Tuesday, July 07, 2009

Conflitto etnico





156 morti, mille feriti e oltre mille arresti. Non sono niente. Per i numeri cinesi non sono davvero niente. Ai cinesi piace parlare di numeri. Forse perché non ne possono fare a meno. I demografi trovano il loro Paradiso in Cina. La Cina ha la popolazione più numerosa al mondo. Un taxista cinese a Pechino si mise a ridere quando gli dissi che a L’Aquila erano morte più di 300 persone sotto le macerie. Nel Sichuan ne morirono 70.000. 70.000 è un numero, 300 no.
A Urumqi è scoppiato il conflitto etnico. Uighuri contro han. Il governo cinese è da sempre alle prese contro separatisti ed indipendentisti. Contro chi, insomma, in nome di una diversità culturale, etnica o religiosa, vorrebbe maggiore autonomia e indipendenza dal governo centrale di Pechino. Pechino ha attuato una politica ben precisa: rendere i territori a rischio separatista pieni di gente di etnia han, rendendo cioè in minoranza l’etnia autoctona. Così hanno fatto molto tempo fa in Mongolia Interna e Xinjiang, così hanno fatto nella Regione Autonoma del Tibet negli ultimi decenni. Migrazioni di massa. E gli autoctoni che diventano minoranza e non possono più rivendicare nulla.
Il punto è: è una politica che funziona? E soprattutto: è priva di rischi? A quanto sembra no. Basta vedere le sommosse a Lhasa e Urumqi. Qualcosa non ha funzionato. Ed è scoppiato il conflitto etnico. Persone che si ammazzano tra di loro in nome di un’appartenenza etnica. Per altro tutt’altro che ben definita o storicamente delineata. Le discussioni su etnia o identità sono di una complessità inimmaginabile. In Cina ancora di più, dove l’etnia “han” altro non è che una “invenzione” di Sun Yatsen, padre della Repubblica Cinese. I cinesi non esistono. O meglio, non è facile distinguerli o accomunarli sotto un’unica etnia. Pensate solo a quante lingue e dialetti esistono in Cina. E a quante etnie “minori” non riconosciute ci sono. Basterebbe fermarsi un momento a ragionare su questo per evitare spargimenti di sangue in nome di appartenenze etniche tutt’altro che chiare.
Ma poi penso alla Lega Nord di casa nostra. E mi rendo conto che ai cinesi non c’è nulla da insegnare.




Foto: CBC

5 Comments:

At 5:45 PM, Anonymous Anonymous said...

世界上没有无缘无故的恩怨, 维族的恩怨放一边。
谈谈我们之间的仇恨,等真正爆发的一天,不要忘记是你们意大利的博士研究生。 感谢所有教我法语,意大利语的朋友,让我认识了欧洲人的阴险和丑陋, 谁会是下一个Moro呢

 
At 12:25 PM, Blogger Massaccesi Daniele said...

Per seguire le recenti vicende che riguardano la regione del Xinjiang (in lingua italiana e castigliana):

http://www.china-files.com/

 
At 1:11 PM, Anonymous Anonymous said...

Solo il cinese molto è cinese buono, ecco la natura dei diritti umani....


Grazie, Napolitano;
Federico Rampini, tempo di scrivere un'altro nuovo libro..

 
At 6:50 PM, Anonymous Anonymous said...

http://dzh2.mop.com/picArea/index.jsp?url=http://dzh2.mop.com/picArea/readSub_9291325_0_0.html

 
At 8:12 AM, Blogger 风骚达哥 said...

20160329 junda
adidas gazelle
skechers shoes
gucci outlet
ray ban sunglasses
coach outlet store online
michael kors handbags
adidas superstars
kate spade outlet
cheap oakley sunglasses
ray bans
rolex replica watches
longchamp outlet
ralph lauren uk
omega seamaster
chi flat iron
under armour shoes
abercrombie and fitch
toms outlet
kate spade handbags
chaussure louboutin
under armour outlet
prada outlet
nike air max shoes
michael kors outlet
ray ban sunglasses outlet
air jordans
timberland outlet
nike huarache trainers
ray ban sunglasses
cheap oakley sunglasses
cheap jordan shoes
michael kors outlet
coach factory outlet
mont blanc pens
burberry outlet
instyler max
fitflops
louis vuitton outlet
ralph lauren outlet
polo ralph lauren

 

Post a Comment

<< Home