Saturday, March 31, 2007

Morti bianche cinesi nascoste

Source: Asia News Online

Beijing: six workers condemned to death to cover up an accident
According to numerous Chinese blogs, the Capital’s government tried to cover up the collapse of one of the capital’s new underground lines, which occurred three days ago, and so far has done nothing to try to save the six construction workers still missing. Building workers mobile phones are sequestered.
Authorities from a Beijing construction site have hidden news of a grave accident for over three days. Their delay in giving the news and in coming to the aid of workers has condemned six men trapped in the subway collapse.
The collapse took place on the morning of March 28th near to Haidian University. News of the accident only appeared this morning, in which the “disappearance” of these 6 workers is reported.
Immediately after the collapse, the authorities – instead of calling help – closet down the construction site and sequestered the workers mobile phones to prevent them communicating news of the event with the outside. One of the construction workers however, succeeded in smuggling his out but had to call friends in the central Henan province to report the incident, fearing that Beijing would black out the news. Following his call the story spread like wildfire, forcing the government to admit today to the event.
Different Chinese blogs are commenting on the dynamics of the accident in Beijing’s new subway tunnel, under construction in view of the upcoming Olympics. According to Internet users, the City Authority is responsible for the death of six workers.
The subway tunnel is to connect the University area with the Imperial palace. Construction on the tunnel, which should be completed in time for the opening of the Games, continue at high speed – which according to experts – has led to even the most basic security measures being ignored. According to Xinhua, last year an astounding 1300 people have died in work related incidents in Beijing in the last year alone

Lotta all'Aids


Immagine e didascalia: Repubblica Online

"Perverso è solo chi non usa il profilattico". La notizia: "Nel 2010 saranno 150 milioni i malati di Aids nel mondo"


Torino, 2007


Cina, 2006


Kenya, 2003


Macerata, 1999


Porto Recanati (MC), 1984

Thursday, March 29, 2007

Mi chiedo se sia più Medioevo da noi o in Thailandia...


Thailandia, Oliver Rudolf Jufer, 57 anni originario della Svizzera, è stato condannato dal tribunale della provincia di Chang Mai, 700 chilometri a nord di Bangkok, a dieci anni di reclusione per 'lesa maestà', un reato di solito non applicato agli stranieri. La corte aveva disposto una condanna a 20 anni, ma alla fine la pena è stata ridotta alla metà perché l'uomo ha patteggiato riconoscendo di aver sporcato con dello spray alcune foto del re dopo essersi ubriacato
Fonte e foto: Repubblica Online

在中国的麦当劳和肯德基不尊重工人的权利! 拆麦当劳肯德基吧!!


Source: Asia News Online


Chinese workers for McDonald's, Kentucky Fried Chicken and Pizza-Hut are underpaid
A Chinese daily paper affirms that the American Food store Giants pay their part time workers below the statutory minimum wage. Staff are forced to work 10 straight hours without breaks or rights. Following the newspaper report the government carries out an investigation, calling on the companies to collaborate, while many employees announce their intention to sue.

Five/six Yuan (65/77 cents) an hour: that’s the pay that American Food giants McDonald’s, Kentucky Fried Chicken (KFC) and Pizza-Hut are giving top art-time employees in China. And now they intend to sue. The claims were reported by the New Express Daily in Guangzhou following months of investigation which revealed that the three companies paid part time staff well below the minimum wage and moreover made them work full time hours without recognising any of their rights.
The report said its reporters, disguised as job applicants, found that McDonald's paid part-time employees 5.3 Yuan per hour in Guangzhou, 5.1 Yuan in Dongguan and "more than five Yuan" in Shenzhen. The report also said that Pizza Hut in Guangzhou offered 5.8 Yuan per hour to part-time workers while KFC paid 5.5 Yuan. According to Guangdong's minimum wage laws, employers must pay part-time staff no less than 7.5 Yuan per hour in big cities such as Guangzhou, 6.6 Yuan in medium-sized cities such as Dongguan and Zhuhai and 5.8 Yuan in small cities. But the minimum wage varies in different areas: For example, Beijing has set a minimum wage about 550 Yuan per month, while the economic hub Shanghai has a minimum wage about 650 Yuan.
The paper interviewed some of the workers. A university student working part-time in a McDonald's outlet in Guangzhou was quoted as saying she had worked as long as 10 hours a day and that a lunch break was not included. “We had to keep running around all the time and had no opportunity to stop," she complained to the newspaper. "We felt we were seriously exploited”. Wang Huapinq, co-author of the report, says that about 70% of the part time staff are students and asked “how can they be expected to study after working these massacrating hours”.
According to the mainland's labour laws, employees who work more than five hours a day and 30 hours a week should be treated as full-time staff and employers must pay them all relevant benefits. But KFC and Pizza-Hut offered unfair terms in their working agreements to part time workers denying them these rights by law.
According to official data, McDonald’s and KFC have nearly 3,000 outlets all over China and a work force of nearly 200,000. In a declaration released today McDonald’s claims to have always respected these laws and affirms that it is collaborating with authorities “to clarify the situation”. While Yum Brands Inc. (for KFC and Pizza-Hut) maintains that there may have been a misunderstanding as to whether students were included in the laws protecting part time workers. It doesn’t explain however why students should be excluded from access to the minimum wage.
Now Zhang Fengqi, vice- director of the Governments Department for social welfare in Guangdong has opened an investigation into the claims and has promised heavy penalties for those found breaking the law. The authorities have also underlined that neither McDonald’s nor KFC permit workers unions within the companies.
Meanwhile Zhu Yongping, a Guangzhou lawyer, claims that there have been “grave violations” of workers rights and announces pending legal action.


Ho deciso: taglio il topo, raso la testa, mi iscrivo ai corsi liberi in piscina, e stasera arrivo addirittura a farmi una doccia. Sono un duro, lo so. Mi sento finalmente libero. E' questa una delle sensazioni che più amo: temporaneamente senza un cazzo di orario / preoccupazione / impegno / dovere / responsabilità / impresa da fare e da sbrigare. Momentaneamente Libero. Cervello vuoto, panza piena, pienissima, "che a timbrare il cartellino ci pensiamo lunedì". Quel cartellino spero di non timbrarlo prima di lunedì 2010. Ieri al ministero degli esteri mi sono anche tolto l'ultimo impegno, il colloquio con una commissione di sinologi per l'assegnazione di 12 borse per andare a studiare in Cina 11 mesi (150 candidati dicono, la vedo dura); sono uscito strafelice dal ministero, cantavo e saltellavo lungo la strada, credo di aver fatto un ottimo colloquio (chiacchierata sul curriculum studiorum ed esperienza in Cina, digressione sul progetto portato, mini traduzione di 3 righe di cinese e dialogo in cinese) anche se non penso che mi daranno la borsa, perchè (giustamente) credo di aver capito che valutano soprattutto il progetto (e penso ce ne saranno molti meglio del mio) piuttosto che il curriculum o la conoscenza del cinese. "Le faremo sapere". Io intanto sono orgoglione di me stesso, orgoglione di aver tentato pure questa. Tra l'altro ho scoperto di non poter partecipare ad un'altra borsa europea per la Cina, per il semplice fatto che non sono più studente. Meglio, meno ansie per questi giorni. Relax maceratese, tiro avanti il corso all'università, mi sparo 300 film al giorno, mi creo nuovi amici sotto i 18 anni e sopra i 72, magari mi dò anche un po' allo sport e mi cerco un paio di voli stra low cost per Barcellona o Londra che ubriacarsi sempre a Macerata alla fine stufa.
"Esagerare, esagerare, qualche litro in più, oi!!"
Foto: Il momento di gloria

Monday, March 26, 2007

Bertinotti contestato alla Facoltà di Lettere alla Sapienza... già mi manca l'università cazzo!!!


Foto: Corriere Online

Sunday, March 25, 2007

我不是个科学家

Sporche budella smangiucchiate, catorci sgranocchiati, strade che non portano da nessuna parte, mai capito com'ero finito lì e dove stessi andando o come. Ovvero di viscere capovolte degne del peggior film non ancora visto e se fosse tutto finto, beh, molto meglio così pagliaccio. Obsoleti modi di pensare, difendere a denti stretti e spada tratta, difendere sempre, costruire anche oggi un castello di carta da abitare. O anche di plastica. La plastica è meno volgare. Mura che crollano da sole e animaletti da tutte le parti, solo i criceti sanno la loro. Parla pure non ti capisco. Sarà forse un'altra lingua?!
Bruciate le chiese. Ma con me dentro.

Solo quando ho visto il coltello cazzo solo allora
era lì, sembrava pulito invece era sporco, sporco molto, sporco dentro
e sono sta sto lì, ad insultarlo e contraddirlo per ore. E lui annuiva.
Contento poi l'ho lasciato lì. Scrutante. Scrutante me.
Solo mezz'ora dopo l'ho ritrovato ancora. Che guardava uno sporco. Uno sporco davvero...
guardava me.
riuscissi a non scrivere cazzo.
riuscissi...

Saturday, March 24, 2007

Stanco stanchissimo, oggi vorrei soltanto citare l'esclamazione di Carla, una mia amica di Genova, da poco laureata in filosofia:

"questa lode la dedico a ki nn ha creduto in me..ke vada a fanculo"

Friday, March 23, 2007


Voglia di Russia! Vodka e musica balcanica! Mi sono laureato cazzo, concluso nel migliore dei modi la mia lunga carriera da studente, iniziata 18 anni fa e terminata ieri. Terminata speriamo di no. Finito di essere studente universitario forse. Ma non studente. Studente spero di restarlo per tutta la vita. E intanto mastico corsi di diritto internazionale e marketing per non sentirmi fuori dal mondo universitario. Di ieri bella soprattutto la bevuta dopo la dibattuta discussione della tesi, spumante e martini con i presenti, bevute immaginarie con quelli non presenti o lontani. Come ci si sente da Dottori Magistrali?! La sera mi sentivo un po' di mal di testa, credo soprattutto colpa dell'alcool, del devastante sigaro del successo e della stanchezza. Oggi sono andato a lavorare al tribunale e già non mi ricordavo più di essere Dottore Magistrale.

Fare l'interprete non è male, prendi un sacco di soldi per fare una cosa forse stancante ma "che viene abbastanza naturale". La gente pende dalle tue labbra. E tu cerchi di dare il meglio. In Cina ho fatto da interprete per alcuni signori del Ministero degli Esteri e poi per alcuni imprenditori. Ma fare l'interprete ad un uomo in manette è brutta. Brutta dirgli che (sei molto dispiaciuto) ma per oggi dovrà tornare in carcere e la prossima udienza è fra due mesi.

Per me questa è un'altra grandissima esperienza, ma vi assicuro (e mi assicuro) che non è così semplice o rilassante far da interprete ai detenuti o imputati. Specie quando sono stranieri.molto meglio insegnare cinese a ragazzi di 16-17 anni in una scuola superiore statale.

