies, University of Sussex in the UK.


Sunday, September 26, 2010

Capitalism With(out) Chinese Characteristics

September 28, Tuesday, 7.30 pm

CAPITALISM WITH(OUT) CHINESE CHARACTERISTICS? Corruption & Vested Interest in Today's China
With KATE WESTGARTH, Team Leader, China Coordination Team, Foreign Office, UK

The Bridge Cafe
Beijing, Chengfulu, building n. 12, room n. 8


Organized by ThinkIN China
Partnership: China Files (

Saturday, September 25, 2010

Dedicato ai rom…

Li odiamo perché dall’Est Europa non può venire niente di buono.
Li odiamo perché quando li massacravano nei campi di sterminio tedeschi non hanno rotto i coglioni. A differenza di altri.
Li odiamo perché sono diversi. Sul serio.
Li odiamo perché puzzano e non comprano profumi Dior.
Li odiamo perché li abbiamo visti rubare al supermercato, mentre a noi non è mai riuscito farlo.
Li odiamo perché sin da bambini ci hanno raccontato che rubano bambini.
Li odiamo perché alle loro feste si balla e ci si diverte davvero. A noi invece restano solo le discoteche, i cocktails e l’estasi artificiale.
Li odiamo perché i loro bambini sorridono mentre i nostri sono occupati di fronte al televisore.
Li odiamo perché non pagano le tasse e non vanno a scuola.
Li odiamo perché sono divini col violino.
Li odiamo soprattutto perché sono liberi e noi no. E come recita quella canzone dei Punkreas “girovagare per il mondo / restare in movimento / non può che fare rabbia / a chi si sente in gabbia”.

Friday, September 24, 2010

Proselitismo bastardo

Mi ricollego un po' a questo articolo di Andrea Pira su ChinaFiles:

E riporto le mia esperienza diretta:

Da diversi anni nel campus dell'università in cui studio (la Renmin University, per gli amici "RenDa") ogni venerdì sera c'è ciò che chiamano l'English Corner. In un piccolo parco non distante dall'entrata est, svariate decine di studenti stranieri e cinesi si incontrano per parlare del più e del meno e lo fanno in lingua inglese. Per i cinesi è un modo per esercitare il loro inglese, per gli stranieri un modo per fare conoscenze.

Non mi sono mai interessato, ma da quanto ne so l'English Corner della RenDa è diventato una specie di istituzione: studenti (e non solo) da ogni università pechinese si presentano qui puntualmente il venerdì sera per colloquiare in inglese. Il fatto è che quasi non ci sono stranieri e gli studenti cinesi finiscono a chiacchiere tra loro. In inglese.

Ridicolo o meno, non mi sono mai interessato, dicevo. Non per cattiveria, è solo che il venerdì sera ho sempre qualcosa di meglio da fare (come ogni occidentale a Pechino).

Stasera invece strappo alla regola: vado all'English Corner. Entro nel parco e trovo il solito centinaio di studenti cinesi raggruppati a parlare cinese. Noto anche un paio di occidentali. Grassa serata! Vengo subito rapito da un giovane cinese dello Shangdong che lavora a Pechino, poi da un ex docente della RenDa, infine da una studentessa della BeiHang, l'università di aeronautica. Conversazioni piacevoli, specialmente il professore, pechinese doc, attivista nel campo ambientale.

La mia attenzione è però rivolta da uno strano individuo: uno yankee panzuto in camicetta bianca che emerge dalla folla in piedi su uno sgabello con una lavagnetta Apple luminosa in mano. Incuriosito mi avvicino. Non sono l'unico: ha una trentina di cinesi attorno a sé. E un bambino seduto sullo sgabello. L'americano illustra in un inglese calmo e rilassato la teoria dell'evoluzione. No, non Darwin, ma il leone che mangia la gazzella e il polizotto che arresta una prostituta. Io ascolto sempre più allibito, molti cinesi se ne vanno ma molti altri arrivano.

Poco dopo capisco: proselitismo cristiano! Che tristezza infinta! E' uno dei quei cosi che trovate anche in Italia, quei giovani ragazzi biondi yankee ben vestiti che fanno proselitismo di religioni talmente commerciali che solo dal ventre del cristianesimo potevano esser vomitate. Come li chiamate in Italia? Lucumoni? Mormoni? Protestanti? Ecco, una roba del genere.

