Monday, September 24, 2007

Vi spiego (molto umilmente) il cinese


Se qualcuno ancora avesse dubbi a quale facoltà iscriversi o avesse scelto di darsi allo studio del cinese, farebbe meglio prima a dare un’occhiata a questo post.
Non vi sto a dire che il cinese è una lingua morfemica o che fa parte della famiglia delle lingue sino-tibetane, queste sono che si possono leggere ovunque e sono riportate meglio di come possa farlo io. Io vi scrivo invece di come uno studente italiano si trova e ritrova a studiare la lingua cinese, sia in Italia che in Cina.
Il cinese a mio avviso non è un idioma né tecnico né logico (o almeno che non risponde alla “nostra” di logica). Non ha alfabeto ma delle schifezze chiamate caratteri. Nel cinese classico ogni carattere era una parola, cioè aveva un significato (o una funzione precisa nella frase). Oggi anche, ma per lo più una parola è formata da 2 o 3 caratteri. I caratteri sono troppi, chi dice 6.000 chi dice 12.000, il problema non è tanto quanti sono ma quali vengono usati e a che pro. Se volete parlare un cinese elementare bastano 2-3 mila caratteri, per leggere un giornale o seguire un corso universitario in cinese ne servono di più. Un carattere è formato da dei radicali, ovvero delle parti fisse di caratteri, che ritornano sempre uguali e hanno spesso significato proprio (ne esistono circa 190). I radicali sono formati a loro volta da dei tratti, ovvero dei segni di pennello, anch’essi fissi e sempre uguali. Più segni fanno un radicale, più radicali un carattere, più caratteri una parola, più parole una frase e così via. Seguitemi, siamo quasi arrivati. Dunque imparando i tratti, i radicali e 3-4 mila caratteri (oltre ad una conoscenza della sintassi e ad una pronuncia necessariamente perfetta per una questione di toni che non sto qui a tirare fuori sennò vi suicidate subito) si può parlare cinese. Purtroppo non è così facile. E qui sta il punto: le parole cinesi sono troppe, direi quasi infinite, perché ad ogni carattere si associano più significati, ad ogni significato più caratteri, immaginate cosa esce fuori se mi metto ad associare insieme 2 o 3 caratteri per tirare fuori significati!! Quello che voglio dire è che quando un cinese mi chiede cosa mi resta più difficile nello studio della lingua cinese non ho mai dubbi, rispondo sempre “avete troppe troppe parole”. Ancora dopo 6 anni che ho a che fare col cinese e dopo 2 anni di studio e lavoro in Cina scopro nuove parole usate quotidianamente per dire frasi banalissime come “chiedo permesso” o parole come “tempo”. Da suicidio veramente. La fonetica è anche tosta, ma la si perfeziona col tempo. La sintassi è semplice (rispetto a quella latina, italiana o sanscrita) e comunque nel parlato è un po’ un’anarchia totale, ognuno mette soggetto e verbo come più gli piace. E c’è una frase che ahimè troppo volte mi sono sentito dire dai prof e continuo a sentire: “Daniele, bello e interessante quello che hai scritto, ma, come dire, noi cinesi non siamo soliti dire così, qui usiamo piuttosto quest’ altra espressione, qui usiamo piuttosto questa parola”. Maledetti. Sintassi apposto, concetto perfetto ma le parole e il modo di metterle insieme è inusuale, perché loro sono soliti esprimersi con altre parole. La lingua cinese non è libera. Cioè non puoi usare parole nuove appena studiate per indicare altri concetti. Ogni parola è legata a dei concetti fissi, storici, tradizionali. I cinesi non si esprimono a parole ma a proverbi, a frasi fatte. Si esprimono a chengyu, ovvero a una sorta di frasi fatte di 4 caratteri dove dentro è racchiuso tutto il significato di una frase che tradotta in italiano servono 100 parole per spiegarla. Pazzesco. Esprimono concetti altissimi in 4 parole. Se vuoi esprimere lo stesso concetto con altre parole semplicemente non puoi farlo. Perché è già stato espresso e scritto da poeti e mandarini già 2000 anni fa. Attaccati al cazzo viso pallido europeo.


p.s. Se qualcosa non fosse chiaro (non e' chiaro neanche a me) sono a vostra disposizione per ogni problema.

6 Comments:

At 7:02 PM, Blogger silvia said...

altro che secondo anno di studio del cinese.. è meglio che comincio a pensare al suicidio
^^

 
At 7:58 PM, Anonymous Alessia said...

Amen fratello!!

 
At 9:21 PM, Anonymous Anonymous said...

Secondo me sei tu quello che non ha capito molto dopo 6 anni come dici tu...già il fatto di enumerare solo 190 radicali ne è un esempio lampante..non parlerei di "suicidio" ma di applicazione e giusto metodo..in fin dei conti senza offesa se dopo tutto questo tempo che vivi e lavori lì non hai imparato come si dicono certe cose, beh forse stai perdendo il tuo tempo o lo stai applicando male lol

zaijian

 
At 11:36 PM, Anonymous fxl said...

a volte mi domando: perchè molti europei che studiano lingua cinese in un certo senso finiscono per "offendere" quello che studiano..definisci quei caratteri schifezze..quei caratteri a partire dai tradizionali hanno millenni di storia..nella storia della lingua la cinese è una delle pochissime ad aver mantenuto la sua struttura e caratteri.normale che ti ritrovi a dire un proverbio con quattro caratteri.tra l'altro la lingua stessa rappresenta il concetto di mutevole/non mutevole del pensiero cinese..etc..cmq ho capito il tuo intervento.

zaijian

 
At 8:04 AM, Blogger 风骚达哥 said...

20160329 junda
ray ban sunglasses
lacoste shoes
christian louboutin outlet
true religion
vans sk8 hi
valentino shoes
ralph lauren outlet
ferragamo shoes
sac longchamp pliage
michael kors outlet,michael kors outlet online,michael kors outlet store,michael kors handbags,michael kors bags,michael kors watches,michael kors purses
versace shoes
kate spade outlet
christian louboutin outlet
jimmy choo shoes
canada goose jacket
burberry uk
burberry outlet
puma shoes
fitflops
pandora charms
coach factory outlet
coach outlet store online
nike tn
ecco shoes
nike air max uk
bottega veneta outlet
converse
ed hardy uk
canada goose uk
ralph lauren outlet
michael kors outlet online
canada goose outlet
cartier love bracelet
nike air max
louboutin outlet
oakley sunglasses
burberry
stephen curry shoes
coach outlet
coach outlet online

 
At 7:48 AM, Blogger aaa kitty20101122 said...

jordan shoes
air jordan
kobe bryant shoes
ferragamo belt
yeezy boost
longchamp
nike football boots
roshe shoes
lebron 13
reebok outlet

 

Post a Comment

<< Home