"Ha il diritto di non rispondere. Qualsiasi cosa che dirà potrà essere usata contro di lei"

Thursday, March 22, 2007


Gentile omaggio di Valerio.
E sono Dottore Magistrale!!

CON LODE!!!
















Tanta ansia, tanta emozione, tanti affetti, tante bevute... e anche soddisfazione! Grazie a tutte/i





我终于毕业了!!得到最高的成绩!!开心死了!!明天要打工,上课,开晚会!加油!!

Wednesday, March 21, 2007

Cina: formiche e pena di morte

Fonte: Asia News Online

Vende formiche a caro prezzo: condannato a morte per truffaWang ha truffato oltre 36 mila persone per 3 miliardi di yuan, vendendo formiche nere a prezzo elevato. Uno dei truffati si è suicidato. Nel Paese non è eccezionale la condanna a morte per delitti economici.
Pechino – Wang Zhendong ha truffato 400 milioni di dollari, vendendo formiche ad altissimo prezzo. Ma a febbraio il tribunale lo ha condannato a morte.
Nel luglio 2003 Wang ha creato la Yingkou Donghua Trading Group, impresa che aveva fama di occuparsi di varie attività. L’investitore pagava 10 mila yuan (circa 1.300 dollari) per due scatole di cartone piene di formiche nere che doveva allevare. Incaricati della ditta venivano poi a ritirare i frutti dell’allevamento e l’investitore riceveva 52 dollari 10 volte in un anno. In totale 520 dollari annui, pari al 40% dell’investimento. In Cina alcuni tipi di formiche nere sono mangiate immerse nel tè o nel vino o usate per malattie come l’artrite. Wang diceva che erano formiche “rare” e di alto valore per fare medicine e vino, mentre in realtà il loro valore era di circa 200 yuan (25 dollari).
Il denaro era pagato con regolarità e la fama della ditta si è presto diffusa nella città portuale di Yingkou nel nordorientale Liaoning. Wang, nativo della città e sposato con tre figli, era conosciuto come benestante ed elargiva somme a parenti e conoscenti accreditando un’immagine pubblica di agiatezza. La compagnia aveva fama di avere almeno 10 succursali e 800 dipendenti.
In realtà pagava le elevate commissioni non con gli inesistenti profitti della vendita delle formiche, ma con il denaro portato dai nuovi investitori, come una sorta di catena di Sant’Antonio. Negli Stati Uniti lo chiamano “schema Ponzi”, dal nome di Charles Ponzi che nel 1920 a Boston diventò milionario con simile metodo. Il guadagno era alto: 10 volte l’interesse bancario, che è intorno al 4% annuo. In poco più di due anni ha attirato oltre 36.700 investitori in 12 città per un giro di 3 miliardi di yuan (circa 390 milioni di dollari). Ma per continuare il gioco occorre che arrivino sempre più investitori. All’inizio del 2005 la ditta ha cessato i pagamenti.
Investitori furenti hanno assediato gli uffici della ditta, hanno scritto sui muri: “vogliamo mangiare! Restituiscici il nostro sangue e i sudati risparmi”. Molti avevano investito i risparmi di una vita, attirati dai rapidi guadagni. Secondo il quotidiano Beijing News, almeno uno di loro si è suicidato.
In Cina la pena di morte è prevista per oltre 60 delitti, compresa la frode economica. Nel Paese del boom economico, le autorità considerano prioritaria la lotta ai crimini economici, dalla truffa alla bancarotta alla corruzione, e la condanna a morte per delitti economici non è eccezionale. Nel processo Wang si è difeso dicendo che voleva solo ottenere il denaro per finanziare le altre sue attività, ma che ha compiuto investimenti sbagliati. Ha insistito che non era fuggito via e ha promesso che col tempo avrebbe restituito il denaro. La polizia ha recuperato solo 10 milioni di yuan. Il tribunale ha ritenuto il reato molto grave per il danno causato a decine di migliaia di persone. Wang può fare appello, intanto è detenuto. Sono stati condannati 15 suoi collaboratori a pene da 5 a 10 anni di carcere. Intanto a Yingkou fonti locali riferiscono al giornale Washington Post che nuove società diffondono offerte molto simili a quelle di Wang. Una nuova azienda, la Ant Power Magic, promette guadagni superiori al 10%.

Tuesday, March 20, 2007

国际团结万岁!移民万岁!疆界他妈的!
无神,无家,无奴隶,无主人!
理想国拆不了!

Appuntamento col cinema orientale

Se volete vedere non solo un bel film ma un ottimo documentario sulla Cina (anzi, sui cinesi) del terzo millennio vedetevi "Still life" (che poi tradotto letteralmente dal titolo cinese significa, secondo mia libera interpretazione, "Il brav'uomo delle Tre Gole") del regista cinese Jia Zhangke, vincitore del Festival di Venezia 2006. Dovrebbe esser già uscito o uscire a giorni nelle sale italiane, si scarica da internet ma io l'ho trovato solo in lingua originale (non proprio in mandarino...).
Una mia amica e studentessa di cinese, Gea, consiglia anche un regista giapponese, Shunji Iwai.
Nelle prossime settimane appuntamento ogni martedì sera al CSOA Sisma di Macerata coi film di Takeshi Kitano.
Sì. Mi manca la Cina. Spero mi aspetti. Che non scappi via...

Le legge è uguale per tutti: io in tribunale 我在我城市的法院当了翻译员。有意思了!!


Sulla scia del mio egocentrismo congenito vi racconto l'ultimo fatto che mi è capitato.
Mattina, sbivaccato sul divano e leggere svogliatamente le ultime cose per la discussione della tesi, mi arriva una telefonata da numero sconosciuto. Un signore con accento meridionale dice di chiamare a nome del tribunale di Macerata. Merda. Cosa ho combinato?! Nulla. Non ho combinato nulla. Semplicemente mi chiede di potermi recare al tribunale per fare da interprete a dei cinesi. Wow! Tornano i conti: ho una zia da paura che frequenta per lavoro le aule del tribunale, qualche giorno fa mi ha chiamato per dirmi che ha dato il mio nome in cancelleria nel caso avessero bisogno di interpreti cinese-italiano e viceversa. Santa donna. Spiego al signore che sono digiuno di lessico giuridico sia in italiano che in cinese e che non so se sono all'altezza della situazione. Mi risponde di non preoccuparmi e di andare subito. Mi vesto, arraffo un paio di dizionari, ho la barba lunga ma pazienza anzi meglio così e mi fiondo al tribunale (sito a 100 metri da casa mia). E' la prima volta che entravo in un tribunale. Incontro il signore della cancelleria, mi dà un paio di indicazioni, mi accompagna in aula: panico. Anche se non hai fatto niente di male, anche se estraneo ai fatti, anche se donna delle pulizie o turista per caso la prima volta che metti piede in un'aula di tribunale il panico ti assale: vicino a te un esercito di sedie vuote, a destra le sbarre, in prima fila gli avvocati e il pubblico ministero con la tipica mantella nera e le cordicine gialle, in fondo il presidente, gli scribani e gli ufficiali, sopra a loro tiranneggia la scritta "La legge è uguale per tutti" e a fianco un mega crocifisso nero più grande di quello del duomo di Macerata. Prende male comunque. Mi invitano a sedermi di fronte al giudice, sedia in pelle nera e microfono stile processo a Totò Riina, mi leggono le responsabilità e i doveri che ho in qualità di interprete, poi entrano i cinesi, due seduti in prima fila, una messa in una stanza, una si siede accanto a me. Inizia l'udienza. Dell'udienza e dei contenuti non posso dire niente, anche perchè non ho capito molto come si sono svolti i fatti (volevo chiederlo a qualcuno prima che iniassel'udienza, poi ho capito che come sono andati i fatti gli avvocati volevano saperlo dai cinesi tramite me). Dico che solo che tradotto domande e risposte per due ore, mentre tutti scrivevano, pensavano, chiedevano. Il fatto è successo 4 anni fa, la prossima udienza alla quale mi hanno chiesto di partecipare sempre come interprete, è ad ottobre. Ho fatto anche due chiacchiere extra con i cinesi. Posso dire che è stata un'ottima esperienza, anche se di breve durata. L'ennesima che mi ha permesso di fare la "conoscenza" della lingua cinese. 谢谢!

Monday, March 19, 2007

Giù le mani dal Giardinetto!!!


C'era una volta un circolo garibaldino, uno dei tanti, ritrovo di franchi bevitori, fondato a Macerata nel 1873, col nome "Il Giardinetto". Locale storico, bettola invidiabile, gioiello della piccola e pacifica Macerata, alzi la mano chi nella provincia non ha mai sentito parlare di questo posto... Beh, sembra che il nostro caro Giardinetto sia arrivato al capolinea: vogliono infatti chiuderlo e trasformarlo in un ristorante del centro storico maceratese (vedi anche post di sotto). Ancora una volta gli interessi privati avranno la meglio, la speculazione edilizia avanza egemone. Io ricordo giornate intere passate nelle quattro mura invecchiate e scurite dall'umidità, ricordo le salate ("salare" in maceratese significa "marinare la scuola", n.d.t.) in massa o anche in 3-4 destinazione sbronza mattutina al Giardinetto, ricordo le risate e le discussioni di musica, politica e donne col bicchiere in mano, le chiazze viola di vomito nel mini cesso, le bestemmie degli anziani intenti a giocare a carte, le urla indemoniate dei punkabbestia in preda a sostanze stupefacenti, le canzoni stonate dei bevitori storici, i vecchi col viso sempre rosso e il sorrisetto stampato in faccia, i pochi extracomunitari che si davano al bere da quattro soldi, i trentenni con la cirrosi al fegato, le retate dei gendarmi in cerca di minorenni e giovani spacciatori. Quando facevo il liceo un litro di vino bianco alla spina costava 3000 lire, un litro di rosso 4000 lire. Avevano un sapore forte, acre, faticavi a buttare giù il primo bicchiere, dal secondo in poi era tutta allegria. I tavoi verdi, le sedie rotte, caraffe sigarette noccioline, i quadri di Garibaldi e Mazzini, un grande dipinto al centro, poesie in onore dell'Italia unita e inni a Bacco. Una stretta porta in vetro dava su una piccola terrazza con tavoli in plastica bianca sovrastati da una grande vite da cui pendavano piccoli grappoli d'uva, e a fianco una bocciofila sempre sporca dove i punkabbestia giocavano a tirarsi le pesanti bocce.
Ultimamente gli irriducibili vecchi e ubriaconi del circolo facevano girare al Giardinetto e da Gironella (altro locale "sui generis") una petizione da firmare contro la chiusura del locale. Pare abbiamo raccolto cinquecento firme, ma non credo che basti. Nell'inverno dello scorso anno alcuni ragazzi hanno organizzato un concerto all'interno del Giardinetto (sembra incredibile anche a me, data la superficie minima di cui dispone il locale), 24 ore non stop di musica, hanno partecipato molti gruppi e una miriade di giovani e meno giovani, si sono finiti tutto quello che c'era da bere (!!!), tirando su svariate centinaia d'euro per salvare il mitico circolo (provare per credere: ci sono spezzoni di video su Youtube, basta digitare "Giardinetto Macerata"). E' bastato a non farlo chiudere solo per un anno. Ma i frequentatori del circolo non ci stanno, l'altro giorno mentre sfogliavo il giornale e bevevo bianco uno dei gestori mi dice in dialetto maceratese "La situazione è brutta. Ma c'è chi ha già messo in programma di andare in galera pur di salvare il Giardinetto".
Io spero soltanto che questo mio post non sia un "dolce addio" o un epiataffio per lo storico locale. Spero tanto di vederlo sempre lì, nello stretto vicolo del centro, con l'odore forte di cantina e il cartello "vietato l'ingresso ai cani" appeso al portone. Non so se avrò figli, ma spero un giorno di ubriacarmi insieme a mio/a figlio/a tra i tavoli puzzolenti del nostro caro Giardinetto.