Una vergogna che l'imperialismo religioso yankee sfrutti questo angolo linguisico-culturale di una delle migliori università cinesi per fare proselitismo protestante! Vero che il tipo ha visto giusto: da quanto mi hanno detto degli studenti cinesi, viene ogni venerdì (dev'essere sempre venerdì "santo" per lui!), puntuale col suo sgabello e microfono da tre anni a questa parte, sicuro di trovare decine di giovani cinesi pronti ad ascoltarlo. Non nelle vesti di altoparlante di Dio ma di professore di inglese. Macchina commerciale infallibile! Fosse in Italia Berlusconi l'avrebbe già impiegato in qualche losco affare.

E il bambino sullo sgabello? Suo figlio. Da moglie cinese. Ravioli cinesi e Bibbia a colazione. Vergogna davvero. Fuori il Dio cristiano dall'università cazzo, almeno in Cina! Non dico al Vaticano, ma almeno in Cina fuori dalle palle per favore! Ho aspettato decine di minuti sentendo le sue stronzate in attesa di qualche guardia armata cinese che venisse ad informarlo "In Cina non tolleriamo questo genere di stronzate!". Ma non è venuto nessuno.

Mi sono consolato, una volta tornato al dormitorio, con un amico coreano che mi fa: "Sai perché odio il Vaticano?". No, non lo so, ma di motivi certo non mancano! penso io. Invece odia il Vaticano perché giocando a non so quale stupido gioco di strategia militare medievale alla PlayStation sceglie come "squadra" l'impero turco ed è sempre attaccato dallo Stato del Papa al grido di "Guerra Santa!". Non sai mai se ridere o piangere in situazioni del genere...

Non mainstream…

Chinese and foreign post-90s generation fei zhu liu photographed on the streets. An unusual of aesthetic.

(Fiezhuliu means “non mainstream”)

And here the best comments ever:

1) There will always be mental retards!!!

2) They really have socialist characteristics!

3) As I always say: The gun is good, the penis is evil. See what the results of the penis are? While some good cop can gun those idiots down...

Source (and more pictures!): ChinaSmack

Guerra e campagna cinese



(originale da

"Uno studioso americano che si occupa della popolazione rurale cinese ritiene che attualmente la tipologia della popolazione rurale sia molto simile a quella dei periodi di guerra: in campagna sono rimasti gli anziani, le donne e i bambini, mentre la maggior parte degli uomini lavorano lontano"

Han Jun, General Director of the Department of Rural Economics Research, Development Research Center, State Council. 24 febbraio 2010.

(traduzione da

Lavoro e sindacato in Cina

Il tema del lavoro, visti anche i recenti scioperi di cui si sono occupati media cinesi e mondiali, è uno degli aspetti più caldi e interessanti offerti dalla Cina contemporanea. Insieme all'informazione su scioperi e lavoratori, raramente si hanno notizie più precise, di prima mano, sull'evoluzione, i numeri e le ragioni delle proteste, così come spesso alcuni argomenti, come ad esempio la vita del sindacato cinese viene catalogato all'interno delle “anomalie” del sistema, senza un'analisi che ne approfondisca gli elementi salienti.

Per questo pubblichiamo di seguito un report prodotto dal China Labour Bulletin riguardo la storia e problematiche del sindacato in Cina, l'Acftu, negli ultimi vent'anni. E' un primo report di altri del CLB che verranno pubblicati su China-Files.

CLB è una ong con base a HK, che da tempo, dal 1994, si occupa del tema lavoro in Cina, producendo periodicamente dei rapporti su tutto quanto è attinente al mondo del lavoro in Cina. Riteniamo che il documento segni il passo in termini di analisi e riferimenti, attraversando la vita del sindacato cinese dalla visuale dei lavoratori e delle loro aspettative.

