Thursday, August 25, 2016

1997-2016: abitudine ballereccia.


Come c'era da aspettarsi, oggi a Macerata e in tante altre zone dell'Italia centrale non si è parlato altro che di terremoto. Svegliarsi nel cuore della notte con i muri che ballano e la paura di morire. La memoria va inevitabilmente alle forti scosse del 1997 tra Marche e Umbria. Giornata, quella di oggi, di angoscia, tensione, dolore. Per sdrammatizzare, una canzone in dialetto maceratese dell'entroterra su quello che da queste parti è chiamato "lu tirimotu":

Me so' rizzata come ogni jorno
ho misto a coce lu pa' là lu fornu
po' ho ditto a Neno "Dimme perché
tu si spostato tutti li vicchiè?"
Agghio risposto "Ma tu si scema
io non so' entratu da ieri a cena!"
po' so' saputu che anghe de notte
lu tirimotu ha dato tre bbotte

Sendo lu ca' che lucca forte
se pacca lu muru se apre le porte
da lu soffittu vene jò tutto
casca li santi e lo presutto
Scappo de fori e chiamo "Gina!"
essa è rimasta chiusa in cucina
rmango lontano in mezzo allu spiazzu
intando so' sarvu me freca un cazzu


Vincisgrassi, "Lu tirimotu"
https://www.youtube.com/watch?v=0PTo2K1GUDY

0 Comments:

Post a Comment

<< Home