Gli occidentali li riconosci dalla barba. Le orientali dal sorriso...




Sunday, March 18, 2007

Questo blog e il suo autore sono DECISAMENTE KONTRO l'immediata chiusura dello storico circolo maceratese di bevitori "Il Giardinetto"

Fonte: Corriere Adriatico Online

Mobilitazione per salvare il Giardinetto Lo storico circolo garibaldino rischia di trasformarsi in un ristorante MACERATA - Un candido tazebao campeggia sul muro di vicolo Monachesi con su scritto Giù le mani dal Giardinetto. Un inequivocabile grido d'allarme di alcuni soci che vorrebbero difendere il proprio spazio. “Il Giardinetto” ha prosperato in tutti questi anni grazie alla protezione accordata dalla famiglia dei marchesi Costa, proprietaria del piccolo fabbricato, ma negli ultimi anni hanno ceduto l'area a un’impresa edile che pare sia intenzionata a trasformare il circolo in un ristorante.La tradizione vuole che Il Giardinetto venne fondato nel 1873 da alcuni reduci garibaldini nei locali concessi ad uso perpetuo dal marchese Costa. Guai a chiamare lo storico locale osteria o cantina perché i soci sono sempre stati fieri del loro circolo carico di storia e di oleografie di Garibaldi e Mazzini. La tela di quest'ultimo e la preziosa cornice dorata scomparve misteriosamente agli inizi degli anni Novanta. Nel 1973 si festeggiò solennemente il primo centenario con tanto di dépliant curato da Dante Cecchi e forse da lì iniziò una inesorabile decadenza. Il locale era frequentato da grandi bevitori: idraulici, restauratori, marmisti, muratori e impiegati. Negli anni Ottanta ci fu una sensibile ripresa grazie anche alla Festa dell'uva perché nel cortile c'è una vite secolare che sul finire dell'estate si allarga a pergolato fino a coprire il campo di bocce. Nonostante la ripresa, il telefono, il giornale e il gas portato da Alfredo Monteverde, la gloriosa bandiera del circolo era spesso a mezz'asta, segno evidente che un altro socio se ne era andato. Nel 1988 Mario Capanna, venuto all'Excelsior per presentare il libro Formidabili quegli anni, venne ospitato, insieme a una cinquantina di compagni di Democrazia proletaria, per un convivio: un panino, una birra e poi. Nel corso della serata gli venne consegnata la tessera di socio onorario e mentre se ne andava sulla sua Renault 5 alla volta di Roma mi ha detto: ’Conserverò questa tessera con piacere. Come mi ricorderò di questa bella serata. Speriamo che non lo scopra Craxi!’. Al contrario arrivò Bobo Craxi per il servizio militare, poi Pino Rauti al quale sbarrarono la porta. Ma questa è la storia delle miserie umane. Il “Giardinetto” festeggia ogni anno il 30 aprile con una corona al monumento all'eroe dei due mondi ed un pranzo sociale. Infatti, il 30 aprile del 1849 ci fu la battaglia che Garibaldi dedicò ai maceratesi. Ora arriva lo sfratto. Probabilmente diventerà un locale per ricchi. Non ascolteremo più il vociare degli avventori, né il tonfo delle bocce né quella maledetta fisarmonica stonare quel valzer fatto di niente. Quello della povera gente.


Macerata il sabato sera si riempie di viaggiatori solitari, disadattati, frustrati, misantropi, asociali. Girovagano per il centro della città appena si svuota all'ora di cena, per poi bighellonare per giardini e vie buie. Chissà come passeranno la serata, dove andranno e a far che, come torneranno a casa o quando. Molti sono giovanissimi, vengono dai paesi vicino. Non nascondo che mi piace infinitamente passara la serata così, anche io solo tra i soli, a passare minuti di incontro fortuito con queste persone, poi magari sostare per bar e bettole, e di nuovo per strade e giardinetti, finendo la serata chissà quando o dove. "Come te la passi a Casalpalocchi?! Non bene credo. Wai-wai. Sarebbe da fare come quel tale, come si chiama, quello che partì a 23-24 anni per Parigi e non è più tornato. Avrà la mia età ora, forse qualche anno di meno. Parigi".

Ero in fila alla cassa di un supermercato, dovevo pagare una birra. Davanti a me due anzianze signore che per tirare fuori 2 euro c'hanno messo 20 minuti e nel frattempo raccontavano alla giovane cassiera sfinita di quanto fosse bravo il parroco del loro quartiere. Le signore (sui 170 anni in due) stavano per dirigersi in chiesa a passo di lumaca, per una funzione religiosa che sarebbe cominciata mezz'ora dopo. Avevano già 10 euro in mano da infilare nel cestino delle offerte. Quante ce ne sono di vecchiette come queste in Italia? L'Italia è un paese di anziani, siamo uno dei paesi più vecchi al mondo, ci batte solo il Giappone quanto a vecchiaia, ma solo perchè non hanno così tanti giovani extracomunitari come noi. Chi tutela queste vecchiette? Nessuno direi. Chi ruba loro direttamente o indirettamente, in un modo o in quell'altro, la pensione? In tanti direi. Tossici, zingari, ladruncoli, nipoti, preti, truffatori, stato. Un esercito di stronzi pronti a fotter loro quelle 500 euro di pensione mensile. Complimenti.

Due ore dopo ero ancora a far la fila in una cassa di un altro supermercato, avevo un'altra birra da pagare. Alle mie spalle 4 ragazzi sui 15 anni, due bottiglie di spumante, una di whisky, una di gin. Sicuramente si preparavano a passare insieme una bella serata. Il proibizionismo? Credo che l'alcolismo (uso o abuso di alcool che sia) in Italia sia impossibile da cancellare. Ci insegnano a bere sin da piccoli. Abbiamo campagne che producono principalmente uva, dunque vino. Dalle nostre parti si ubriacavano già secoli prima che dio mettesse piede sulla terra. Hanno scritto e cantato di vino e di sbronze migliaia di poeti e bardi. Non so dire se è cultura, tradizione, abitudine, costume, vizio. Bene o male che sia è una cosa che ci portiamo avanti da sempre e che ci ha causato diversi problemi anche. Credo siano inutili politiche contro l'alcool. Il proibizionismo è solo un fallimento che rende ricche e felici le mafie e le lobby. Spetta a noi, ad ogni singolo individuo, "regolarsi" e non creare problemi dovuti all'alcool. Non sempre ci si riesce. Direi quasi mai a giudicare da me e dalla maggior parte della gente che conosco. Evidentemente, anche qui, ci fa comodo e piacere così.

Hanno rapito già da qualche tempo quel giornalista di Repubblica, Daniele Mastrogiacomo, sembra che a momenti lo liberino. Anche io tifo per la sua liberazione. Girava voce che fosse una spia. L'hanno detto i talibani sotto confessione dello stesso Mastrogiacomo, in Italia hanno tutti negato, persino il Papa. Chi lo sa. Spia degli inglesi che lo usavano per avere informazioni e bombardare i talebani. Non mi sembrerebbe strano. Preferisco sperare nella buona fede del giornalista. Ma mettiamo che fosse una spia veramente, mi chiedo: il mio governo me lo farebbe sapere? Ammetterebbe il fatto?Ah ah. Non direi. Tra servizi segreti, Cia e stragi di stato ne abbiamo sentite anche troppe. Poco tempo fa la Cia è arrivata a Milano, ha sequestrato un imam egiziano con passaporto italiano, l'hanno portato in Egitto e l'hanno torturato perchè accusato di terrorismo. E l'Italia è stata (e sta tuttora) zitta. Se Mastrogiacomo è una spia non lo sapremo mai, e tantomeno me lo dirà il mio governo.

E poi basta con questo vittimismo. Sembra che sia tutto buono o cattivo. Bene o male. Bianco o nero. La realtà mai così nettamente divisa. Se ti rapiscono sei sicuramente un bravo ed onesto padre di famiglia cattolico; se invece lotti sei soltanto un negro musulmano kamikaze terrorista comunista frocio. Tutta colpa dei media credo. Hanno rapito tre italiani in Nigeria, sono stati quelli del MEND, qualcuno ci ha spiegato chi sono quelli de MEND, perchè lottano, per cosa, i conflitti e la situazione socio-politica della Nigeria!?! Forse ci hanno detto chi erano i rapiti e cosa facevano di preciso là?! Ci hanno spiegato perchè il bacino del Niger pur essendo straricco di petrolio è una delle zone più povere al mondo e la gente muore di fame e malattie?! Ci hanno chiarito chi fossero Quattrocchi & Company e cosa facessero in Iraq?!

Il governo italiano è ammirato all'estero per il fatto che negli ultimi anni ha un numero bassissimo di rapiti nelle zone di guerra non successivamente liberati. E questa è una bella cosa credo. Ma perchè li lasciano? A quale prezzo? Chi paga? Ed è solo una questione di soldi o è anche una solita sporca questione di affari e politica da lobby?