(dal sito di China Files)

Gli ultimi vent'anni del sindacato cinese (prima parte)
DI CLB (traduzione di Denise Perron)

Gli ultimi vent'anni del sindacato cinese (seconda parte)
DI CLB (traduzione di Denise Perron)

Wednesday, September 22, 2010


Arte contro le pellicce

Design Against Fur (DAF)




出席仪式的嘉宾有中国人民大学艺术学院的副院长徐唯辛教授、设计系主任祝东平教授和其他领导,专程从瑞士来京的著名电影导演和瑞士动物保护协会首席代表Mark Rissi先生,中央美术学院第七工作室导师肖勇先生, DAF中国赛区主管张洋先生,网易公益频道负责人魏敏倩女士等。


下午两点,DAF中国赛区高校文化交流活动之专题讲座──《视觉设计­─教学与实践》于中国人民大学艺术学院开讲,主讲人中央美术学院第七工作室导师、 国际平面设计联合会ICOGRADA 副主席肖勇先生首先作为大赛评委代表对2010年DAF部分获奖作品进行了精彩点评,其后围绕自己的代表作品和教育教学实践,讲述设计和设计师职业规划等丰富精彩的内容,给在场的三百多名高校师生带来了启发。


中秋节快乐呗!Happy Mid-Autumn Festival!

Tuesday, September 21, 2010

120专家认定曹操墓真实 E' la tomba di Cao Cao o no!?

"A follow-up on the Global Times report that a tomb, discovered near Anyang in Dec. 2009 and purported to that of Cao Cao's, was declared to be fake by a panel of 23 experts & scholars at the National High-Level Forum on Culture of the Three Kingdoms Period held in Suzhou in late August 2010.

According to a Sept. 20 story in Southern Daily

120 experts and scholars visited the site and convened a forum under the chairmanship of Bai Yunxiang, deputy director of the Institute of Archaeology of the Chinese Academy of Social Sciences. The consensus is that the tomb is indeed that of Cao Cao's."

Xinjiang jade trade

Jade From China¹s West Surpasses Gold in Value

Sunday, September 19, 2010

Culture is a Crowded Bridge 文化:一座拥挤的桥梁


2010年7月14日至18日,两年一度的第18界欧洲汉学学会双年会(XVIII Biennial Conference of the European Association of Chinese Studies (EACS))在拉脱维亚首都里加召开。来自欧洲各国以及世界其他地方的200多位汉学家、中国研究学者参加了本次盛会。

此次双年会的主题是“文化:一座拥挤的桥梁”(Culture is a Crowded Bridge),其意一在展示中国文化桥梁一般的独特性和丰富性,二在为各国学者认识、了解中国文化提供一条珍贵的通道。俄罗斯圣彼得堡东方文献研究所伊琳娜·波波娃(Irina Fedorovna Popova)教授在会上发表了主题演讲。按照研究的专业领域,会议提交论文被划分为语言学与文字、宗教与哲学、艺术与考古、古代文学、现代文学、古代史、现代史、政治与国际关系、当代经济与社会、法律、人类学与社会学、性别、环境与生态、表演艺术与媒体、汉语教学、翻译与诠释,及其他等17个大类。这些论文几乎涵盖了传统汉学和当代中国研究的所有领域,反映出当前欧洲乃至国际汉学界的研究热点、方法应用和所取得的成果。在3天的主会期内共进行9场次分组会议,每场次分组会又包括6-9个小组会议,与会者依据其研究领域参加各专业的小组会议。此外,本次双年会还召开了一次汉学图书馆和数字资源圆桌会议,并为各国学者的最新著作设立了专门的展览。


XVIII Biennial Conference of the European Association of Chinese Studies (EACS)
Riga, July 14th – July 18th 2010

The key for the 18th EACS conference was found in the image of the bridge as a man-made intersection that attracts, bundles and releases a diversity of destinations. Approaching a bridge one often becomes attracted by its uniqueness. No bridge can be doubled because each is the only connection between two spots on the shores of transient time. Each is constructed, some are destroyed by men, some are overthrown by urgent floods, and others remain bizarre spots in wastelands once forgotten by most travelers. Chinese culture, in the most comprehensive sense of the word, holds a manifold abundance of such often quite unsimilar bridges. One of them is currently built in the Baltics and visiting the EACS in Riga you will have a chance to meet some of the pioneers anchoring its first pillars.



