Monday, June 23, 2008

Il barista, il cameriere e la puttana





Si sa, nella vita bisogna sapersi arrangiare e imparare a far di tutto. Puttane comprese. Credo non sia necessario scendere sui marciapiedi per vendersi il culo. Nella Pechino pre Olimpica le opportunità di lavoro fioccano, tutte riassumibili sotto la categoria "prostituzione", ovvero sfruttamento nei vari campi del marketing, traduzione, televisione, cinema, ristorazione e via dicendo. Prostitute cercasi! Tuttavia, dato che sul piatto da cui si mangia si cerca di non sputare, bisogna dire che sono occasioni per fare esperienza, conoscere gente, migliorare il cinese, pagarsi i viaggi e le feste post esame.
E allora eccomi barista. Sapete fare i cocktails? Io no, neanche li bevo, preferisco roba liscia, secca, vino birra vodka whisky, che diavoleria sono gli alcolici misciati con succhi e coloranti?! Eppure ai giovani piacciono i cocktails e bisogna imparare a fare i cocktails. La parola "cocktail" è di dubbia etimologia, probabile che venga da "coda di gallo" ("cock-tail" in inglese), perchè ridà ai suoi colori. Un amico argentino mi fa la cortesia di farmi una breve storia dei cocktail, spiegandomi teorie e pratiche dei cocktails, come mischiare soft drink e alcolici per poi versarli in Collins, Rock e Fantasy, aggiungere Granadine e Blu Corasao, come schekerare col Boston, la bibbia del gelo e via dicendo. In due ore ho capito tutto ma non ricordo nulla, troppi cocktails, confondo gli ingredienti. Spero i cinesi non se ne accorgano. Il giorno dopo eccomi in una serie di villette a schiera iper lusso fuori Pechino, costruite da poco, in vendita per ricchi cinesi. In una di queste orribili villette da un milione di euro eccomi al bancone a servire cocktails ai clienti. Per fortuna i clienti sono pochi e in assenza di ghiaccio e rhum tequila vodka non posso fare quasi nulla, se non limitarmi a versare coca cola e birra. In cinque ore faccio cento euro, conosco dei musicisti sudamericani, simpatici cinesi che arrivano in Ferrari nera e scolo tutta la birra e il Bacardi rimasti. Non male.
E allora il giorno dopo eccomi cameriere al piano terra di un hotel stralusso per una promozione di caffé. Io e un altro puttano russo dobbiamo servire, vestiti da pinguini, sette tipi di caffé ai ricchi clienti cinesi. I sette tipi sono 美式咖啡Espresso, 情人拿铁Valentino Latte, 摩卡Moka, 卡布奇诺Cappuccino, 马其哈朵Macchiato, 大理石摩朵(non so) e 焦糖拿铁(non so). Per fortuna anche stavolta i clienti sono pochi, in ogni caso è sempre imbarazzante presentarsi traballante con vassoio e tazze bollenti e chiedere "Il signore desidera bere del caffé?" e mai che ti rispondessero "Sì grazie, me ne dia una tazza prima che le caschi tutto e si ustioni le spalle", rispondono invece "Come parli bene cinese! Da dove vieni!" e lì ti senti come una cameriera albanese o argentina in Italia, devono per forza farti notare che non sei loro compatriota ma un morto di fame emigrato venuto qui per servire questi signori che sono talmente gentili da farti anche i complimenti per il tuo cinese. Invidio l'altro puttano russo, non parla cinese e fa il 90% del lavoro in meno. "Sono italiano. Non parlo bene cinese". "Che bella l'talia!". "Già... ehm... il caffé...?!"."Due succhi di frutta e un thé per favore, grazie". O anche "Che caffé mi consiglia?". Merda, io il caffé non lo bevo, non so distinguere un caffé latte da un cioccolata calda... "Ehm, a me piace il Cappuccino...". Non è vero, ma il Cappuccino lo mettono in una comoda tazza alta, la Moka e il Macchiato in delle tazze con piattino, difficili da servire. E insomma tra una chiacchierata e un caffé servito ti passano tre ore e intaschi le tue 40 euro. Ma in metro sulla via di casa un po' ti senti una merda, essere italiano e servire caffé ai cinesi senza neanche saper distinguere un Espresso da cazzotto in un occhio...
E allora capita anche che ti ritrovi a fare il caporale. Il caporale è quell'antipatico lavoro di reclutamento del personale straniero (comparse) da mandare per film e pubblicità. Di solito lo fanno gli agenti cinesi ma sempre più spesso lo lasciano fare ai giovani stranieri che parlano abbastanza bene il cinese e hanno esperienza come comparse. Il caporale lo odio perchè una volta tra giovani studenti stranieri ci si aiutava e passavano i lavori gratis, ora c'è sempre chi ci fa la cosidetta "cresta", ovvero "tu lavori, io guardo e intasco i soldi". Stavolta toccava a me fare il caporale ma per fortuna poi è saltato tutto. Usare gli amici per 30 euro non è da 25enne, è più da imprenditore fallito con i debiti fino al collo.
Da tre giorni nel campus dell'università girano e gironzolano bande di studenti cinesi neo-laureati, con tanto di casacca nera e cappello da idiota laureato stile americano. Occupano le strade, i giardini, i prati, si fanno foto in ogni dove, tra di loro, senza parenti o familiari. In Italia è un po' diverso, discuti la tesi senza uniforme, alle spalle gli amici armati di bottiglie di vino, il papà in cravatta, la mamma in lacrime, le nonne piccole piccole nelle loro pellicce del dopoguerra e le cugine con i fiori, appena ricevi la stretta di mano del presidente di commisione alzi i pugni al cielo, scatta l'applauso e mezz'ora dopo sei giù ubriaco nero a rotolarti nel prato più vicino con la mamma ancora in lacrime e gli amici che fanno girare gli spinelli sotto lo sguardo leggermente contrario del padre e dello zio materno. Beh, ad ogni modo auguro a questi neo-laureati cinesi di trovare un buon posto di lavoro e una vita di pace e piacere. A Pechino un neo-laureato prende tra i 200 e i 300 euro al mese, straordinari non pagati e vacanze ridotte al minimo. Noi occidentali prendiamo la stessa cifra in tre quattro giorni di lavoro andando a fare le puttane in televisione. Anche se hai la terza media. Puttana o non puttana, credo la vero vergogna sia questa. Buona fortuna giovani amici cinesi!
foto: la risposta della classe (non) lavoratrice. Grande Matté!

4 Comments:

At 8:03 PM, Anonymous Anonymous said...

Si, probabilmente lo e

 
At 8:05 PM, Anonymous Anonymous said...

La ringrazio per Blog intiresny

 
At 8:23 PM, Anonymous Anonymous said...

necessita di verificare:)

 
At 8:23 PM, Anonymous Anonymous said...

necessita di verificare:)

 

Post a Comment

<< Home