Source: Asia News Online


民主游行,一个分歧的小信号

预定明天游行,向北京要求普选。陈枢机祝福游行,但是不会参加。以后的选举中希望老百姓也能够表达自己的意见。 香港-民主游行明天会在香港的街道上举行,这是由民主联盟组织的,完全是政治性的。陈枢机祝福游行,并表示支持,但是不会参加。
游行的目的是要求2012年在香港举行普选。原来的目标是2008年,不论是行政领袖还是立法委员会成员的任命:自1997年北京已经承诺考虑。但是共产党政府改变了计划,普选的日子需要重新确定。
直到今天,香港6百50万人口只有800代表可以投票,而且这800人中大多数是亲北京者。事实上,整个体系都是由北京政府一手建构的。
40个代表负责香港六大宗教的投票。对于天主教,预计有7个。目前,香港正在准备“投选”下届行政官,日期预选在3月25号,各帮派都在紧锣密鼓谋略自己的代表人。基督徒已经发动了35万信徒选举代表,同时佛教更喜欢制定人选。
天主教追随“消极支持”的原则:也就是承认最后出选的7个人。陈枢机和23万天主教徒对于其它除了普选以外的任何选举方式都会采用这种方式。
对于下届行政官的选举,根据提制应该是出选“正确的侯选人”,其对手只有一个。现任行政官就是这个对手,他是一个虔诚的天主教徒。
总之,民主人士希望给他一个挑战。阿兰Alan Leung,也天主教徒,已经成功地在800选票中获得130,
既使他知道这对于最后选举中获选并不足够。阿兰试图施加压力使现任行政官更加对人民负责,而不是对北京。两人已经开设了政治擂台,似乎后来的选举真要出选港埠领导。
每一个香港人都知道唐会继续坐交椅,因为只是北京的意思。但是擂台不能停止,因为希望会有利于普选。游行不会有许多人参加,组织者已经向警察局申报参加的人只有两千。
这次游行似乎与随后的选举不是很相称。总之,这是民主派唯一可以表达自己对于普选愿望的方式,而不是现在的“小圈子”。或许正是因此,陈枢机对于选举没有表示自己的意见。事实上,似乎他正在等待一个真正的普选,一个唯一可以真正表达所有人民声音的方式。

Thursday, March 15, 2007

Macerata dà il benvenuto ai sempre più frequenti "incidenti" da rota


Fonte: Corriere Adriatico Online


Il violento episodio è avvenuto ieri mattina in via Ettore RicciLa vittima ha riportato lesioni alle ossa nasali ed escoriazioni al volto. Ne avrà per un mese Giovane donna minacciata con una siringa e poi scaraventata a terra da uno sconosciuto Aggredita e rapinata per un euro

MACERATA - Un euro, la miseria di un euro per mangiare. O per bucarsi. Un’implorazione prima disperata e poi rabbiosa e incosciente, il gesto inconsulto che è costato a una giovane donna gettata con violenza a terra il ricorso al pronto soccorso per un trauma e lesioni al volto che i medici hanno giudicato guaribili in un mese. La donna maceratese, di 32 anni, stava camminando in via Ettore Ricci, era a due passi da casa, in via Roma, quando le si è avvicinato un giovane sconosciuto. Erano pressappoco le 10.30: le ha chiesto un euro, un solo euro per sparire dai suoi occhi; ma lei, evidentemente, non aveva moneta con sé. Inizialmente si è schermita, ma lui non ha mollato e alle insistenze non ha potuto che allargare le braccia. Ha ancora tergiversato, non potendo fare altro; e a questo punto la rabbia è montata nel ragazzo che ha brandito una siringa come un’arma, incalzandola e pretendendo quello che prima aveva invocato. Ma senza esito.A questo punto l’atto disperato, nemico di ogni ragione. Il giovane ha fatto per dileguarsi, ma prima, con un gesto improvviso, ha spintonato la donna che ha perso l’equilibrio ed è caduta pesantemente a terra, battendo con violenza il viso sull’asfalto.Sulle prime non sembrava nulla di grave. Ai soccorritori la donna ha risposto con parole rassicuranti, non mostrando la necessità di cure. Ma con il passare del tempo gli effetti della caduta si sono fatti preoccupanti a tal punto da indurla a ricorrere alle cure del Pronto soccorso. Qui i medici le hanno riscontrato diverse escoriazioni al volto e lesioni alle ossa nasali. Ne avrà, come detto, per circa un mese. E qui il racconto di lei: sono affiorati i contorni della disavventura e la tentata rapina per un maledetto euro. Nel pomeriggio, poi, la denuncia presentata ai carabinieri, la descrizione dell’aggressore e le circostanze in cui il tentativo di rapina è maturato. Le ricerche dei militari dell’Arma sembrano circoscritte soprattutto nel mondo della piccola delinquenza locale. Stando, infatti, alla descrizione raccolta, l’aggressore è certamente un italiano, abbastanza giovane e con ogni probabilità del luogo. Per questa ragione, pur muovendosi a tutto campo le ricerche sembrano concentrarsi in quel sottobosco sociale rappresentato dai consumatori di droga. I militari hanno avuto anche una descrizione delle sue fattezze, in quanto lo sconosciuto si è presentato a viso scoperto, e sembrano convinti che ci si trovi di fronte a un tossicodipendente alla disperata ricerca di un po’ di soldi, magari per perpetuare il tragico rituale del buco. Naturalmente, i militari sentiranno anche gli eventuali testimoni che in quel momento si sono trovati nella zona, per avere un quadro completo dello scenario. Stando alla ricostruzione dell’episodio, questi non avrebbe avuto neanche l’intenzione di rapinare: una richiesta minima di denaro al maggior numero di persone possibile per raggranellare la cifra minima necessaria, magari, per una dose: un euro non si nega nega nessuno, avrà pensato. Ma ieri mattina, in via Ettore Ricci, costui non ha fatto i conti con l’imprevisto: i tentennamenti della donna, che probabilmente non aveva con sé della moneta e che non poteva soddisfare il suo bisogno sempre più incalzante di denaro. E quel diniego ha fatto scattare la reazione che non t’aspetti: rabbia, violenza e disperazione che avrebbero potuto degenerare in qualcosa di ben più grave di qualche lesione al volto.


Source: Wikipedia


鸦片(阿片,英语:opium),俗称大烟、阿芙蓉(阿拉伯语:Afyūm)或福寿膏,属天然麻醉抑制剂医学上作麻醉镇痛药,非科学研究或非医用,则归类于毒品。作为毒品,传统用于鸦片的吸毒工具有烟签烟灯烟枪等,一般将生鸦片加工成熟鸦片,然后搓成小丸或小条,在上烤炊软后,塞进烟枪的烟锅里,翻转烟锅对准火苗,吸食燃烧产生的吸毒人员中烟瘾不大者每天吸食10~20次,重者每天百余次;现在吸毒者常直接吞服鸦片小丸,或把鸦片溶于中直接用针进行静脉注射,而静脉注射成为艾滋病传播的主要途径之一。中国大陆贩卖鸦片,累计重量超过1000(约合2.2)即可判处死刑

E' l'acqua il petrolio del futuro

Fonte: Asia News Online

Da un mese senza acqua potabile 80 mila contadini di YixingGli abitanti dicono che “l’acqua ha iniziato a puzzare, i pesci a morire”, “non puoi lavarti perché fa pizzicare la pelle”. Si arricchiscono i venditori d’acqua. Le autorità locali dicono che ora tutto è tornato “normale”, ma gli abitanti rispondono che “è una bugia”. Nella contea ci sono 1.685 fabbriche chimiche.
Oltre 80 mila contadini nella municipalità di Yixing (Jiangsu) sono da un mese senza acqua potabile, per l’inquinamento chimico. La crisi è insorta mentre il premier Wen Jiabao parlava all’Assemblea nazionale del popolo della necessità di combattere l’inquinamento.
Il 15 febbraio l’acqua ha iniziato a puzzare e i pesci sono morti. Non è stato più possibile usare l’acqua per bere, cucinare e nemmeno per lavarsi “perché – racconta Weng Yufu, abitante di Xinjian, al South China Morning Post di Hong Kong - l’acqua ci fa pizzicare la pelle”. Da allora gli abitanti dei villaggi Xinjian, Yangxiang, Jintan e Shiru comprano l’acqua a uno yuan al secchio. “Ma il segretario del Partito comunista della città – prosegue Weng – ci ha avvertiti di non bere quest’acqua solo dopo che i media hanno parlato del suo inquinamento”.
L’acqua proviene dai canali Beigan, Zhonggan e Xinfeng, affluenti del Grande Canale costruito 14 secoli fa. Dalla fine degli anni ’90 la qualità dell’acqua è peggiorata a causa delle centinaia di fabbriche sorte lungo il suo corso.
Ling Jing, supervisore del dipartimento per la protezione ambientale, dice che da giorni l’acqua “è tornata normale e potabile”.
“E’ una bugia” – protesta l’attivista Wu Lihong – Gli abitanti ancora comprano l’acqua potabile da una fabbrica… che ogni giorno pompa 80 tonnellate d’acqua per i commercianti”.
Secondo dati ufficiali in Cina sono inquinati il 90% dei fiumi e dei laghi. Oltre 320 milioni di contadini non hanno fonti d’acqua potabile e circa 190 milioni bevono acqua inquinata, che usano anche per irrigare i campi. Tra loro ci sono altissime percentuali di malati di cancro. La municipalità di Yixing alla fine del 2006 aveva 1.685 fabbriche chimiche che generano circa il 75% del reddito cittadino. Ma secondo esperti statali i problemi causati dall’inquinamento costano al Paese tra l’8 e il 13% del Prodotto interno lordo.

Esercito giapponese e donne cinesi usate come schiave sessuali durante l'occupazione

Source: Asia News Online

Tokyo ends controversy over “comfort–women”by Pino CazzanigaAbout face by premier Abe, following an ambiguous declaration regarding the historical value of documents which prove the recruitment of sex slaves to service the army
It appears that tensions created in the aftermath of an ambiguous March 1 declaration by Japanese Prime Minister Shinzo Abe over the question of “comfort – women”, a euphemism used to indicate the hundreds of tens of sex slaves forced to “comfort” the needs of the Japanese army. Journalists had questioned the leader about government responsibility for their forced recruitment of these women during the Second World War; Abe had responded “the fact is that there are no clear documents that prove they were forced, in the strictest sense, by the army”.
In reality, since Japanese journalist first started their investigations into the sad affair in the early ‘70’s, they have gathered not only victim’s accounts of the tragedy but also testimonies from repentant Japanese soldiers. Historians are in agreement regarding the numbers of victims: according to some to number 200 thousand. Moreover recently recovered documents the Imperial army had ordered the creation of over 2 thousand “comfort stations”.
Abe is not an n inexperienced politician. His gaff is inexplicable if not in the light of a particular political context. At the basis of his controversial declaration is the move by a US Democrat Mike Honda, who has put a proposed motion before Congress to force the Japanese government to admit to the fact and make a public apology. In the past similar motions were always blocked by the republican majority. And now President Bush has quickly disassociated himself from the affair. Through his spokesman he has declared it to be “an issue regarding the nations involved”.
But now the democrats have the majority in Congress. Thus the Japanese premiers concern to place the issue on a legal and not moral standing. Abe once again finds himself between a rock and a hard place: on the one hand State responsibilities that push him to give significance to International Relations, particularly in Asia, on the other the strong political current within his own party to defend the honour of the nation, even at the cost of diluting history.
His sense of responsibility to the government has prevailed. He has indirectly withdrawn the statement claiming that he had been misinterpreted and confirmed a clear admission made in 1993 by Yohei Kono, head of the cabinet at the time: Kono recognised that many women had been forced into prostitution, that the government was to blame and he had also publicly apologized to the victims. In 1995, the government starter a fund to compensate surviving victims, even though private money was used.
In the years after a group of 134 parliamentarians from the liberal-democrat party, of which Abe was secretary, sought to undermine the validity of Kono’s declarations.
Now Abe has visibly distanced himself from the nationalists. March 8, in answer to a Senate intervention, he clearly stated that he was in line with the 1993 apology, while on March 11 during a TV programme broadcast by NHK, after having repeated Kono’s declaration he added:”I offer sincere apologies to all those who as “comfort – women” suffered sever and profound psychological pain and wounds. My feelings on the issue differ from those of other prime ministers such as Junichiro Koizumi e Ryutaro Hashimoto who sent letters of excuse to the “comfort – women”.
Chinese media immediately carried Abe’s statement defining them as a “sincere apology” . Observers summarize that Beijing is seeking to bury the controversy which could have a negative effect on the State visit by Premier Wen Jiabao to Japan in April. Analogous the motive behind the US Congress Commission for foreign Relation’s decision to put off discussing the motion against the Japanese government until after Abe’s forthcoming meeting with President Bush.
“We cannot cancel history but we can heal it’s wounds” said Honda. If Japan had the courage to look into its’ past with objectivity and denounce its negative aspects, then it could finally take its place on the international political stage and fulfil the role which it merits.