2010年7月5日至6日,由北京外国语大学、英国牛津大学和德国自由柏林大学共同举办,福特基金会、北京外国语大学和柏林自由大学资助的“国际妇女研究和中国妇女组织:回顾过去,展望未来国际学术研讨会”(Chinese Women Organizing: Looking Back, Looking Forward)在北京召开。

英国牛津大学社会性别中心主任叶玛丽(Maria Jaschok)、德国柏林自由大学东亚研究所教授柯兰君(Bettina Gransow)、全国妇联中国妇女研究所副所长刘伯红、北京外国语大学社会性别与全球问题研究中心主任金莉,以及福特基金会纽约总部的苏珊·赛斯科(Susan Stryker)博士、福特基金会北京办事处首席代表费约翰(John Fitzgerald)教授等来自7个国家的40余位国内外学者出席了研讨会。叶玛丽教授、米晓琳教授(哥本哈根大学),和刘伯红研究员先后在研讨会上发表主旨演讲,对中国妇女组织和妇女研究10年来的发展进行了回顾和展望。在随后的专场讨论中,与会学者围绕着中国民间妇女组织的发展、中国妇联组织的发展、历史上的中国妇女组织、中国妇女组织与国际妇女运动、社会性别与国际政治、女性主义新的知识和研究方法等六个议题,宣读各自的最新研究成果,并展开热烈的讨论。

本次会议是1999年7月在牛津召开的“中国妇女组织研讨会”的延续,其会议论文后于2001年由英国博格出版社(Berg Publishers)结集出版,书名《中国妇女组织》(Chinese Women Organizing: Cadres, Feminists, Muslims, Queers)


«A bas l'impérialisme japonais!»

«D'une part, nous protestons contre le Japon, d'autre part nous voulons rappeler à l'ordre le gouvernement chinois. Il a besoin du soutien du peuple pour affermir sa réplique, et là nous le lui apportons!»

Source: Libération

Saturday, September 18, 2010

Epilogue 尾声

Friday, September 17, 2010

Fuori 27! Consuete riflessioni...

Pechino oggi si sveglia dopo una notte di pioggia e uno sbalzo di temperatura di almeno dieci gradi: è arrivato l’autunno! Se ieri ancora gironzolavamo per il campus in T-shirt ed infradito, oggi tiriamo fuori felpe e jeans.

E io mi preparo ad affrontare l’ennesimo compleanno, il mio ventottesimo. Come ogni anno, da tradizione, mi fermo un attimo per alcune riflessioni…

Festeggio (cosa c’è da festeggiare? Nulla. Ma la vita è breve e un compleanno è sempre un’ottima scusa per berci su e farlo in compagnia) il 17 settembre (venerdì, in culo alla scaramanzia!) anche se sono nato il 19. Dicono che non si festeggiano i compleanni prima, porta sfiga. Stronzate. Se muoio nei prossimi due giorni potrò dire di aver festeggiato i miei ventotto anni senza averli ancora compiuti. Sono un genio! :)

Questo ventisettesimo anno di vita è stato probabilmente il più duro, per il semplice fatto che è stato quello dove mi sono trovato a rimettere in discussione tutto. Tutto ciò che pensavo mi desse piacere e soddisfazione nella vita si è rivelato più deludente e frustrante del previsto. E dunque punto a capo.

Ci sta. È la vita. Ma ti senti come se nascessi per la seconda volta, costretto a reinventarti tutto senza però l’emozione del nuovo e del diverso. Una bella seccatura. È come sentirsi vecchi e aver rinunciato ad ogni ideale di lotta e cambiamento. Sono stati giorni duri davvero, questi dei mei ventisette anni.

Chissà cosa mi prospetta il domani… viaggi? Rivoluzioni? Figli? Morte? Non so e sinceramente me ne frega sempre di meno. Fino a poco tempo fa avevo come unico obiettivo la libertà personale, ora purtroppo non mi interessa neanche più troppo di quella. La venderei volentieri al primo che passa, se non fossi tanto pigro come invece sono e resto.

Bene, detto questo, tutti in strada alla ricerca di bar dove gozzovigliare fino all’alba! La notte è giovane e noi non abbiamo paura del freddo!

“come mi hai potuto stimare tanto credula da convincermi che ero al mondo solo per assecondare i tuoi capricci? No! Io ho potuto vivere nella schiavitù, ma sono rimasta sempre libera: ho riformato le tue leggi su quella della natura, e la mia anima si è sempre mantenuta indipendente”
Montesquieu, “Lettere persiane”

Smegma Riot in tour!

SMEGMA RIOT, "Vaffantour! 2010"

25 SEPTEMBER 2010 Beijing (2 Kolegas)
26 SEPTEMBER 2010 Tianjin (Club 13
29 SEPTEMBER 2010 Shanghai (Yun Yintai)
30 SEPTEMBER 2010 Shanghai (Logo)
4 OCTOBER Dali (Bad Monkey)
6 OCTOBER Shuhe (Mamma Mia!)
8 OCTOBER Kunming (Laba Jiuba)
14 OCTOBER Hong Kong (School of rock)
15 OCTOBER Zhuhai
16 OCTOBER Guangzhou (191 Space)
22 OCTOBER Shenzhen (Base Bar)
23 OCTOBER Macao






on tour with us




and also news

and more news about the documentary

Thursday, September 16, 2010

Ne faccio 28... e allora festa!!!

I'm glad to invite all of you to join my birthday party on Friday, September the 17th, 9.30 pm, at RUGUO (IF) Bar (Gulou Dongdajie, Beiluoguxiang, 67). Please feel free to bring your friends and music. Presents are not allowed :)

可以随意带来朋友和自己喜欢的音乐,不用送礼物,不见不散! :)

Tuesday, September 14, 2010

Nasce GruCA, balliamoci su!!

Venerdì 17 settembre ore 22:00 nello spiazzo di Fonte Maggiore (Macerata) ci sarà un concerto per inaugurare la nostra associazione GruCA Onlus.

Suoneranno i Rocko and the Rolls, i Solo Per Adulti e i Tagliabuio.

La serata si concluderà con Sweet Teddy dj set.

Siete tutti invitati! E bevetevi una birra a testa da parte mia che sarò impegnato a Pechino con le formalità della mia festa di compleanno! :)

GruCA Onlus
Via Cioci 107, 62100 Macerata
Tel. 0733 1776042 -- +39 333 5830881
Fax. 0733 1771044

Vietato fare l'elemosina

Metropolitana di Pechino, quinto girone dell'Inferno. Tempo fa scrissi come, secondo me, negli ultimi mesi il numero di mendicanti nei vagoni delle linee metropolitane era incrementato notevolmente. Ho notato stamattina che tra i video "pubblicità pogresso" all'interno dei vagoni ve ne è uno che invita a non dare soldi a chi chiede l'elemosina. Ovvero, vietato lasciare monete ai mendicanti. Vietato come è vietato attaccare pubblicità. Immagino che se un tipo è beccato ad appendere pubblicità abusiva nei finestrini della metro si prende una bella multa. Chissà se multano anche chi fa elemosina...

Monday, September 13, 2010

Morale matrimoniale

"Come in grammatica due negazioni costituiscono un'affermazione, così nella morale matrimoniale due prostituzioni fanno una virtù"

Charles Fourier, "Théorie de l'unité universelle"

China Files all'Hong Kong Arts Centre

Il video di China Files "Aids is not gay", selezionato dall'Hong Kong Arts Centre per una rassegna sul tema.

"Aids is not gay"

During the World Day against Aids, China-Files interviews some homosexual chinese people about gay life, troubles, government issues and Aids in China

China Files, reports from China

Né guerra né patria

"[...] se tu insisti nel voler combattere per proteggere me o la 'nostra patria', mettiamo bene in chiaro, a tu per tu, lucidamente e razionalmente, che tu stai combattendo per gratificare un istinto sessuale che io non condivido; per conquistare vantaggi che io non ho mai condiviso e probabilmente mai condividerò [...]. Perché, dirà l'estranea, 'io in quanto donna non ho patria. In quanto donna, la mia patria è il mondo intero'"

Virginia Woolf


Football Brawl: Beijing Guo An vs. Singapore Young Lions
Source: ChinaSmack

"I like Chinese football, because it brings me endless amusement."

Saturday, September 11, 2010

"Noi abbiamo da imparare"

Vi prego guardate questo video della delegazione dell'Ordine dei giornalisti italiani intervistati da China Radio International... Capirete molto della Cina di oggi e dell'informazione in Italia. Credevo avessero abolito la schiavitù...

Provo vergogna da italiano e disdegno da sinologo.

A remote freelance writer position for china adventure tour

If you like writing about Travel, China, Outdoor Adventure, and Life in Beijing this may be a great opportunity for you.

CnAdventure, China’s top-rated adventure travel company is seeking regular writers for our blog. (

The main theme of our blog is as follows:
A blog about hiking, biking, camping, trekking, horseback riding, sightseeing, culture and all other adventure travel in China from the passionate, adventure-loving staff of CnAdventure. We are the top-rated adventure travel company in China and are hopelessly and proudly addicted to the great outdoors. Check out our non-profit Beijing Outdoor Hiking Club if you are in town and want to come on one of our hikes as well!