Carne, viscere e domande


Stavo rivedendo appunti di contrattualistica internazionale e leggendo il libro tibetano dei morti ma era tutto inutile, la testa era troppo altrove, gli occhi scorrono velocemente sulle pagine ma la testa non segue, il pensiero vola distante; penso di aver raggiunto lo stato ultimo e massimo di ansia, quello in cui fai due cose contemporaneamente senza rendertene conto e le fai entrambe perfettamente male. Anche stamattina non avevo niente di meglio da fare che tagliarmi le basette. E sudare. Fissavo dalla finestra due lucertole che scodinsolavano andanti sopra un cumulo di legna e mi chiedevo se le due avessero rispettivamente coscienza dell'esistenza dell'altra; il mio sguardo è poi caduta su una foto di mia cugina da piccola. Forse che le lucertole sono velenose?! Altamente poetica la canzone che sto ascoltando adesso: "Io mi rompo i coglioni" di Bugo. Seriamente preoccupato per la salute mentale mia e della gente che mi sta attorno. Un viaggio. Un viaggio ci vorrebbe. Serio, tosto, vero. Verso mete lontane, ma lontane sul serio, un viaggio in terra straniera, straniera con la "s" maiuscola. E rimedio al bisogno di un viaggio continuando a pensare parlare scrivere di viaggi che tanto so non farò. Al massimo entro in un'agenzia turistica, mi siedo e faccio finta di essere interessato a qualche assurdo pacchetto viaggio, chiedere prezzi orari consigli, uscire col sorriso in bocca soddisfatto non rimborsato promettendo di tornare il giorno dopo per il pagamento anticipato. Avrei bisogno di un guru. Questo davvero. Un guru, un maestro, un leader, un messia, una guida, un duce. Il messia lo riconosci dalla barba lunga e dalla "r" moscia. Da troppo tempo sono abbandonato a me stesso, non ho maestri a cui chiedere e ho collezionato e messo insieme troppe domande a cui qualcuno può e deve dare risposta. Non chiedo tanto. Non voglio sapere il sesso degli angeli. Vorrei solo sapere da un sessuologo se per l'individuo medio qualunque il sesso è un bisogno fisiologico al di là di ogni valore e senso culturale o religioso o puramente epicureista che vogliamo dargli: se un/a bimbo/a viene lasciato/a da piccolo/a in un'isola deserta e messo nelle condizioni di crescere e vivere da solo/a, avrà mai il pensiero/bisogno/ossessione/concezione del sesso? Vorrà/dovrà scopare? Tornando al guru invece, vorrei un guru da seguire. Spogliarmi di tutto e seguirlo. Porre domande e sentire le risposte. Spiritualità allo stato puro. Milarepa. In Uganda o in Nepal o in Canada sarebbe uguale. Preferirei le Ande all'Himalaya semplicemente perchè nutrirmi di foglie di coca piuttosto che di riso mi stimola un po' di più. E non serve che vi spieghi il perchè. Rileggo quello che ho scritto e mi chiedo se sia giusto metterlo nel blog. Mi chiedo se io sia in grado di scriverlo in cinese. Risposta scontata. Voglio il guru per avere un'altra risposta. Non mi segue nessuno, non seguo nessuno, vorrei qualcuno da seguire. Non voglio camminare parallelamente, voglio camminare in fila. Stare al guinzaglio di un cane. Pur avendo pagato le tasse universitarie non vado più a lezione da anni (fatta eccezione per le lezioni di lingua cinese in Cina: monotone, meccaniche, non tolgono l'appetito, figuriamoci la fame...). Che fine hanno fatto i saggi, gli specialisti, gli illusti, i saggi?! Corro a meditare. In agenzia turistica.

Wednesday, March 14, 2007

Omaggio al mio cantante preferito...


Gli esami non finiscono mai, le lauree nemmeno!! Così, tanto per...


Per chi non lo sapesse mi sono "fatto catturare dalla catena di montaggio". Cioè non schiodo da Macerata almeno fino a giugno, causa Master, anzi no Master, ma Corso di Perfezionamento. Vale a dire che dopo tanti sogni e progetti e sogni di partenze verso mete esotiche, orientali, infernali, comunque lontano dall'Italia, mi sono fatto ciucciare e mi sono iscritto ad un corso alla facoltà di economia di Macerata. Ho letto l'articolo sul giornale, ho fatto domanda "tanto per", il colloquio "tanto per" e ho saputo di essere arrivato prima in graduatoria ed avere il rimborso dell'80% delle spese del corso nel caso accettassi di iscrivermi. 3 giorni a far lavorare senza sosta i neuroni e a chiedere aiuto e consiglio ad amici e conoscenti e alla fine mi sono iscritto. Il corso riguarda le tecniche di esportazione per le imprese italiane in paesi come la Cina, gli Usa, la Russia; siamo una ventina di ragazzi/e, per lo più sopra i 25 anni, quasi tutti laureati in economia o legge, qualcuno in lingua, qualcuno è già stato in Cina o ha provato a studiare cinese, molti già lavorano in aziende o banche. Clima sereno e tranquillo, i docenti non sono accademici ma avvocati, specialisti del settore e simili, cercano di “fare lezione per tutti”, dando per scontato solo lo stretto necessario. Il corso mi piace insomma, unico inconveniente è che mi costringerà a restare a Macerata fino a giugno o, peggio ancora, luglio. Addio sogni di gloria in Amazzonia, addio Macerata-Livorno a piedi, addio lavapiatti a Londra, addio punkabbestia a Lisbona, addio. Stringo i denti e mi godo il corso. E per chi non lo sapesse giovedì 22 marzo ore 9.30 presso l'Ex Caserma Sani in via Principe Amedeo 182/b a Roma discuterò la mia tesi e spero finalmente di laurearmi alla specialistica di Lingue e civiltà orientali. Stavolta non ho neanche il magone paranoico di dire "laureato... oddio... e ora che cazzo faccio?!?!". Inutile dire che siete tutti/e invitati/e, penso farò un umilissimo banchetto in onore a Bacco mio santo protettore, ma dovrò ripartire per Macerata dopo poco perchè il giorno dopo ho lezione la mattina e insegno cinese la sera. Cazzo. Il 28 ho il colloquio al ministero degli esteri per quella borsa di studio di 11 mesi in Cina (speranze che rasentano il suolo, solo 12 posti in tutta Italia, ci vorrebbe un miracolo, Ratzinger aiutami tu!!). Il 30 marzo concludo la mia esperienza come insegnante di cinese in una scuola superiore; so già che mi mancheranno "i miei ragazzi" (un giorno vi parlerò per bene di questa esperienza).
Quasi quasi mi iscrivo di nuovo ad un corso di laurea triennale, credo mi mancherà terribilmente il fatto di essere uno studente a pieno titolo, svogliato sballone falsamente impegnato fankazzista festaiolo ubriacone mangiapastaepomodorotrevoltealgiorno. Ma anche no. Semplicemente credo si chiuda un capitolo e se ne apra un altro, non so bene, sono un po' confuso ora anche perchè tornato appena da Roma dopo notte semi insonne, vi farò sapere.
Io DICO sì.


Foto: Tempo fa, improvvisamente morso al nasone da un grosso pesce non meglio identificato...

Non so se sia vero o no, vale la pena farsi due risate!


Da una email di Adele


Forse non tutti sanno, ma forse non é necessario sapere...


Che è impossibile succhiarsi il gomito.

Che la Coca Cola era originariamente verde.

Che è possibile fare salire le scale ad una vacca ma non fargliele scendere.

Che il gracchiare di un'anatra (Quac, quac) non fa eco e nessuno sa perchè.

Che ogni re delle carte rappresenta un grande re della storia: Picche: Re David. Fiori: Alessandro Magno. Cuori: Carlomagno. Quadri: Giulio Cesare.

Che moltiplicando 111.111.111 x 111.111.111 si ottiene12.345.678.987.654.321.

Che se la statua di una persona a cavallo ha due piedi alzati, la persona è morta in combattimento. Se il cavallo ha una delle zampe anteriori alzate,la persona è morta per una ferita in combattimento.Se il cavallo ha le quattro zampe per terra, la persona è morta per causenaturali.

Che il nome Jeep viene dall'abbreviazione dell'esercito americano auto perle "General Purpose", cioè " G.P." pronunciato in inglese.

Che è impossibile starnutire con gli occhi aperti.

Che i destri vivono in media nove anni più dei mancini.

Che lo scarafaggio può vivere nove giorni senza la sua testa, prima dimorire.... di fame.

Che gli elefanti sono gli unici animali del creato che non possono saltare.

Che una persona normale ride circa 15 volte al giorno.

Che la parola cimitero proviene dal greco koimetirion che significa:dormitorio.

Che nell'antica Inghilterra la gente non poteva fare sesso senza tener contodel consenso del Re (a meno che non si trattasse di un membro della famigliareale). Quando la gente voleva un figlio doveva chiedere permesso al re, ilquale consegnava una targhetta che dovevano appendere fuori dalla portamentre avevano rapporti. La targhetta diceva "Fornication Under Consent ofthe King" (F.U.C.K.).Questa è l'origine della parola.

Che durante la guerra di secessione, quando tornavano le truppe ai loroquartieri senza avere nessun caduto, mettevano su una grande lavagna "0 Killed" (zero morti). Da qui proviene l'espressione " O.K."per dire va bene.Che nei conventi durante la lettura delle sacre scritture, quando ci siriferiva a San Giuseppe (San José in spagnolo), dicevano sempre "PaterPutatibus" e per semplificare " P.P.". Ecco perchè si chiamano "Pepe" tuttiquelli che si chiamano José.