Some of our past articles have included talking about the best places to rock-climb in Yangshuo, visiting the 798 district, things to do in Xi’an, experiencing Chinese Hot Pot, Reasons to Visit China, and the best China Provinces for Cyclers.
We’re looking for writers of various styles, ideas, and passions. Whether you prefer to write about experiences from your travels in China or simply about Mountaineering and Hiking in general, we are open to many ideas.

This is a remote freelance position. You can work from the comfort your own home or coffee shop.
If you are interested please send over a writing sample. Also list 4-5 artricle ideas you have with a brief 1-2 sentence description for possible posts.

The pay per article is negotiable. We have a price rate in mind but please let us know your general rate based on how many articles you’d be interested in writing per month.

Please send your information or any questions to Jenny . You can reach her at .

We look forward to hearing from you
The CnAdventure Team

Source: The Beijinger

Friday, September 10, 2010

Bentornato a Pechino! Bentornato un cazzo...

Aneddoti dei giorni nostri...

1)Passeggiare in accappatoio mentre il presidente Hu Jintao è in visita nel tuo campus universitario

Mercoledì mattina, telefonata dall'ufficio studenti stranieri: "Daniele, domani pomeriggio sei libero? Dovresti venire a far parte di una delegazione di studenti stranieri per un'attività". "Mi dispiace, sono impegnato". L'impegno era una partita di calcetto con gli amici.
Giovedì pomeriggio: torno strasudato e incazzato dalla partita di calcetto persa per 10 a 2 (avevano un bomber romeno che sembrava il Bierhoff dei tempi d'oro). Nel dormitorio l'ascensore è rotto e per aggiustarlo i tecnici hanno tolto l'elettricità a tutto l'edificio. E per l'acqua calda bisogna aspettare almeno quattro ore. Siedo dunque in camera bestemmiando e aspettando che luce o acqua calda facciano ritorno. Per fortuna il mio angelo custode coreano mi chiama al cellulare: "Un mio amico ci presta la stanza per farci una doccia all'altro dormitorio". L'altro dormitorio sarebbe quello dove stanno i ricchi coreani, non distante da questo. Fatta la doccia, esco in infradito e accappatoio in strada. Mi raggiunge un'amica vietnamita e mi fa: "Perché non sei venuto?! C'era il presidente Hu Jintao in visita all'università!".
Ora mi spiego gli ingressi del campus bloccati e tutta quella polizia in giro. Dicono che sia passato giusto tre secondi in auto, col suo classico sorrisetto plastico e la manina che lenta si agita, tra studenti cinesi in visibilio e stranieri annoiati.
Tra un accappatoio con infradito e il presidente della nazione ormai più potente al mondo non ho dubbi quale scegliere...

2) Chinese way... ora comincio a diventare intollerante anche io

Tornando al tema del dormitorio... quello in cui vivo è stato costruito negli anni settanta. E' vecchio, malridotto, si rompe sempre tutto. Tuttavia a noi studenti piace ormai come è. Lo scorso anno invece hanno deciso che era ora di metterlo a nuovo e a norme di sicurezza. Buuuu!! Fascisti!! Borghesi!! E via dicendo. Fatto sta che a giugno ci han cacciati tutti via, obbligandoci a impacchettare tutte le nostre cose e sgomberare. Hanno passato l'estate a fare i lavori.
Risultato: tolti i muri imbiancati e le porte del cesso rifatte mi sembra che poco sia cambiato. Anzi, direi peggiorato. E' la ristrutturazione con caratteristiche cinesi. Sono qui da tre giorni e già:
- l'ascensore funziona due ore sì e dieci no;
- il bagno (adiacente alle docce) è sempre allegato;
- luce e connessione internet vanno e vengono;
- maschi e femmine sono stati divisi in piani diversi, così capita che per farti una scopata devi anche farti cinque piani di scale (a piedi, ovviamente);
- le lavatrici sono state tolte e rimpiazzate con quelle nuove non ancora attaccate al tubo di scarico, dunque inutilizzabili;
- l'odore tossico di vernice costringe i topi ad entrare nelle stanze degli studenti;