Che nel Nuovo Testamento nel libro di San Matteo dice che "è più facile cheun cammello passi per la cruna di un ago piuttosto che un ricco entri nelRegno dei Cieli". Il problema è che san Geronimo, il traduttore del testo,interpretó la parola "Kamelos" come cammello, quando in realtà in greco"Kamelos" è quel cavo d'ormeggio utilizzato per legare le barche ai moli. Indefinitiva il senso della frase è lo stesso ma quale vi sembra più coerente?

Che quando i conquistatori inglesi arrivarono in Australia, si spaventarononel vedere degli strani animali che facevano salti incredibili. Chiamarono immediatamente uno del luogo (gli indigeni australiani erano estremamentepacifici) e cercarono di fare domande con i gesti. Sentendo che l'indiodiceva sempre "Kan Ghu Ru"adottarono il vocabolo inglese kangaroo" (canguro). I linguistideterminarono dopo ricerche che il significato di quello che gli indigenivolevano dire era "Non vi capisco".

Che l'80 % delle persone che leggono questo testo ha cercato disucchiarsi il gomito!

Sunday, March 11, 2007

Inquinamento e proprietà


Fonte: Internazionale Online

Foto: Pechino. Corriere Online


Quasi 2.500 anni fa, una delle idee portanti della filosofia di Confucio sosteneva la necessità di accordare linguaggio a verità: se solo i figli si fossero comportati in modo filiale, i padri avessero agito paternamente, i re fossero stati regali e i sudditi leali, forse le cose sarebbero andate meglio. L'eco di questo principio confuciano è risuonato questa settimana nella Grande sala del popolo, dove erano riuniti i tremila delegati dell'Assemblea nazionale cinese.Il nome del Partito comunista cinese porta in sé il suo messaggio politico: è appunto il partito della proprietà pubblica. Per questo deve essere stato particolarmente imbarazzante negli ultimi anni assistere in Cina allo sviluppo del settore privato e dell'imprenditoria individuale. E parimenti non deve essere stato facile, questa settimana, approvare una legge che garantisce alla proprietà privata lo stesso status di quella pubblica. Una vera e propria rivoluzione.La decisione del partito di approvare questa legge, nonostante le proteste interne, è una vittoria importante per chi sostiene le riforme economiche. Certo, nel breve periodo non ci saranno grossi cambiamenti, ma è un passo importante lungo il cammino intrapreso dalla Cina per cambiare la sua fisionomia politica attraverso la trasformazione economica. La nuova legge non risponde ancora a una delle richieste fondamentali nel paese: accordare ai contadini la proprietà della terra che coltivano. Né li mette al riparo dal diritto del governo di espropriare le terre su cui lavorano. Questo è un capitolo importante che deve ancora essere affrontato e sarà cruciale nel futuro. La sinistra del partito comunista, che ha osteggiato il cambiamento di questa settimana, vede nella nuova legge il primo passo verso due rivoluzioni che avverranno in un futuro presumibilmente non troppo lontano: innanzitutto la rivoluzione borghese, guidata da quella classe media che sta emergendo in Cina e che è la vera beneficiaria del provvedimento varato questa settimana. In secondo luogo la rivoluzione dei contadini che, disillusi dai magri ricaschi della nuova disposizione sulla proprietà privata, potrebbero reagire in modo violento.I delegati del Partito comunista cinese questa settimana potrebbero aver avviato un processo che cambierà completamente il loro paese.


Foto: Corriere Online

Saturday, March 10, 2007

"Vi racconto l'impero della cocaina
di Roberto Saviano
È il petrolio bianco il vero miracolo del capitalismo moderno. Una ragnatela mondiale che ha nella camorra il suo terminale. E che dà ai clan un fatturato 60 volte superiore a quello della Fiat"

Su gentile richiesta vi dò il link di questo articolo scritto dall'autore di "Gomorra" sul tema Cocaina.
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Vi-racconto-limpero-della-cocaina/1533128&ref=hpstr1

Friday, March 09, 2007

Intervista ad un soldato (disertore) americano in Iraq

Fonte: La Stampa Online

Il primo giorno a Ramadi ero terrorizzato. La nostra aeronautica aveva appena finito di bombardare questa gente. Non appena siamo usciti dai nostri veicoli abbiamo iniziato a perlustrare le loro vie, a piedi. Con quasi 50 chili di armamento, equipaggiamento e vestiti sulla schiena, mi muovevo come una mucca. Mi ricordavo le ultime parole di mia moglie Brandi prima di decollare: «Non lasciare che questi terroristi vengano vicino a te, Josh. Anche se bambini. Prendili prima che ti prendano loro». Ero in Iraq da meno di 24 ore e già avevo strane impressioni. In primo luogo, ero vulnerabile e questo non mi piaceva. Anche con tutti questi soldati e tutte queste attrezzature, sapevo che ovunque, in qualunque momento, qualche iracheno con una pistola, nascosto dietro a un muro e con una vista decente avrebbe potuto spararmi più velocemente di un click del mouse. In secondo luogo, con appena un piede in guerra, non capivo che cosa stessimo facendo. Qualcosa non tornava. Non avevamo trovato nulla nella casa di una ragazza, ma l’avevamo devastata per bene in appena 30 minuti e le avevamo tolto i suoi fratelli. All’interno l’altro squadrone stava ancora mettendo tutto sotto sopra. Non mi piaceva rimanere fuori a guardare questa ragazza, nella fresca aria di aprile, prima dell’alba, a Ramadi. In inglese mi ha chiesto: «Dove state portando i miei fratelli?» «Non so, signorina» ho risposto. «Perché li state portando via?» «Mi dispiace ma non posso dirlo». «Quando li riporterete indietro?». «Non posso dire neanche questo». «Perché state facendo questo a noi?». Non potevo risponderle nemmeno a questa domanda. Non mi piaceva non potere rispondere né a lei né a me. Rivoltare e saccheggiare case era uno dei compiti più frequenti in Iraq. Prima di tornare a casa, ho partecipato a circa 200 incursioni. Non abbiamo mai trovato armi o segni di terrorismo. Mai ho trovato una cosa che potesse giustificare il terrore che gli abbiamo inflitto, abbiamo fatto saltare porte, picchiato, ammanettato e spedito nelle prigioni gli uomini. Un’incursione fu ancora peggio. Era una casa carina su due piani, tranquilla e abbastanza isolata. Come di consueto, ho messo la carica di esplosivo C-4 sulla porta e l’ho fatta saltare. Quando siamo entrati in casa, le donne stavano vacillando nelle loro stanze. Tre ragazze adolescenti hanno urlato quando ci hanno visto. Qualcuno del mio squadrone le ha afferrate e le ha immobilizzate puntando loro una pistola mentre gli altri facevano irruzione. Non abbiamo trovato neanche un uomo, solo altre sei donne fra i 20 e 30 anni. I miei compagni non riuscivano a trovare nulla, nemmeno una pistola - e meno le trovavano, più erano distruttivi. Fuori c’era il soldato Hayes con una donna sotto un desolato porticato. Le ha puntato alla testa il suo M-16, ma lei non smetteva di gridare. «Chi siete per fare questo?» diceva. Hayes le ha risposto di tacere. «Non vi abbiamo fatto nulla», continuava. Hayes stava cominciando a perdere la calma. Le ho detto che c’era stato ordinato di venire qua e che non potevamo risponderle, ma lei continuava a sbraitare. «Americani siete disgustosi! Chi pensate di essere per farci questo?». Hayes l’ha colpita con la canna del suo M-16. È caduta faccia a terra, nella sporcizia e nel silenzio. Ho spinto Hayes via. «Che cosa stai facendo?» Gli ho detto. «Hai una moglie e due bambini! Non picchiarla in questo modo». Lui mi ha guardato con gli occhi pieni di odio, come se fosse pronto a uccidermi per aver detto queste parole, ma non ha più toccato la donna. Quest’episodio mi ha turbato particolarmente perché ho visto Hayes in azione altre volte in Iraq, e mi era sembrato uno dei soldati più controllati e calmi del mio squadrone. Ho capito che se uno pacato come lui ha potuto colpire una donna in quel modo allora lo avremmo potuto fare tutti. E da allora ha iniziato ad avere gli incubi. Ho capito che noi, soldati americani, eravamo i terroristi. Stavamo terrorizzando gli iracheni. Intimidendoli. Picchiandoli. Distruggendo le loro case. Probabilmente stuprandoli. Quelli che non abbiamo ucciso avevano tutti i motivi del mondo per diventare loro stessi terroristi. Visto quello che stavamo facendo a loro, chi poteva biasimare il loro desiderio di uccidere noi e tutti gli americani? Quest’amara verità si è alloggiata come un cancro nel mio intestino. Cresceva e si spargeva e mi faceva impazzire con il passare dei giorni. Noi, americani, eravamo diventati i terroristi in Iraq.


Bush in America Latina? Sì: chiudiamolo a Guantanamo e buttiamo a mare le chiavi.

Thursday, March 08, 2007

La lettura di libri dà dipendenza

Passano le estati. E passano gli inverni. Poi le estati di nuovo. E nuovamente gli inverni e così via...
L'Università di Macerata ha organizzato in questi due giorni una conferenza sui rapporti tra la Chiesa e la Repubblica Popolare Cinese. Presenti come ospiti, organizzatori e/o relatori molti docenti di università, istituti e fondazioni cinesi ed italiane, diversi esponenti della Chiesa e seminaristi cinesi. Più che una conferenza, secondo il mio umilissimo parere, sembrava un comizio della Democrazia Cristiana, ma ha comunque tirato fuori punti e spunti interessanti sul tema, dal punto di vista storico e storiografico.
Io resto comunque dell'opinione che, tolti i problemi di ordine culturale, ideologico e storico che ci sono tra il Vaticano e la Cina al giorno d'oggi (tra l'altro esiste un solo stato in Europa che ha l'ambasciata di Taiwan, cioè che riconosce Taiwan come entità a parte e nazione indipendente: il Vaticano), un grosso motivo di attrito è semplicemente (spero non troppo) che la Cina non permette al Papa e al Vaticano di avere quell'ingerenza e arroganza politica che invece ha in occidente e soprattutto ahimè in Italia.
Nel tardo pomeriggio sono invece andato ad un altro appuntamento, la presentazione di un libro di Berni su alcune bizzarrie bibliografiche; interveniva, fra gli altri, Oliviero Diliberto. Masticando pizza e cipolla mi dirigo nei pressi dell'università di filosofia (sede dell'incontro) e noto fuori dall'ingresso una macchina della polizia, tre agenti e dieci ragazzi (più una ragazza) con delle bandiere di Azione Giovani che cantavano "chi non salta comunista è" e lanciavano slogan contro Diliberto. La sala dove si teneva il dibattito era piena zeppa di gente, moltissimi giovani, quasi tutti maceratesi. I relatori hanno parlato di censure, ricerche bibliografiche, libri moderni e libro di Berni in particolare, poi Oliviero ha citato un intellettuale ebreo "chi brucia libri prima o poi finisce per bruciare persone". La storia ha dato ragione all'intellettuale ebreo.