e dulcis in fundo

- dato che da anni troppi maschietti portavano prostitute cinesi nel dormitorio ad ogni ora della giornata (con tanto di festini che spesso terminavano con l'arrivo della polizia), quest'anno hanno ben pensato di chiudere il dormitorio dalle 24.00 alle 6.00 con tanto di catenaccio e raddoppio di guardia. Ora noi studenti dobbiamo svegliare l'anziano guardiano ogni volta che usciamo di notte e firmare un foglio. Dio salvi la sicurezza con caratteristiche cinesi! L'altra sera sono tornato verso le tre, il catenaccio era aperto, la guardia quindicenne dormiva con le scarpe sul divano nuovo di pacca dove di giorno si accomodano gli ospiti, i due anziani guardiani sonnecchiavano dietro la reception con una sigaretta ancora accesa sotto il cartello "Vietato fumare". Avrei anche firmato il foglio, ma mi dispiaceva svegliarli. Dio benedica davvero la sicurezza con caratteristiche cinesi!

3) Il bagno senza bagno

"Bagno" in cinese si dice in cento modi diversi (come ogni altra parola in cinese). Quando ti chiedono "Come si dice XXXX in cinese?" rispondi tranquillo "Dipende!". Tornando al bagno, sulla porta della toilet del decimo piano c'è scritto "NANXISHOUJIAN" (XISHOUJIAN è uno dei modi per dire "bagno"). NAN significa "maschio", XI "lavare", "SHOU" "mano", JIAN "spazio", quindi "spazio dove ci si lavano le mano per maschi", ovvero "bagno degli uomini". Peccato che dentro non ci sia neanche un cazzo di lavandino, ma solo tre cacatoi e due pisciatoi.
Non ne posso più di vivere in Cina...

Parafrasando, "voglia de scrive la tesi sartame addosso e famme scrive più che posso!"

"Non vogliamo un posto nella società ma una società dove valga la pena avere un posto"
(motto studentesco francese negli anni della contestazione)

Il dottorato in sociologia...

"non ho rapporti con i proletari...
soltanto a tarda notte lungo i viali"

Francesco Guccini, "Il sociale e l'antisociale"

Thursday, September 09, 2010

An interview with Sidney Rittenberg

"Sidney Rittenberg (August 14, 1921; Chinese name: Lǐ Dūnbái 李敦白) is an American interpreter and scholar who lived in China from 1944 to 1979. He worked closely with People's Republic of China (PRC) founder Mao Zedong, military leader Zhu De, statesman Zhou Enlai, and other leaders of the Communist party during the war, and was with these central Communist leaders at Yan'an. He witnessed first-hand much of what occurred at upper levels of the CCP and knew many of its leaders personally. Later, he was imprisoned in solitary confinement, twice, for a total of 16 years. He was the first American citizen to join the Chinese Communist Party (CCP)."
Source: Wikipedia

Video on The Economist:

Or on Youtube:

Wednesday, September 08, 2010

Incontro: calligrafia cinese e linguaggio segreto delle donne

L'Associazione Lucrezia Marinelli
l'Associazione piacere dell'inchiostro

organizzano per SABATO 18 SETTEMBRE
ore 18, Circolo della Rosa, via Pietro Calvi 29, Milano

la proiezione
del cortometraggio "CARATTERI", di Eleonora Bellini
e del documentario "NV SHU. Il linguaggio segreto delle donne", di Yang Yueqing

Si parlerà della calligrafia cinese che l'Ass. YUEMO intente diffondere a MILANO
Si parlerà anche della scrittura segreta delle donne (NVSHU) di cui VIA DOGANA, la rivista politica della Libreria delle Donne si è occupata anni fa.

Maggiori info:

(Grazie a Laura per la segnalazione)

Il Dio dei bambini

“E non mi stancherò mai di denunciare una stortura, tacitamente accettata, di etichettare i bambini in base alle credenze religiose dei genitori. […] Non esiste il bambino cristiano; esiste solo il figlio di genitori cristiani. Cercate di ficcarvelo in testa”

Richard Dawkins, “L’illusione di Dio”

Tuesday, September 07, 2010

Questione di cuochi...