"La lettura di libri dà dipendenza, e noi da antiproibizionisti accogliamo questa dipendenza" Diliberto

Oooohhh... finalmente i barbari a Milano!!!


Foto: Corriere Online

Omaggio alla femmina, ch'ogni giorno s'avrebbe da esser vostra la festa


Tanto gentile e tanto onesta pare
la donna mia quand'ella altrui saluta,
ch'ogne lingua deven tremando muta,
e gli occhi no l'ardiscon di guardare.


Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d'umiltà vestuta;
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.
Mostrasi sì piacente a chi la mira,
che dà per gli occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la può chi no la prova.
e par che de la sua labbia si mova
un spirito soave pien d'amore,
che va dicendo a l'anima: Sospira.


Dante Alighieri

Wednesday, March 07, 2007

Da un'intervista alla regista cinese Ning Xing. Fonte: Espresso Online

Quello delle censure ideologiche è uno degli aspetti cinesi che lascia più perplessi. Una volta, quando lì il comunismo era davvero tale, si poteva pensare che ci fosse una ferrea difesa dell’ideologia, come in tutti i regimi totalitari, come faceva il ministero della Cultura popolare nell’Italia fascista. Ora, però, la Cina sta vivendo una strana contraddizione, perché continua a volersi chiamare comunista, ma comunista assolutamente non è. E allora cosa significa censura ideologica? Vuol dire difendere l’ideale comunista? O quello liberista? Oppure non lasciar venire a galla la contraddizione?
«È proprio come dice lei: stiamo vivendo una grande contraddizione. Le persone che censurano difendono da sempre una politica ideologica indipendente dallo sviluppo economico che è come se fosse staccato e parallelo. Per capirci: tu puoi guadagnare tanti soldi e sei totalmente libero nel modo con cui guadagnarli, ma se vuoi fare un film, scrivere un romanzo, fare del teatro, allora la censura ideologica vieta di dire certe cose e di toccare certi argomenti. In Cina la censura ha grande attenzione al presente, alle città e a un passato troppo vicino che non si può e non si deve toccare. Noi che facciamo cinema non sappiamo bene, però, quali siano tutti gli argomenti tabù. Così rischia sia chi finanzia, sia chi lavora, perché se il film non passa la censura e non va nelle sale c’è un grande danno economico. Spesso discutiamo con la censura, ma contraddizioni che nessuno ancora sa come risolvere».


Source: China Labour Bullettin

和法国律师谈工资
前不久,我碰到一名法国律师。他告诉我,他在上海工作了六年,妻子是中国人。在说到他对中国的热爱时,他十分兴奋地大声道,中国真棒,每一个人都很幸福!
看到那白里透红的面孔,我想,一个幸福的人会觉得世界阳光普照,所有的人和他一样幸福。而且,我马上猜到,他妻子一定也在他的律师事务所或外资企业里工作,至少有四、五千元的月工资。果然,他主动地告诉我,他妻子每月有六千元的工资。
我告诉他,你的妻子一定是幸福的。但,别忘了中国还有那些每天都冒著生命危险下矿井的工人,很多民工的月工资只有你妻子的十分之一。我不认为他们是幸福的。听了我的话,这位律师似乎十分扫兴,甚至有几分恼火地说:是呀,那些民工一个月只有几百元的工资,但,有更多的人因找不到工作而整天挨饿,他们凭什么要抱怨?
他的这些和中国的某些文化精英们一样腔调的议论使我迅速地理解,他热爱的根本就不是什么中国,而是他在上海的舒适的生活。我冷淡的说:可你一分钟前还在说所有的中国人都很幸福,你这律师是如何作的?
这位法国律师确实使我想到,并似乎使我感到正面对著国内的那些众多的,即不了解中国也不了解西方的著名的经济学家们。我因此有些恼火地说,你认为,中国有很多的失业者,所以那些工人拿著低工资,不但是应该的,而且还应感到幸福,是吗?你在法国敢鼓吹你的这种理论吗?你不敢!因为你非常清楚,你们法国早就没人相信这种18、19世纪的荒唐理论了!长期以来,法国,整个欧洲的失业现象也十分严重,可从来没有人鼓吹降低工资以增加就业,从来没有人鼓吹用降低工资的方法来加强法国企业的竞争力。为什么?这首先不是什么道德问题,我知道以你这种方式看世界的人觉得道德谴责是可笑的。这是因为你们法国人早就知道,降低工资,不但工会不答应,企业老板也觉得没有面子。尤其是,你们知道这不能解决失业的问题,它反而会使法国经济陷入一种恶性循环:工资降低了,国内的购买力就会降低,市场就会缩小,企业的产品就更难在国内卖出去,企业会倒闭,失业会更严重。这恰恰就是中国目前的问题。你们也不会靠降低工资来减少成本提高企业在国际市场的竞争力,因为你们知道这会恶化国际竞争环境,在胡乱的国际竞争中,你们也争不过第三世界。尤其是,这不会改善你们多数人的生活质量,你们的政治家会因此在选举中失败。你们要靠技术和教育来提高竞争力。
我还告诉他,我也偶尔在法国度假。我观察到,法国和欧洲人带薪的渡假制度带来了公共交通和餐馆旅馆业的长期繁荣,它创造了数百万个就业机会。如果工资降低,人们不敢去渡假,多少人会失业?
我问他,你知道为什么法国的科技为什么发达?他说,这是教育发达呀。我说,对,但不只是全部。因为工资高,所以欧洲传统工业的企业要尽可能少雇工,尽可能多地采用机器以代替人工,所以巴黎的地铁到处都有无人售货机,这就是对科技发展的刺激,导致新的工业领域的产生。这样,老的行业的雇工少了,新的行业又产生了,它又增加新的雇工,产业又不断更新。
这位律师显然没想过这些,他呆呆地看著我。最后,我教训他说,不要以为你在中国呆了几年就了解中国了。不首先去了解法国这你自己的国家,你就不会了解中国。一个连自己家里人都不理解的人,怎么会能去理解别人?
写下这些话,也是想和那些长年鼓吹发挥中国劳动力价格低廉的“优势”的中国的学者们讨论。至少,想问问他们,你们真理解西方,真了解中国吗?

Monday, March 05, 2007


Siamo sempre bravi noi occidentali mercanti di democrazia a dare lezioni di diritti umani nei paesi in via di sviluppo, siamo sempre pronti a contestare e criticare i governi stranieri che non danno garanzie a cittadini e lavoratori. Bravi che siamo. Bravi. Quando capiremo che alla radice dei problemi e all'origine dello sfruttamento ci siamo troppo spesso noi paesi occidentali mercanti di democrazia sarà sempre troppo tardi. Leggetevi questo articolo sulle condizioni dei lavoratori di ditte straniere in Cina:


Fonte: Asia News Online


I lavoratori debbono potersi organizzare per tutelare insieme i loro diritti contro lo sfruttamento delle ditte estere. E’ l’opinione del noto sindacalista dissidente Han Dongfang. Han ritiene “non logica” la speranza degli operai che le ditte estere possano “promuovere migliori condizioni di lavoro in Cina”. “Occorre dire con chiarezza che le compagnie multinazionali non favoriscono buone condizioni di lavoro”, “le ditte estere vengono in Cina per trarre vantaggio dal basso costo del lavoro e ottenere migliori profitti”. Anche se queste ditte “hanno codici di condotta per la protezione dei diritti dei loro lavoratori, l’esperienza concreta dimostra che queste regole non sono applicate o imposte in Cina”.
Han ha fondato il primo sindacato autonomo cinese nell’89 (durante i moti in piazza Tiananmen), ha passato 3 anni in carcere e poi è stato liberato ed espulso dalla Cina per motivi di salute. Ora lavora ad Hong Kong dove dirige il China Labor Bullettin, su cui pubblica queste opinioni. “Nella seconda metà del 2006 – prosegue - il Congresso nazionale del popolo ha introdotto una nuova legge per rendere più vincolanti i contratti collettivi di lavoro. Le Camere di commercio europea e americana a Shanghai si sono subito opposte, minacciando che molte imprese sarebbero andate via se la legge fosse applicata. Quindi, non solo le ditte estere non proteggono i diritti dei lavoratori, ma usano il loro potere per impedire qualsiasi riforma, anche se introdotta dal governo cinese”.
Esperti osservano come spesso le ditte estere si oppongono alla costituzione di sindacati aziendali, dicendo che temono che così possa venire limitata la loro autonomia nell’organizzazione del lavoro. Ritengono, peraltro, che anche le autorità cinesi mostrano poco interesse all’effettiva tutela dei diritti degli operai, essendo preminente l’interesse ad attirare gli investimenti dall’estero. Ma Han fa notare che lo sfruttamento dei lavoratori causa perdite anche per i datori di lavoro. Fa l’esempio della fabbrica di scarpe Stella a Xing Xiong. I lavoratori, dopo che non erano stati pagati per oltre 3 mesi, hanno fatto proteste pubbliche. La polizia ha operato molti arresti, poi annullati, ma le proteste hanno fatto precipitare la produttività dell’impianto.
Negli scorsi giorni Amnesty International ha denunciato che i lavoratori migranti sono considerati dal governo come “persone prive di valore”. Non hanno assistenza sanitaria e i figli, esclusi dall’istruzione pubblica, debbono andare in scuole “per migranti” (economiche ma sovraffollate e poco qualificate) prive di autorizzazione, così che in ogni momento possono essere chiuse dalle autorità.
Han conclude che solo libere organizzazioni dei lavoratori possono far loro ottenere migliori condizioni di lavoro, anche aiutando le loro azioni legali contro le imprese. Osserva che delle 87mila proteste di massa avvenute nel 2005, “una gran parte sono state proteste di lavoratori”, che agiscono in modo “sempre più costruttivo e ottengono risultati sempre più tangibili”. “Il primo elemento della democrazia è la partecipazione del popolo. La Cina del futuro deve essere fondata su un nuovo rispetto della legge e sulla partecipazione della società civile”.

Sunday, March 04, 2007



Ahahahahahah....

ahahaha....

ah ah ah.

Vignetta: Espresso Online

Saturday, March 03, 2007

Copenaghen, sgombrato un centro sociale; scontri con la polizia.


Siamo alle solite, Speculazione VS Occupazione. E la lotta continua!

Foto: Corriere Online

Friday, March 02, 2007


Metto questo post dal blog di Beppe Grillo perchè oggi mi sembra più geniale che mai.