"La democrazia in Occidente è una mensa dove i clienti selezionano il cuoco, ma non i piatti che serve. In Cina invece cucina sempre la stessa persona e i clienti scelgono cosa mangiare da un ricco menù"

Fang Ning, politologo cinese

Scomode verità

"Per noi occidentali la verità è durissima da digerire. Per modernizzare la Cina, Deng ha gettato le fondamenta di un sistema di sfruttamento della manodopera, è vero, ma chi ha ricreato nel Paese condizioni inumane della Rivoluzione industriale sono stati i nostri democratici imprenditori"

Loretta Napoleoni, da "Maonomics"

Saturday, September 04, 2010

Sulla via per Pechino...

Eh già. Questi due mesi di relax maceratese sono volati via. C'era da aspettarselo. C'è già un aereo che mi aspetta a Fiumicino direzione Pechino. La verità è che non ne posso più di Pechino. Riparto con un entusiasmo sotto le scarpe. Effetto sorpresa pari a zero. Nessuna emozione. Anzi. Se cascasse l'aereo mi dispiacerebbe solo per mia madre.

In questi due mesi ho conosciuto la vecchiaia. Ho scoperto che la gente invecchia. E molto anche. Nonni, zii, parenti... Ogni anno che passa è come se per loro ne passassero dieci. Li ricordi da piccolo grandi e forti, i genitori dei tuoi genitori, i genitori dei genitori dei tuoi amici... Ora sono fragili piccoli uomini canuti traballanti fissati ad una sedia a rotelle con una romena accanto. A stento provo a sorridere. Provo solo pena. Non per loro. Ma per la vita in generale. Niente di che, è solo la vita. Appunto. Il timore è di finire così. Tempo fa un'amica mi ha detto che dopo i cinquant'anni si inizia a morire sul serio. Se non finisci con un tumore finisci con l'Alzheimer. Credo sia importante finirla. Per non finire su un lettino con una romena accanto. Non ho nulla contro le romene. E' il lettino sul quale poggi scheletrico, con la testa che non ci fa più. Tenuto in vita da medicine che fanno arricchire le case farmaceutiche e da una romena che ti aiuta a pisciare e mangiare. Molto più dignitosa la morte. Spero di non cambiare idea nel corso degli anni.

Pronti per l'ennesimo anno (il sesto? il settimo? ho perso il conto!) in Cina. Un anno sono trecentosessantacinque giorni. Hai detto cazzo. Un anno di smog, grattacieli, cielo grigio, metropolitane affollate, migranti ai lati della strada, odiosissimi borghesi occidentali, sigarette a due lire...
In questi due mesi oltre ad aver scoperto la vecchiaia ho anche scoperto il concetto di "qualità della vita". L'ho scoperto osservando la campagna maceratese e la vita della gente che vi abita. Come cazzo siamo finiti a Pechino!?
Mi mancheranno troppe cose... la pizza fatta in casa, il pane col prosciutto, il vino cotto, il mistrà Varnelli, il pulirsi le mani sulla tovaglia, i bar di anziani e punkabbestia con cane, i concertini in piazza, i Pistacoppi suonare il Saltarello, il cielo azzurro (perché Madre Natura il cielo l'ha creato azzurro, sono i cinesi ad averlo pitturato di grigio), la campagna colorata, la passeggiata al bosco, gli uccelli che cinguettando accompagnano la giornata (e non il chaos di auto e martelli pneumatici), il mare a venti chilometri, le chiacchierate con i vecchi di paese, l'affetto di amici e parenti. Mi mancheranno troppe cose. Spero solo di arrivare vivo alla prossima estate.

Come cazzo siamo finiti a Pechino!?

Un saluto a tutte le persone che hanno reso speciale quest'estate maceratese. In bocca al lupo gente!

Mi mancherà tutto questo...


Un breve video reportage dai campi profughi nel deserto del Sahara realizzato dal fotoreporter Christian Tasso e altri giovanissimi maceratesi. Merita davvero.


Friday, September 03, 2010

Liberté de circulation pour les migrant-e-s

Ferro e vino

"Mi deseo era destruir la sociedad burguesa, a la cual el anarquismo tiene declarada la guerra abierta; y me propuse atacar la organización actual de la sociedad para implantar el comunismo anárquico. No me propuse matar a unas personas determinadas. Me era indiferente matar a unós o a otros. Mi deseo consistía en sembrar el terror y el espanto"

Santiago Salvador Franch (1862-1894)

"Ferro e vino voglio io
Il ferro per uccidere i tiranni,
Il vin per celebrarne il funeral"

Dal libro "Gli anarchici", di Cesare Lombroso (1894)