Esiste in Italia una classe di persone che mi preoccupa. Sono gli ingerenti.Si dice ingerente un soggetto che si fa i c..i degli altri non sapendone un c...o. Gli ingerenti frequentano i talk show, rilasciano dichiarazioni, si preoccupano per i problemi della società civile. Problemi che loro non hanno. Che neppure li sfiorano.Confindustria, politici, giornalisti pontificano sulla legge Biagi. In assenza degli interessati: i precari.Ministri, sottosegretari, sindacati si esprimono sui caduti sul lavoro. In assenza dei famigliari delle vittime.E il Vaticano si esprime sulla famiglia. Un tema che gli è caro da sempre. Forse perchè gli ecclesiastici non tengono famiglia. E’ una forma di nostalgia. Civiltà Cattolica avverte del pericolo “di un testo peggiore da un punto di vista del bene comune”. E il presidente della commissione della famiglia monsignor Anfossi non vuole neppure sentire parlare dei DICO. Perchè: “similmatrimonio destinato alle coppie omosessuali”. La maggioranza degli italiani è a favore del DICO. Fanno eccezione il duo di chierichetti Andreotti-Mastella e pochi altri. Anche Casini, nel segreto del talamo di divorziato, è a favore.I nostri dipendenti non se la sentono di affrontare il problema. Facciamolo noi. Dichiariamo lo sciopero dei sacramenti. Fino all’approvazione dei DICO. A cominciare dal matrimonio religioso. A seguire battesimo e onoranze funebri. Magari congelando il parente per un po’.Il danno economico e di immagine per il Vaticano sarebbe enorme. Interrompere il flusso di cassa dei sacramenti lo porterebbe alla bancarotta.Se anche questa misura non funzionasse, il Governo potrebbe iniziare a ingerire in Vaticano. Proporre un referendum per fare sposare i preti. Come ha voluto Madre Natura. E per sostituire le Guardie Svizzere con la Guardia di Finanza.


Fonte e Foto: La Stampa Online

PECHINO


Era una delle istituzioni prova della tirannia, della crudeltà e della iniquità del sistema, e il governo lo sa. Per questo ieri l’annuncio della riforma del «laojiao», l’educazione attraverso il lavoro, in pratica i lavori forzati fino a quattro anni assegnati attraverso pratiche amministrative, senza passare da un tribunale o da un giudice, era un titolo a tutta pagina sul quotidiano ufficiale in inglese «China Daily».Il «laojiao» non sarà abolito del tutto, ma la prossima sessione plenaria del parlamento cinese che si aprirà a Pechino il 5 marzo ha in programma una profonda revisione della legge che lo regola. La «condanna» ai campi di lavoro non potrà superare i 18 mesi, e cambierà il profilo stesso di questi penitenziari: non ci saranno più sbarre alla finestre o reticolati di filo spinato a marcare il perimetro esterno. Saranno molto più degli istituti correzionali, marcatamente diversi dalle prigioni, mentre ora non c’è in pratica alcuna differenza. Il giornale afferma che la riforma è un passo avanti per una maggiore garanzia dei diritti umani in Cina.In effetti la legge era in preparazione da anni ma, insieme a quella che limita l’uso della pena di morte ed è stata approvata alla fine dell’anno scorso, trovava enorme opposizione tra gli alti quadri del partito. L’idea semplice degli oppositori della riforma è che ci vogliono strumenti duri per arginare la criminalità di ogni tipo. I 400mila detenuti nei «laojiao» erano speculari e paralleli nella forma e nella sostanza ai circa 4mila cinesi condannati a morte ogni anno per motivi più vari, dall’omicidio alla rapina senza spargimento di sangue.Alla testa del gruppo di giuristi che hanno lavorato alla riforma delle due leggi ci sono per una volta alcuni professori ed esperti in diritto italiano. Hanno tradotto Cesare Beccarla già negli anni ’80 e quel volume è servito ad abolire l’uso della tortura nelle carceri cinesi. Questi giuristi negli ultimi anni hanno spiegato pazientemente ai governanti che non c’è nessuna prova scientifica sulla bontà della pena di morte per limitare i crimini gravi. Anzi, è vero il contrario: un uso troppo «generoso» della pena capitale incoraggia il criminale alla colpa più pesante. Se rapina e omicidio portano comunque davanti al plotone di esecuzione allora tanto vale uccidere il testimone, tutela meglio la sicurezza del criminale. La nuova legge sulla pena di morte, che passerà anch’essa nel pacchetto della prossima sessione del parlamento, impone il ricorso alla Corte Suprema per tutte le condanne capitali, cosa che di fatto limiterà enormemente queste sentenze. I giornali spiegano che i condannati al «laojiao» erano accusati di piccoli furti, prostituzione, uso di stupefacenti. Ma la categoria era in realtà molto più vasta. Il «laojiao» è diverso ed ha un sapore più politico. Garantisce un potere indiscriminato alla polizia, oltre il sistema dei tribunali, per cui piccoli dissidenti politici o anche persone semplicemente antipatiche al capo locale, finivano senza complimenti in un campo di lavoro.In qualche modo la nuova legge limita l’arbitrio assoluto delle forze dell’ordine e demolisce il principio che in realtà esisteva dalla fondazione della Repubblica Popolare, in cui i campi e le prigioni erano due nomi per la stessa cosa. Ora il «laojiao» vieie riportato nell’orbita del sistema giuridico: agli accusati che rischiano di di finire in un campo viene accordato il diritto a un avvocato difensore. Sembra un nuovo inizio per la Cina, di certo lo è nella retorica. Gli esperti spiegano come il «laojiao» sia anticostituzionale. Insomma, la Cina vuole essere oltre che più umana anche più Stato di diritto, e questo è un segnale politico che indirizza verso una maggiore democratizzazione

Oooohhh... finalmente in Giappone yoga col cane!!


Foto: China Daily Online

Thursday, March 01, 2007

Finalmente un bella (speriamo) notizia!


La legge del figlio unico è stata creata nella Repubblica Popolare Cinese nel 1979 da Deng Xiaoping. Perchè c'è questa legge? I cinesi sono troppi. E crescevano troppo in fretta. Lo sapevano loro e lo sapeva il resto del mondo. Senza quella legge probabilmente oggi in Cina ci sarebbe il caos totale, rischio guerra civile e terza guerra mondiale. Cosa è? E' una legge che "obbliga" ogni coppia a non avere più di un figlio. Se me ne esce un altro lo butto? Sarebbe meglio. Abortire in Cina è facilissimo, i contraccettivi (comprese le "pillole del giorno dopo") si vendono come sigarette o caramelle. Se non mi va di buttarlo? Primo, sei uno stronzo antirivoluzionario e borghese; secondo, zero welfare per il secondo figlio e paghi tasse più salate. E se sono un povero contadino che vive ad anni luce dal più vicino centro urbano? La legge nelle campagne è meno vigile e severa, nascondere una nascita è più facile, se butta a male allunga una mazzetta al capo villaggio e via.

"A me sai che cazzo mi frega, sono ricco sfondato, pago la multa e mi faccio trentuno figli tutti maschi alla faccia del Presidente Hu Jintao!". E' una frase che potenzialmente ho sentito mille volte in Cina. Quando chiedi a qualche giovane: "Hai fratelli o sorelle?" lui/lei ti guarda con un'espressione tra lo sbalordito e il malinconico, come a dirti "Cazzo dici?! Non sai che in Cina c'è la legge del figlio unico?!". Io lo so. Il fatto è che nelle metropoli tra famiglie benestanti non la segue nessuno. Una mia amica ha due sorelle e un fratello. Soprattutto al sud (lontano da Pechino) e nelle grandi città fanno un po' più come gli pare. La cosa che forse più mi ha stupito la prima volta che misi piede in Cina era il fatto che i cinesi quasi si sentissero in colpa per essere nati e per essere nati cinesi. Come a dire "siamo già troppi. Io sono di troppo. E sono condannato ad avere massimo un figlio. Per il bene del mio paese". Assurdo. Neanche in Kenya ho mai sentito qualcosa del genere. Eppure era così. E i ricchi facevano come gli pare e piace, come nel resto del mondo. Ma da oggi, sembra, non più. Leggete quest'articolo tratto dal Corriere della Sera:



PECHINO – L’ammonimento è esplicitamente rivolto ai ricchi e famosi. La nuova upper class della Cina. Coloro che sgarrano devono pagare e subire una severa punizione. La legge è chiara: ogni coppia può avere un solo figlio. Dunque chi contravviene sappia che ne subirà le conseguenze. Sia economiche sia morali. Già. Perché chi incappa nella violazione si vedrà costretto a subire una bella rampogna pubblica attraverso i mass media, giornali, televisioni e internet. Che li indicheranno al pubblico disprezzo. Ecco il giro di vite che la Commissione Statale della Pianificazione (o forse qualche suo esponente particolarmente zelante) ha in mente di introdurre nei prossimi mesi. Che dalle idee (strampalate) si passi ai fatti è tutto da vedere. Ma le premesse, per nulla allegre, ci sono. Eccome. Lo ha rivelato il quotidiano Beijing Youth Daily con un articolo che riporta le parole del direttore del dipartimento dei regolamenti che fa capo alla stessa Commissione. Questo signore, Yu Xuejin, ha candidamente spiegato che lo scorso anno è stata compiuta una indagine campione in quattro grandi città. Segretissima, naturalmente. E il risultato – ha ammesso – è stato sorprendente. Andando a curiosare negli affari privati delle famiglie più abbienti (imprenditori, uomini di spettacolo, registi, attori e attrici, cantanti, soubrette, professionisti) si è scoperta una maggioranza di casi di doppia filiazione. Addirittura di tripla filiazione in dieci situazioni su cento esaminate. Dopo averci meditato su pare che la Commissione abbia elaborato un piano di contromisure particolarmente severe. Multe salate in primo luogo. Ma non basta.
PUNIZIONI - «I ricchi se ne fanno beffe di sborsare qualche soldo». Quindi le ritorsioni – di ritorsioni si tratta – saranno gradualmente intensificate. Il signor Yu le ha illustrate senza alcun pudore. Saranno create, dice lui, delle vere e proprie «liste di proscrizione» con nomi e cognomi «dei personaggi importanti» che hanno gabbato la legge. E non è finita. A loro sarà pure impedito di ritirare i premi conquistati in Cina e all’estero grazie alla professione che svolgono. Una bella mazzata. Chissà se tutto ciò accadrà sul serio. Certo è che il direttore del dipartimento dei regolamenti della Commissione per la pianificazione sembra intenzionato a usare la frusta. Ha già annunciato che dopo la campagna contro «i ricchi e famosi» partirà quella contro i funzionari e gli iscritti al partito comunista che non hanno rispettato la politica del figlio unico. Non sono pochi.


Foto: Io con i miei compagni alla cena di classe a Pechino. "Foi italiani sempre manciare!!"